Approfondimenti

I numeri del caporalato

raccolta frutta

Il caporalato non è certo sparito. Anzi, è ancora lì vivo e vegeto con lo sfruttamento delle persone, i rapporti con le mafie e le istituzioni che guardano dall’altra parte. In tutto sono 400mila i lavoratori agricoli a rischio, lo dice il quarto rapporto Agromafie e Caporalato dell’Osservatorio Placido Rizzotto della Flai-Cgil che è stato presentato nel luglio scorso.

In totale i braccianti nel nostro Paese sono circa 1 milione e i migranti si confermano una risorsa fondamentale. Nel 2017 ne sono stati registrati 286mila, circa il 28% del totale. A questi dati vanno aggiunte le stime sul sommerso, oltre 220mila stranieri che vengono assunti in nero o che hanno una retribuzione molto inferiore a quella prevista dai contratti nazionali.

Complessivamente il business del lavoro irregolare e del caporalato in agricoltura vale quasi 5 miliardi di euro e il tasso di irregolarità è pari al 39,9%, tanto che si calcola un’evasione contributiva di quasi 2 miliardi di euro. Questi numeri, si legge nel rapporto, confermano purtroppo uno scenario simile agli anni precedenti – nonostante la legge contro il caporalato approvata nel 2016 – anche se nel 2017 proprio grazie alle nuove norme ci sono stati 71 arresti.

In tutto oggi sono 30mila le aziende che ricorrono all’intermediazione, circa il 25% del totale. Il caporale ingaggia i braccianti e viene pagato dal proprietario dell’azienda, ma anche dagli stessi lavoratori che devono dargli una parte del loro compenso e sono costretti a versare anche 5 euro di trasporto per arrivare al campo, 3 euro per il panino e 1,5 euro per una bottiglietta d’acqua.

La paga media resta tra i 20 e i 30 euro al giorno, 3-4 euro l’ora, da 8 a 12 ore di lavoro e spesso le ore pagate sono molte meno di quelle realmente lavorate. Un salario inferiore di circa il 50% rispetto a quelle previsto. Le donne, inoltre, percepiscono il 20% in meno rispetto ai loro colleghi. Nei casi gravi di sfruttamento, alcuni migranti percepiscono un salario di 1 euro all’ora.

L’ultima parte del rapporto “Agromafie e Caporalato” dell’Osservatorio Placido Rizzotto è dedicato ad analizzare gli ultimi sviluppi del fenomeno. Il 60% dei caporali sono capi-etnia, il 10% sono collusi direttamente con le mafie che fissano un borsino con il salario di ogni piazza, che poi i caporali gestiscono.

A Mondragone, vicino Caserta, e a Borgo Mezzanone, vicino Foggia, c’è un nuovo fenomeno: rom che arrivano direttamente dalla zona di Sliven, in Bulgaria, gestiti a costo familiare di 3 euro l’ora. In un anno ruotano 6-7mila persone che cambiano ogni due mesi.

raccolta frutta

RIASCOLTA L’INTERVENTO

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 24/07 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 24/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 24/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Popsera di mercoledì 24/07/2024

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione dalla prima serata per tutta l’estate e nel periodo festivo di fine anno. Si comincia alle 18.00 con le notizie nazionali e internazionali, per poi dare la linea alle 19.30 al giornale radio. Popsera riprende con il Microfono aperto, per concludersi alle 20.30. Ogni settimana in onda un giornalista della nostra redazione.

    Popsera - 24-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di mercoledì 24/07/2024

    Quando l'esaurimento è dietro l'angolo quindi non resta che fare delle lunghe e vitali abluzioni nel Grunge. Tra una lavatura e l'altra grazie al nostro Toni Gorgonzola si apre un ampio dibattito sulla dieta druidica e sulle varie erbe da addomesticare. E non ci facciamo mancare certamente un bel pianto commemorando i morti del grunge.

    Poveri ma belli - 24-07-2024

  • PlayStop

    Parla con lei di mercoledì 24/07/2024

    Ospite della puntata la poliedrica Miriam Camerini, regista teatrale, attrice,cantante nonché studiosa di ebraismo, fra le poche donne al mondo che ha intrapreso il percorso da rabbino. Con lei si parla di teatro iddish, di cultura ebraica, di ebrei erranti e di cucina e precetti religiosi. Insolita e imperdibile.

    Parla con lei - 24-07-2024

  • PlayStop

    ABNE ep.20 - L'altro lato della medaglia

    Si naviga verso l'isola d'Elba, ma non solo per motivi turistici. Nella puntata del 23 luglio, infatti, abbiamo avuto il piacere di ospitare la giornalista Alice Facchini, che attraverso una serie di articoli su slow-news.com, ha indagato su diverse problematiche della più famosa isola minore italiana passando dall'istruzione, alla sanità, fin anche ai trasporti.

    Clip - 24-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di mercoledì 24/07/2024 delle 14:32

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 24-07-2024

  • PlayStop

    Il Filo della Storia - Hoodie

    Hoodie: un cappuccio, mille narrazioni. A cura di Alba Solaro

    Il Filo della Storia - 24-07-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 24/07/2024

    Oggi a Cult Estate: Filippo Andreatta presenta "Feminist Futures" a Centrale Fies di Dro; Mariano Dammacco parla di "La morte ovvero il pranzo della domenica", con Serena Balivo, visto al Kilowatt Festival di Sansepolcro; alla Biennale Danza 2024 l'artista svizzera Nicole Seiler introduce "Human in the Loop", in cui i performer danzano su istruzione dell'A.I; al Monte Verità di Ascona "Winding and unwinding, the cool couple" ispirata a Olga Frobe Kapteyn...

    Cult - 24-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di mercoledì 24/07/2024

    A cura di Mattia Guastafierro e Massimo Alberti. Il primo comizio di Kamala Harris da candidata alle presidenziali statunitensi con Roberto Festa. Il giorno più caldo di sempre con Francesco Pasi, climatologo e meteorologo del consorzio Lamma. L'inasprimento delle operazioni israeliana a Gaza con Cecilia Dalla Negra, direttrice del sito di informazione sul mondo arabo-musulmano Orient XXI Italia. La visita del ministro degli esteri ucraino in Cina con Luigi De Biase del Manifesto. Il fenomeno true crime, dalla strage di Erba al caso di Yara Gambirasio: quando le tesi innocentiste diventano revisioniste con Piero Colaprico.

    Giorni Migliori – Intro - 24-07-2024

Adesso in diretta