Approfondimenti

Honduras, un Paese ostaggio delle gang criminali

Tegucigalpa Honduras ANSA

Il giorno dopo aver seppellito sua sorella, uccisa in mezzo alla strada da un colpo di pistola, a Maria Rodriguez è stato recapitato un biglietto anonimo dove le veniva intimato di lasciare la sua casa, il suo lavoro, tutti i suoi averi. Se avesse rifiutato, sarebbe stata assassinata. Il nome di Maria Rodriguez è di fantasia per proteggerne l’identità ma la sua storia, simile a quella di molte altre persone in Honduras, è vera ed è stata raccontata sul Guardian dalla giornalista Sarah Johnson.

Sono centinaia di migliaia gli honduregni che subiscono la violenza delle gang e che hanno dovuto stravolgere la loro vita. I dati più recenti ci dicono che tra il 2004 e il 2018 gli sfollati interni sono stati quasi 250mila, un numero che equivale al 2,7% della popolazione totale del Paese.

Rodriguez viveva a Tegucigalpa, la capitale dell’Honduras, in un quartiere violento dove la Calle 18 e MS-13, le due più note gang del Paese, terrorizzano i residenti e spadroneggiano sul territorio.

L’Honduras è afflitto dalla violenza delle gang da decine di anni. Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine è il quarto Paese al mondo con il più alto tasso di omicidi. Mi è stato detto da un professore del posto che le politiche sociali sono davvero deboli e alle gang è stato quindi permesso di espandersi senza particolari difficoltà. E mi è stato anche riferito che più dei due terzi della popolazione non crede che le autorità conducano indagini serie, che portino a risultati concreti. I casi spesso non finiscono nei tribunali e il livello di impunità porta a un aumento delle violenze. Le gang spesso prendono di mira le attività locali e pretendono da loro una parte dei profitti ogni settimana. C’è anche molta violenza sessuale contro donne e bambini. La violenza in Honduras esiste davvero in ogni forma.

Questa situazione critica viene affrontata dalla Croce Rossa internazionale e da poche altre organizzazioni non governative che provano a offrire aiuti specifici alle persone coinvolte nelle violenze. Ma la loro attività riesce a soddisfare soltanto le necessità di una piccola parte.

Al momento non ci sono aiuti governativi. Le vite di queste persone sono davvero difficili: se provano a resistere contro le violenze rischiano la morte, l’abuso sessuale, minacce e aggressioni. In molti casi lasciano il Paese e tentano di arrivare, tra mille pericoli, negli Stati Uniti. Queste persone poi non affrontano solo difficoltà economiche ma anche grossi problemi di salute mentale. I più giovani interrompono gli studi mentre gli adulti faticano a trovare lavoro.
Il Governo è consapevole del problema: il precedente esecutivo nel 2013 ha istituito una commissione per analizzare l’impatto di questo fenomeno e trovare soluzioni, mentre nel marzo 2019 una proposta di legge è arrivata al Congresso Nazionale dell’Honduras. Se venisse approvata consentirebbe l’implementazione di politiche pubbliche per agire concretamente sul problema. Ma è la proposta è bloccata da tre anni perché nessuno sembra essere interessato a farlo approvare. Molte persone con cui ho parlato in Honduras nutrono grandi speranze nei confronti della nuova presidente, Xiomara Castro. È la prima presidente donna e gli attivisti sono ottimisti sul fatto che possa portare benefici nel Paese e mi è stato detto che il nuovo Governo è già al lavoro per rimuovere dalle cariche istituzionali personaggi legati ad attività criminali.

Poco meno di un mese fa Johnson è rientrata dall’Honduras. È ancora in contatto con Maria Rodriguez.

La situazione è ancora molto difficile, l’ho sentita alcuni giorni fa e la sua vita continua a essere precaria. Sta ricominciando da zero ma gli aiuti sono limitati. E ora deve farcela da sola in un Paese tormentato dalla povertà, dalle disuguaglianze, duramente colpito dalla pandemia, dalla crisi climatica e dalla violenza delle bande.

di Eleonora Panseri

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/06/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di lunedì 27/06/2022

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 27/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di domenica 26/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 26/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/06/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 26/06/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 27/06/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 26/06/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 27/06/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 26/06/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 27/06/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 26/06/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 27/06/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 26/06/2022

    Incantagioni, il nuovo libro di Mariano Tomatis, racconta sei storie di donne ribelli nel mondo del mentalismo; è uscito Prostitute…

    Sui Generis - 27/06/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 26/06/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 27/06/2022

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 26/06/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 27/06/2022

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 26/06/2022

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 27/06/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 26/06/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 27/06/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/06/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 27/06/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/06/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 27/06/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 25/06/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 27/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 25/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/06/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/06/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 27/06/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/06/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 27/06/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/06/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 27/06/2022

Adesso in diretta