Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mar 10/12 delle ore 18:30

    GR di mar 10/12 delle ore 18:30

    Giornale Radio - 12/10/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 10/12

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/10/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 10/12 delle 07:15

    Metroregione di mar 10/12 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 12/10/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Malos di mar 10/12 (prima parte)

    Malos di mar 10/12 (prima parte)

    MALOS - 12/10/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 10/12 (seconda parte)

    Malos di mar 10/12 (seconda parte)

    MALOS - 12/10/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 10/12

    Malos di mar 10/12

    MALOS - 12/10/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 10/12 (prima parte)

    Due di due di mar 10/12 (prima parte)

    Due di Due - 12/10/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 10/12 (seconda parte)

    Due di due di mar 10/12 (seconda parte)

    Due di Due - 12/10/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 10/12

    Due di due di mar 10/12

    Due di Due - 12/10/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 10/12 (seconda parte)

    Jack di mar 10/12 (seconda parte)

    Jack - 12/10/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 10/12 (prima parte)

    Jack di mar 10/12 (prima parte)

    Jack - 12/10/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 10/12

    Jack di mar 10/12

    Jack - 12/10/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 10/12

    Si parla con Rosario Balestrieri, Segretario di Ciso Centro Italiano Studi Ornitologici, di Giornata Internazionale per i Diritti Animali, del…

    Considera l’armadillo - 12/10/2019

  • PlayStop

    Radio Session di mar 10/12

    Radio Session di mar 10/12

    Radio Session - 12/10/2019

  • PlayStop

    Memos di mar 10/12

    «Società ansiosa di massa, stratagemmi individuali, scomparsa del futuro, pulsioni antidemocratiche, uomo forte». E’ solo un elenco parziale delle espressioni…

    Memos - 12/10/2019

  • PlayStop

    Tazebao di mar 10/12

    Tazebao di mar 10/12

    Tazebao - 12/10/2019

  • PlayStop

    Cult di mar 10/12 (seconda parte)

    Cult di mar 10/12 (seconda parte)

    Cult - 12/10/2019

  • PlayStop

    Cult di mar 10/12 (prima parte)

    Cult di mar 10/12 (prima parte)

    Cult - 12/10/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di mar 10/12

    LA STRAGE DI PIAZZA FONTANA - Presentato :LORENZA GHIDINI

    Note dell’autore - 12/10/2019

  • PlayStop

    A come America del mar 10/12

    A come America del mar 10/12

    A come America - 12/10/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 10/12 (terza parte)

    Prisma di mar 10/12 (terza parte)

    Prisma - 12/10/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 10/12 (prima parte)

    Prisma di mar 10/12 (prima parte)

    Prisma - 12/10/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 10/12 (seconda parte)

    Prisma di mar 10/12 (seconda parte)

    Prisma - 12/10/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

E’ il G.O.P. di Donald Trump

Donald Trump vince in Indiana e diventa il presunto, probabile, quasi certo candidato dei repubblicani alla Casa Bianca.

[youtube id=”YeEzYSWwiSU”]

Il risultato nello Stato, atteso ma non per questo meno eclatante, consegna a Trump oltre il 53 per cento dei consensi. Ted Cruz, che in Indiana aveva stipulato un accordo di desistenza con John Kasich, non supera il 36 per cento e annuncia il suo ritiro. “Abbiamo dato tutto. Ma gli elettori hanno scelto un’altra strada”, ha detto. La sconfitta in Indiana è particolarmente bruciante per il senatore del Texas. Lo Stato ha una forte base di conservatori e religiosi, e qui Cruz aveva messo in piedi una straordinaria macchina elettorale, con centinaia di volontari e migliaia di elettori raggiunti con una campagna porta a porta.

[youtube id=”ID9kOcqMVCY”]

In campo democratico, Bernie Sanders conquista il 52,5 per cento dei voti e batte Hillary Clinton. “La campagna non è finita”, ha detto il senatore del Vermont all’arrivo dei risultati.

Il voto in Indiana ha però un carattere storico soprattutto per i repubblicani. Dopo essersi aggiudicato tutti i 57 delegati in palio, Trump a questo punto ha la possibilità di conquistare la maggioranza dei 1237 delegati necessari alla nomination prima di arrivare alla Convention di Cleveland. La cosa fa naufragare i piani della leadership repubblicana, che sperava di arrivare a una “contested Convention”, spostando i delegati di Trump su un altro candidato. A questo punto, il tycoon newyorkese appare destinato a toccare soglia 1237 delegati ben prima di Cleveland.

Il carattere inedito di quanto successo in queste settimane, in questi mesi, e culminato nella notte in Indiana, è più evidente se si guarda alla storia. Donald Trump sarà il primo candidato, dopo il generale Dwight D. Eisenhower, a rappresentare i repubblicani in un’elezione senza aver mai avuto un precedente incarico politico. Trump è diventato un “repubblicano registrato” nell’aprile 2012. Per anni, le sue simpatie politiche, e milioni in finanziamenti, erano andati ai candidati democratici. Su molte questioni – dall’aborto al controllo delle armi, dal commercio alle tasse – le sue posizioni sono per anni state antitetiche a quelle del G.O.P.

Dopo il voto in Indiana, Trump ha ringraziato i sostenitori dalla “sua” Trump Tower sulla Fifth Avenue, a New York. Rispetto al passato, è apparso meno propenso a gesti e dichiarazioni eclatanti. Ha detto di essersi trovato nel mezzo “di un anno incredibile” e ha rivolto alla leadership un appello a dimenticare gli scontri del passato. “Vogliamo portare unità nel partito repubblicano”, ha detto, facendo poi riferimento alle donne, un segmento di elettorato che non gli è sempre stato favorevole. “Adoro vincere con le donne”, ha spiegato Trump, minimizzando poi i suoi cattivi ratings tra ispanici e afro-americani. “Vinceremo, vinceremo a novembre. E vinceremo alla grande”, ha concluso.

In campo democratico, la vittoria di Bernie Sanders ridà fiato alla campagna del senatore ma non aumenta le sue probabilità di vittoria. I numeri continuano infatti a favorire ampiamente la Clinton, che prima del voto in Indiana aveva circa 300 delegati di vantaggio su Sanders. Il buon risultato in Indiana – che anticipa probabili risultati positivi per il senatore in altri Stati a larga maggioranza bianca, la West Virginia e l’Oregon – ha comunque un significato politico importante. Sta a significare che il suo appello a una maggiore giustizia sociale, a una redistribuzione delle risorse economiche, mantiene un forte attrattiva ed è capace di mobilitare larghi settori del voto progressista.

[youtube id=”mSXxOzqAROM”]

E’ il messaggio che Sanders vuole portare alla Convention democratica di Philadelphia, e far entrare nella piattaforma ufficiale del partito che verrà scritta in quell’occasione.

  • Autore articolo
    Roberto Festa
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni