Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di gio 23/01 delle ore 22:30

    GR di gio 23/01 delle ore 22:30

    Giornale Radio - 24/01/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 23/01

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 24/01/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 23/01 delle 19:48

    Metroregione di gio 23/01 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 24/01/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Let's spend the night together del gio 23/01

    Let's spend the night together del gio 23/01

    Let’s spend the night together - 24/01/2020

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 23/01

    Rotoclassica di gio 23/01

    Rotoclassica - 24/01/2020

  • PlayStop

    Scandale! di gio 23/01

    Scandale! di gio 23/01

    Scandale! - 24/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 23/01 (seconda parte)

    Ora di punta di gio 23/01 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 24/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 23/01 (prima parte)

    Ora di punta di gio 23/01 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 24/01/2020

  • PlayStop

    Esteri di gio 23/01

    1- A Lesbo il governo greco nega le cure mediche ai piccoli rifugiati. La denuncia di Medici senza frontiere (Tommaso…

    Esteri - 24/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 23/01

    Ora di punta di gio 23/01

    Ora di punta – I fatti del giorno - 24/01/2020

  • PlayStop

    Malos di gio 23/01 (seconda parte)

    Malos di gio 23/01 (seconda parte)

    MALOS - 24/01/2020

  • PlayStop

    Malos di gio 23/01 (prima parte)

    Malos di gio 23/01 (prima parte)

    MALOS - 24/01/2020

  • PlayStop

    Malos di gio 23/01

    Malos di gio 23/01

    MALOS - 24/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di gio 23/01 (prima parte)

    Ospite Lorenzo Campagnari, autore, conduttore e direttore artistico del Festival di SanNolo. (prima parte)

    Due di Due - 24/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di gio 23/01 (seconda parte)

    Parliamo con gli ascoltatori di programmi televisivi cui hanno partecipato come concorrenti. (seconda parte)

    Due di Due - 24/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di gio 23/01

    Due di due di gio 23/01

    Due di Due - 24/01/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 23/01 (prima parte)

    Jack di gio 23/01 (prima parte)

    Jack - 24/01/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 23/01 (seconda parte)

    Jack di gio 23/01 (seconda parte)

    Jack - 24/01/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 23/01

    Jack di gio 23/01

    Jack - 24/01/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 23/01

    Si parla con Paolo Casale, professore di biologia dell'Università di Pisa e coordinatore del Progetto europeo Life Medturtles per diminuire…

    Considera l’armadillo - 24/01/2020

  • PlayStop

    Radio Session di gio 23/01

    Radio Session di gio 23/01

    Radio Session - 24/01/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 23/01

    L’Economist boccia la casa di proprietà. «Minaccia crescita, equità e fede nel capitalismo», ha scritto il settimanale britannico nell’articolo di…

    Memos - 24/01/2020

  • PlayStop

    Tazebao di gio 23/01

    Tazebao di gio 23/01

    Tazebao - 24/01/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Cosa c’è dietro le bombe di Foggia

Tre esplosioni davanti a negozi nel giro di una settimana. A Foggia è in corso una serie di intimidazioni contro le attività commerciali che continua da tempo, e che ha accelerato negli ultimi giorni. Ne abbiamo parlato con il sociologo pugliese Leonardo Palmisano.

Il sociologo Leonardo Palmisano
Il sociologo Leonardo Palmisano

Cosa c’è dietro gli ordigni che continuano a scoppiare?

Da quando ci sono stati gli ultimi arresti, che hanno colpito i due tronconi delle mafie locali, è evidente che la città è sostanzialmente acefala. Il sistema di Foggia, che è di derivazione camorrista, era già debole, molto più debole rispetto a quello della mafia del Gargano. Quello che probabilmente sta accadendo è che le leve più giovani dei clan vogliono incutere timore, e quindi aggrediscono l’economia. È come se fosse una città sotto assedio, dove non si sta combattendo una guerra tra clan, ma una guerra della mafia contro la città. È una mafia che non avendo i capi in libertà vive in totale anarchia, e fa quello che sa fare meglio: deprimere l’economia sana del territorio, spaventando la popolazione.

Gli arresti a cui si riferiva sono avvenuti nel corso di più mesi…

Ci sono state operazioni importantissime, che hanno rivelato la necessità di sanare completamente la città. Andando a Foggia si ha la sensazione che qualcosa debba necessariamente cambiare, altrimenti il declino diventa irreversibile.

Anche l’anno scorso gli attentati si susseguivano a un ritmo simile?

Sì, nel 2018 ce n’è stato uno ogni quattro giorni. Purtroppo si parla troppo poco della ferocia, della brutalità e della straordinaria intelligenza dei sistemi criminali pugliesi. È come se la narrazione della nostra regione come “insula felix” dovesse continuare, quando ormai è evidente che non siamo affatto un’isola felice.

Nei giorni scorsi lei ha lanciato un appello ai cittadini…

L’hashtag è #StopBombingFoggia: è un appello ad attivarsi per una grande manifestazione dal basso, che dica che la città è contro chi usa le bombe per scuotere dalle fondamenta l’indirizzo morale e l’economia legale di Foggia. Le reazioni sono state positive, dalla questura al Comune, da Libera ai cantieri dell’antimafia sociale. Mi auguro che siano gli studenti universitari, insieme al mondo associativo, a prendere in mano l’appello e costruire una grande manifestazione di piazza, un flash-mob contro le bombe e contro le mafie.

Ascolta l’intervista a Leonardo Palmisano

palmisano

  • Autore articolo
    Andrea Monti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni