Approfondimenti

COVID-19, come si accendono i focolai? Ce lo spiega Massimo Galli

  • Play
  • Tratto dal podcast
    Coronavirus |
COVID Chiusure

Massimo Galli, direttore del reparto malattie infettive dell’Ospedale Sacco di Milano, fa il punto a Radio Popolare sulla pandemia di COVID-19 in Italia e la nascita di nuovi focolai da una parte all’altra del Paese.

L’intervista di Lorenza Ghidini e Claudio Jampaglia a Prisma.

La curva dei contagi sembra stabilizzata in Italia. A che punto siamo?

Diciamo che una serie di piccoli picchi locali fanno sì che si abbia questa sensazione di stabilizzazione con qualche piccola tendenza verso l’alto che possiamo considerare non significativa. Abbiamo una serie di focolai in giro per l’Italia che causano nuovi pazienti. Da tempo è finito il discorso che le nuove diagnosi sono in realtà casi vecchi di persone che erano chiuse in casa col coronavirus durante il lockdown. La quasi totalità delle infezioni che vediamo sono nuove infezioni. Molte derivano da piccoli focolai che vengono immediatamente riconosciuti, almeno fino ad ora, e circoscritti, mi auguro anche con una sufficienti valutazione dei contatti delle persone di cui si ha prova dell’infezione.

Come si accende un focolaio di COVID-19?

Questa malattia si trasmette in una maniera un po’ diversa rispetto all’influenza, sempre con le famose e micidiali goccioline. In questo caso, però, l’80% abbondante delle nuove infezioni è causato dal 10% scarso di quelli che sono stati infettati prima. In altre parole ci sono i cosiddetti super diffusori: una su dieci, ma forse anche meno, delle persone infettate trasmette alla grande, mentre le altre 9 non trasmettono un granché. Quell’1 su 10 è più che abbastanza per mantenere, almeno potenzialmente, la “catena di Sant’Antonio” che vorremmo tutti vedere interrotta.
Alla base dei focolai c’è proprio una condizione di questo tipo. Proprio di recente è verosimile che sia stato un funerale ad avere creato un focolaio di otto persone, con almeno due persone più anziane con conseguenze anche molto pesanti. In questa situazione non siamo soli e forse non siamo neanche quelli messi peggio, però la tristezza è di dover continuare a sottolineare il fatto che dobbiamo continuare a stare molto attenti. A noi sta andando bene, in particolare in Lombardia, perché molti anziani da diverso tempo si guardano molto bene dal mettersi in condizioni di poter correre del pericolo. Stanno chiusi in casa o sono molto attenti a quello che fanno. E questo ovviamente fa la differenza.

Anche negli altri Paesi si stanno vedendo dei focolai generati da super diffusori?

Così pare. Tenete anche presente che da noi, e in particolare in Lombardia, il colpo è stato durissimo e anche la paura e l’attenzione sono proporzionali al colpo subito. Mi sembra che le persone tendano mediamente a rispettare di più tutta una serie di misure di precauzione.

Voi avete avviato una serie di campagne per i test sierologici. Stiamo iniziando a capire meglio lo stato della diffusione?

Le do i miei dati. 22% abbondante a Castiglione D’Adda con una differenza marcatissima tra i bambini e gli anziani. I grandi anziani passano ampiamente il 30% e i bambini stanno intorno al 10%. In paesi come Carpiano e Vanzaghello, altri due comuni in cui abbiamo fatto un lavoro esteso, abbiamo una media decisamente inferiore – Carpiano 5% – e questo ci fa capire come ci sia stata una diversa distribuzione dell’infezione in aree diverse della Lombardia.
Ho un 7% tra i lavoratori dell’ATM e la cosa anche qui interessante da sottolineare è che quelli che hanno meno di 45 anni hanno il 5% di prevalenza e quelli che hanno più di 45 anni sono al 9%. È curioso perché tutti questi dati ti suggeriscono che forse le persone più in età avanzata non solo si ammalano più gravemente, ma sono anche più suscettibili all’infezione. Se qualcuno ancora si balocca prima del vaccino con l’idea del cosiddetto effetto gregge, è meglio che non lo faccia perché anche nelle zona più colpite come Castiglione D’Adda abbiamo meno di un quarto di positivi dal punto di vista degli anticorpi.

Che aspettative ha rispetto al vaccino per il COVID-19? E come vi state organizzando per il vaccino antinfluenzale?

Purtroppo non sono la persona giusta a cui chiedere a che punto siamo. Diciamo che sono abbastanza preoccupato per quello che sento, ma non voglio trasformare cose sentite in verità. Io credo che sia corretto che la popolazione cominci a fare le proprie richieste.
In autunno o in pieno inverno, quando ci troveremo le classi piene di bambini con sintomi influenzali e con difficoltà nell’avere una diagnosi differenziale immediata tra influenza e COVID, saremo contenti di una situazione di questo genere? La affronteremo con serenità? La vaccinazione antinfluenzale diventerebbe importante da questo punto di vista.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 27/11/20 delle 07:15

    Metroregione di ven 27/11/20 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 27/11/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 26/11/20

    Rotoclassica di gio 26/11/20

    Rotoclassica - 27/11/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 26/11/20

    A casa con voi di gio 26/11/20

    A casa con voi - 27/11/2020

  • PlayStop

    Esteri di gio 26/11/20

    1- L’America Latina e Diego Armando Maradona. Un idolo popolare che ha saputo unire un continente . ( Alfredo Somoza)…

    Esteri - 27/11/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 26/11/20

    Ora di punta di gio 26/11/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 27/11/2020

  • PlayStop

    Sunday Blues di gio 26/11/20

    Sunday Blues di gio 26/11/20

    Sunday Blues - 27/11/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 26/11/20

    Uno di Due di gio 26/11/20

    1D2 - 27/11/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 26/11/20

    Considera l'armadillo gio 26/11/20

    Considera l’armadillo - 27/11/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 26/11/20

    Jack di gio 26/11/20

    Jack - 27/11/2020

  • PlayStop

    Stay Human di gio 26/11/20

    Stay Human di gio 26/11/20

    Stay human - 27/11/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 26/11/20

    La solitudine del capitalismo. E’ l’unico sistema economico sopravvissuto alla fine della guerra fredda. E’ la tesi dell’economista Branko Milanovic,…

    Memos - 27/11/2020

  • PlayStop

    Daniele Zovi, Autobiografia della neve

    DANIELE ZOVI - AUTOBIOGRAFIA DELLA NEVE - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 27/11/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 26/11/20

    ira rubini, cult, feltrinelli educational, feltrinelli piemonte, massimiliano tarantino, ruben jais, laverdi online, el diego, roberto de simone, maradona, teatro…

    Cult - 27/11/2020

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 26/11/20

    Le risposte alle vostre domande; Cuba: come ha affrontato il Coronaviru? Ne parliamo con Franco Cavalli, oncologo, già presidente dell’Unione…

    37 e 2 - 27/11/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 26/11/20

    La morte di Diego Armando Maradona, con il maestro di strada ed ex sottosegretario all'istruzione Marco Rossi Doria, Peppe Servillo…

    Prisma - 27/11/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 26/11/20

    Rassegna stampa internazionale di gio 26/11/20

    Rassegna stampa internazionale - 27/11/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 26/11/20

    Il demone del tardi - copertina di gio 26/11/20

    Il demone del tardi - 27/11/2020

Adesso in diretta