Approfondimenti

Gran Bretagna sotto shock

La Gran Bretagna è sotto shock, questo è il senso che danno i media britannici il giorno dopo la morte di Jo Cox, uccisa per strada ieri pomeriggio a Birstall, vicino Leeds, nello Yorkshire, nel nord dell’Inghilterra.

Shock non tanto perché questo omicidio arriva a pochi giorni dal referendum sulla Brexit, l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, ma perché in questo Paese la violenza di strada e la violenza contro i politici non è assolutamente una cosa abituale. In queste ore le radio e le tv britanniche ricordano proprio come gli attacchi contro i rappresentanti politici siano un lontano ricordo del conflitto in Nord Irlanda, e come comunque siano sempre stati una rarità. Nulla a che vedere con gli Stati Uniti.

“Le campane della chiesa di St Peter a Birstall – scrive BBC, la Radiotelevisione Britannica – sono suonate ieri sera 42 volte. Jo Cox, madre di due figli, deputata del partito laburista, avrebbe compiuto 42 anni la prossima settimana”.

Le foto delle veglie per Jo Cox sui media britannici raccontano poi un altro aspetto della politica britannica, o meglio del rapporto tra la politica e la società in Gran Bretagna. A differenza di quello che succede in molti altri Paesi, pensiamo per esempio all’Italia, i deputati, i membri del parlamento, sono spesso molto legati alla comunità locale, alla circoscrizione, dove vengono eletti. Jo Cox, come molti altri deputati a Westminster, il parlamento britannico, era figlia della sua comunità.

BBC scrive anche che “non è esagerato definirla una star: era coraggiosa, divertente, intelligente”. Nel dicembre scorso, insieme ad altri quattro deputati del partito laburista, si astenne nel voto sui bombardamenti contro l’ISIS in Siria, schierandosi in sostanza con il governo Cameron e contro la leadership del suo stesso partito.

L’editoriale del Guardian, il giornale di riferimento per i progressisti britannici e uno dei quotidiani più autorevoli al mondo fa questa considerazione: “Il passaggio dalla civilizzazione alle barbarie è molto più breve di quanto avremmo potuto immaginare. Ogni crimine violento è un attacco contro la società, ma quando l’attacco è contro le persone che sono state scelte per scrivere le regole di quella società allora l’affronto è molto profondo”.

Lo stesso editoriale si interroga sulle motivazioni che possono aver spinto l’assalitore, un uomo di 51 anni. Una delle ipotesi è che almeno a livello di ispirazione ci fosse un legame con l’ideologia dell’estrema destra: “La retorica del razzismo occidentale e dell’islamofobia – scrive il Guardian – è lo specchio dell’ideologia grazie alla quale gruppi come ISIS e Al Qaeda riescono a fare nuove reclute”.

Ovviamente i media britannici s’interrogano sull’assalitore. Il Daily Telegraph, uno dei giornali più venduti in Gran Bretagna, scrive che Thomas Mair, questo è il suo presunto nome, è un uomo di 51 anni, solitario, con un passato di problemi mentali (così avrebbe riferito il fratello). Sarebbe stato abbonato, tempo fa, a una rivista di estrema destra proveniente dal Sudafrica. Mair viveva da solo e secondo i suoi vicini di casa non aveva mai avuto un lavoro fisso.

A meno di una settimana dal referendum sulla Brexit è naturale domandarsi che conseguenze avrà l’omicidio di ieri a Birstall sulla campagna referendaria, al momento interrotta, e poi sul voto di giovedì prossimo, 23 giugno. I media britannici, però, non danno assolutamente risalto a questa questione. Il Yorkshire Post, il giornale locale della regione dove Jo Cox è stata uccisa, si limita a ricordare le sue parole sulla Brexit: “L’uscita dall’Unione Europea non è la risposta alle paure e alle preoccupazioni sull’immigrazione”. Lo Yorkshire, nel nord dell’Inghilterra, è una di quelle regioni britanniche dove negli ultimi anni è cresciuto molto il sentimento anti-europeo.

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 23/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 23/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 23/05/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 23/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 23/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 23/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 23/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 23/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 23/05/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 23/05/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 23/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 23/05/2022

    Dove si ricorda il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo…

    Muoviti muoviti - 23/05/2022

  • PlayStop

    Coralli e crocchette

    Con Zeina Ayache e Andrea Bellati

    Di tutto un boh - 23/05/2022

  • PlayStop

    Nando Dalla Chiesa, Ostinati e contrari. La sfida alla mafia nelle parole di due grandi protagonisti

    NANDO DALLA CHIESA - OSTINATI E CONTRARI. LA SFIDA ALLA MAFIA NELLE PAROLE DI DUE GRANDI PROTAGONISTI – presentato da…

    Note dell’autore - 23/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 23/05/2022

    Si parla con Andrea Mustoni del suo libro Un uomo tra gli orsi, il racconto di un'avventura sulle Alpi, ediciclo…

    Considera l’armadillo - 23/05/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 23/05/2022

    Intervista a Louise Bartle dei Bloc Party

    Jack - 23/05/2022

  • PlayStop

    Trentanni fa l'assasinio del Giudice Falcone

    Questa mattina a Prisma abbiamo ascoltato le voci di allora, l'intervista di Lele Liguori a Giuseppe Costanza, l'autista di Falcone…

    Clip - 23/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di lunedì 23/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 23/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 23/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il festival del cinema di Cannes, Emilio…

    Cult - 23/05/2022

  • PlayStop

    Il veleno di Punta Catalina

    Non è solo l'ennesimo progetto killer del clima. La centrale a carbone di Punta Catalina, nel paradiso naturale della Repubblica…

    Omissis - 23/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 23/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 23/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 23/05/2022

    GUERRA, ULTIMI SVILUPPI, ANALISI E COMMENTI con Emanuele Valenti, Mara Morini docente di Politiche dell'Europa Orientale all'Università di Genova e…

    Prisma - 23/05/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 23/05/2022

    Guarda che Lune oggi, con Claudio Jampaglia e Giuseppe Mazza, è dedicato alla memoria, di Falcone e della luce sulla…

    Guarda che Lune - 23/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 23/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 23/05/2022

Adesso in diretta