Approfondimenti

Grecia, i respingimenti al confine con la Turchia e i migranti usati per il “lavoro sporco”

migranti respinti al confine tra Grecia e Turchia

È dal 2008 che l’ONG internazionale Human Rights Watch monitora in Grecia i respingimenti dei migranti al confine con la Turchia. Sono trascorsi 14 anni da allora e le cose non sono cambiate.
Anzi, se possibile, sono anche peggiorate. “Their Faces Were Covered” è il titolo del nuovo report di Human Rights Watch, pubblicato sul sito il 7 aprile. Nelle 29 pagine dell’inchiesta, realizzata grazie alle testimonianze di 26 persone di origini afghane respinte al confine, sono riportate le violenze delle autorità greche. Secondo Human Rights Watch, nei pressi del fiume Evros, i richiedenti asilo vengono picchiati, derubati e denudati prima di venire respinti. Dai loro racconti è emerso poi un particolare agghiacciante: le imbarcazioni con le quali gli intervistati vengono costretti ad attraversare il fiume per tornare in Turchia sono guidate a loro volta da migranti con il volto coperto da passamontagna.

“Il conducente della barca mi ha detto: “Stiamo facendo questo lavoro per tre mesi poi ci daranno un documento con cui potremo muoverci liberamente per la Grecia e prendere anche un biglietto per andare in un altro Paese”, ha raccontato un comandante dell’esercito afghano di 28 anni, tra le persone ascoltate da Human Rights Watch. Il traghettatore veniva dal Pakistan.

Nel report c’è anche la testimonianza di un giornalista afghano di 25 anni, scappato dal Paese dopo il ritorno dei talebani. A Human Rights Watch ha detto: “Le barche erano guidate da uomini siriani, parlavano arabo. Il siriano che stava sulla nostra ci ha detto di scendere dalla barca quando ancora non avevamo raggiunto l’altra riva. Io non so nuotare e l’ho pregato di non lasciarmi lì. Così ha avvicinato l’imbarcazione a un albero sulla riva turca e aggrappandomi a quello sono arrivato sulla terra ferma…”.
Una terza testimonianza, quella di un ragazzo afghano di 18 anni, conferma le altre due storie: “Al confine, c’erano persone che ci aspettavano e sentendoli parlare abbiamo capito che erano pakistani e arabi. Questi uomini hanno preso i nostri soldi e ci hanno picchiato. Mi hanno colpito con dei bastoni. Poi ci hanno abbandonato nel mezzo del fiume. L’acqua mi arrivava al petto e tutti abbiamo dovuto attraversare l’altra metà per raggiungere la Turchia”.

A giugno 2021 il governo greco ha dichiarato che la Turchia è un “paese terzo sicuro” per i richiedenti asilo dell’Afghanistan, del Bangladesh, della Somalia e della Siria. La Turchia però non risponde in alcun modo ai criteri stabiliti dall’Unione Europea nella definizione di “paese terzo sicuro”. Dal 2019 infatti Ankara ha costretto centinaia di siriani a lasciare il Paese, esponendo le persone che tentano la fuga in Grecia, e che poi vengono respinte, al rischio di un pericoloso ritorno in Siria. Come ricorda Human Rights Watch, i respingimenti sono violazioni dei diritti umani. La Convenzione europea dei diritti dell’uomo vieta infatti le espulsioni collettive. Mentre la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea riconosce il diritto di asilo.
Nel report dell’organizzazione si legge anche che il Governo greco nega ormai da anni qualsiasi coinvolgimento nei respingimenti, etichettando le accuse come “fake news” o “propaganda turca” e minacciando, con sanzioni penali, chiunque riporti questi fatti. Effettivamente, ora sappiamo perché le autorità greche vadano considerate solo parzialmente coinvolte nei respingimenti, visto che sono altri richiedenti asilo a fare il lavoro sporco. Con l’ingannevole promessa di un futuro diverso.

Eleonora Panseri
  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 28/02 12:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 28/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 28/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 28/02/2024

    Oggi a Cult: la stand up comedian Giorgia Fumo con lo show "Vita bassa" al TAM Arcimboldi; Giovanni Piperno sul film "16 mm alla rivoluzione"; la mostra "Mariella Bettineschi. All in one" a Triennale Milano; Muta Imago a Triennale Teatro con "Tre sorelle; Marco Pesatori sul suo libro "Astrologia per intellettuali" (Mimesis)...

    Cult - 28-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 28/02/2024

    Pubblica, mezz’ora al giorno di incontri sull’attualità e le idee con Raffaele Liguori

    Pubblica - 28-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 28/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 28/02/2024

    PRIMARIE DEMOCRATICI IN MICHIGAN, SEGNALI NEGATIVI PER JOE BIDEN con Roberto Festa - LE TRATTATIVE PER IL CESSATE IL FUOCO A GAZA con Cristian Elia giornalista, autore di “J'accuse. Gli attacchi del 7 ottobre, Hamas, il terrorismo, Israele, l'apartheid in Palestina e la guerra” con Francesca Albanese, relatrice speciale Onu per i diritti umani in Palestina - ARIA INQUINATA, STATO DI EMERGENZA IN REGIONE LOMBARDIA? con Alessandro Braga, Simone Negri consigliere regionale PD e Michela Palestra consigliera regionale Patto Civico - FRANA NELLA NOTTE IN VALMALENCO, RIAPERTA LA STATALE aggiornamenti con Giovanni Gianotti sindaco di Torre Santa Maria (SO) - CASO IUVENTA, ULTIME UDIENZE PRELIMINARI: ANDRANNO A PROCESSO? con Francesca Cancellaro, avvocata del team legale Iuventa. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 28-02-2024

  • PlayStop

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 28/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 28-02-2024

  • PlayStop

    PoPolaroid di martedì 27/02/2024

    La prima volta che ho ascoltato I’m your man, era un grigio, piovoso e ventoso pomeriggio di novembre. La persiana sbatteva rumorosamente, e con il cuore che era in frantumi invece di alzarmi per affrancarla al battente, alzavo il volume del giradischi. Nel 1988 c'era ancora il giradischi, chiamato "stereo" per fare più bella figura. La voce sensuale e malinconica di Leonard Cohen riempiva la stanza. Cantava di un uomo disposto a indossare qualsiasi maschera per il suo amore. Pochi giorni prima, il mio mi aveva lasciato e come cantava Cohen, avrei fatto qualsiasi cosa per farla tornare. Avrei indossato qualunque maschera, avrei voluto essere tutto ciò che lei avesse desiderato. Ma era troppo tardi. Troppi errori e promesse non mantenute. In quella stanza dalle pareti verdi, con il fantasma dei miei 31 anni che mi tormentava, ho ascoltato quella canzone ininterrottamente, chiedendomi quale maschera avrei dovuto indossare per riportarla a me. Poi, all'improvviso, ho realizzato: "Forse non dovrei indossare nessuna maschera". Mi sono alzato e sono andato alla finestra per fermare la persiana. Playlist: I’m Your Man - Famous Raincoat Blue - Leaving The Table - Chelsea Hotel - On The Level - Almost Like The Blues - Hey, That’s No Way To Say Goodbye - You Got Me Singing - If I Didn’t Have Your Love - Take This Walz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 27-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di martedì 27/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27-02-2024

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 27/02/2024

    Speciale Associazioni Cosa vuol dire essere non binario? Ci sono associazioni a Milano che hanno gruppi non-binary? Ne parliamo con Vitto e il Team Gruppo Non-Binary del CIG Arcigay Milano nato nel 2023 e che organizza diverse attività per chi abbraccia l'identità di genere non binaria o, semplicemente, vuole conoscere meglio il tema. https://www.instagram.com/nonbinary.cigarcigaymilano/ nonbinary@arcigaymilano.org

    L’Altro Martedì - 27-02-2024

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 27/02/2024

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle nuove tecnologie. Ogni settimana approfondiamo le notizie più importanti, le curiosità e i retroscena di tutto ciò che succede sul Web e non solo. A cura di Marco Schiaffino.

    Doppio Click - 27-02-2024

Adesso in diretta