Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di lun 17/02 delle ore 18:33

    GR di lun 17/02 delle ore 18:33

    Giornale Radio - 17/02/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 17/02

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 17/02/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 17/02 delle 07:15

    Metroregione di lun 17/02 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 17/02/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Malos di lun 17/02 (seconda parte)

    Malos di lun 17/02 (seconda parte)

    MALOS - 17/02/2020

  • PlayStop

    Malos di lun 17/02 (prima parte)

    Malos di lun 17/02 (prima parte)

    MALOS - 17/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di lun 17/02 (seconda parte)

    Due di due di lun 17/02 (seconda parte)

    Due di Due - 17/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di lun 17/02 (prima parte)

    Due di due di lun 17/02 (prima parte)

    Due di Due - 17/02/2020

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 17/02 (seconda parte)

    Senti un po' di lun 17/02 (seconda parte)

    Senti un po’ - 17/02/2020

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 17/02 (prima parte)

    Senti un po' di lun 17/02 (prima parte)

    Senti un po’ - 17/02/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 17/02

    Si parla con Dr.ssa Silvia Goggi, medico e nutrizionista, del suo libro E' facile diventare un po' più vegano, Rizzoli…

    Considera l’armadillo - 17/02/2020

  • PlayStop

    Radio Session di lun 17/02

    Radio Session di lun 17/02

    Radio Session - 17/02/2020

  • PlayStop

    Tazebao di lun 17/02

    Tazebao di lun 17/02

    Tazebao - 17/02/2020

  • PlayStop

    Radio Agora' di lun 17/02

    Radio Agora' di lun 17/02

    Radio Agorà - 17/02/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di lun 17/02

    ARIANNA FARINELLI - GOTICO AMERICANO - Presentato:LORENZA GHIDINI

    Note dell’autore - 17/02/2020

  • PlayStop

    Cult di lun 17/02 (seconda parte)

    ira rubini, cult, fabrizio de andré e pfm il concerto ritrovato, walter veltroni, dori ghezzi, barbara sorrentini, luca ronconi l'infinita…

    Cult - 17/02/2020

  • PlayStop

    Cult di lun 17/02 (prima parte)

    ira rubini, cult, fabrizio de andré e pfm il concerto ritrovato, walter veltroni, dori ghezzi, barbara sorrentini, luca ronconi l'infinita…

    Cult - 17/02/2020

  • PlayStop

    Doppio Click di lun 17/02

    Doppio Click di lun 17/02

    Doppio Click - 17/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di lun 17/02 (terza parte)

    Microfono aperto: ha fatto bene il candidato di Macron per la poltrona di sindaco di Parigi a fare un passo…

    Prisma - 17/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di lun 17/02 (seconda parte)

    Cosa rischia Patrick Zaki e come mobilitarsi per salvarlo. Con Francesco Battistini inviato del Corriere della Sera a Mansoura, Chiara…

    Prisma - 17/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di lun 17/02 (prima parte)

    Progetti di unità a sinistra, con Elly Schlein e Daniela Preziosi (il manifesto) (prima parte)

    Prisma - 17/02/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 17/02

    Rassegna stampa internazionale di lun 17/02

    Rassegna stampa internazionale - 17/02/2020

  • PlayStop

    Di Lunedi di lun 17/02

    Di Lunedi di lun 17/02

    DiLunedì - 17/02/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 17/02 (terza parte)

    14 femminicidi dall'inizio dell'anno. Cosa fa la politica? L'intervista a Valeria Valente, presidente commissione inchiesta al Senato (terza parte)

    Fino alle otto - 17/02/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Claudia López, la prima donna sindaca di Bogotà

La sindaca di Bogotà Claudia Lopez

A Bogotà ha vinto il cambiamento. Ci siamo uniti e abbiamo fatto la storia”. Non usa mezze parole Claudia Lopez, 49 anni, ex senatrice del partito progressista Alleanza Verde, apertamente lesbica, famosa per essere “incorruttibile” e, da ieri, per essere diventata la prima sindaca donna della capitale della Colombia.

La folla riunita in un centro sportivo della città per festeggiare la vittoria scandiva “alcaldesa”, cioè sindaca, e “Sì, si può”, lo slogan di una campagna elettorale incentrata sulla lotta alla corruzione e su una nuova visione della città, più ecologica ed inclusiva.

Tra le sue proposte ci sono ad esempio quella di estendere la metropolitana leggera che deve essere ben presto costruita in città e di creare un sistema educativo pubblico di qualità, ma anche di promuovere la prevenzione delle violenze di genere o ancora di ripulire il fiume Bogotà e migliorare la sicurezza degli abitanti.

Il programma della nuova sindaca e della sua coalizione, che unisce i Verdi al Polo Democratico, di sinistra, è ambizioso. Ma Claudia Lopez non ha paura delle sfide. Apertamente omosessuale in un paese profondamente cattolico e maschilista, si è fatta conoscere nel 2005, quando, come giornalista, ha denunciato la “parapolitica”, cioè la collusione tra politici nazionali, narcotrafficanti e paramilitari, con una serie di inchieste.

Minacciata di morte, Claudia López ha dovuto lasciare il Paese ma è tornata nel 2014 ed è stata eletta senatrice per Alleanza Verde con oltre 80.000 preferenze. Figlia di una maestra, è sempre andata fiera della sua famiglia di origini modeste in un paese che è molto elitista.

Claudia López ha potuto studiare grazie a delle borse di studio successive che le hanno permesso di laurearsi prima in finanza, amministrazione e relazioni internazionali a Bogotà e poi in amministrazione pubblica e politiche urbane alla Columbia University di New York. Quest’anno, in parallelo alla sua carriera politica, ha anche ottenuto un dottorato in Scienze politiche alla Northwestern di Chicago.

Con quest’elezione, Claudia Lopez si aggiudica una delle poltrone più importanti del Paese dopo quella del presidente, al momento occupata da Ivan Duque, membro di un partito della destra radicale e vicino ad Alvaro Uribe.

Il suo risultato, e la forte perdita di consensi della destra uribista, lascia intravedere “un futuro ricco di cose positive”. Come ha sottolineato la nuova sindaca domenica davanti ai suoi sostenitori, la capitale ha scelto una donna, e ha scelto un futuro libero dal maschilismo, dal razzismo, dal classismo, dall’omofobia e dalla xenofobia.

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni