Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Lunedì 14 settembre 2020

Il racconto della giornata di lunedì 14 settembre 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dalla riapertura delle scuole, da alcuni tanto temuta, all’inchiesta sui fondi neri della Lega. Laura Boldrini ribadisce la necessità di una legge contro l’omotransfobia; in Bielorussia si rincontrano Putin e Lukashenko. Infine, i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

Il giorno di riapertura delle scuole

Sei mesi dopo la chiusura, oggi le scuole hanno riaperto. Sono tornati in classe 5 milioni e mezzo di alunni. Restano ancora chiuse in Puglia, Calabria, Basilicata, Abruzzo e Campania: la riapertura è stata rinviata a lunedì prossimo.
In Friuli il 16, in Sardegna il 22.

Ma oggi, certo, è una giornata che segna il tentativo di tornare alla scuola che conosciamo, con bambini e ragazzi nelle aule con i loro insegnanti e non più davanti a uno schermo come nei mesi del lockdown.

Il presidente della Repubblica Mattarella ha voluto essere a Vò Euganeo, nel padovano, uno dei paesi simbolo nella prima fase dell’epidemia.

Mascherine, banchi distanziati, misure di igiene, entrate e uscite differenziate per evitare assembramenti. Sono tutte novità a cui ci dovremo abituare e che oggi hanno avuto i primi momenti di verifica.

Il primo giorno ha confermato le difficoltà previste.
In particolare sui banchi necessari a garantire il distanziamento sulle carenze di organico degli insegnanti.

Le interviste di Michele Migone al presidente dell’Associaizone nazionale presidi Antonello Giannelli e alla responsabile scuola della Cisl Maddalena Gissi

Il primo giorno di scuola a Roma

(di Anna Bredice)

Dalla scuola elementare Viscontino in centro storico che ha fatto lezione all’aperto in piazza del Pantheon, a quella in piazza Bologna che ha accolto gli studenti con la canzone “Don’t worry be happy”, fino alla scuola di Garbatella dove mancano ancora i banchi monoposto e si sta in quelli a due, di traverso e con la mascherina da seduti, in attesa dei banchi che arriveranno a fine mese.

A Roma e nel Lazio la campanella è suonata e ha svelato situazione diverse, con le criticità legate più alla mancanza di insegnanti e banchi, che al comportamento degli studenti, che alle 8 del mattino sono entrati quasi sempre distanziati, con la mascherina, in fila indiana e piuttosto tranquilli. Chi forse si è mostrato più agitato sono stati i genitori che, per fortuna dotati di mascherine, all’uscita davanti a molte scuole hanno formato degli assembramenti in attesa dei loro figli.

La cronaca del primo giorno a Roma ha visto il 90% delle scuole aperte, nel resto del Lazio sono state il 70%, perché alcuni comuni hanno deciso di posticipare l’apertura. Sono cinquemila in tutto il Lazio le cattedre vacanti, di cui la metà sono quelle di sostegno, ad Amatrice l’unica scuola non ha aperto perché il dirigente scolastico non ha accettato l’incarico. Naturalmente molta attenzione a Roma, per capire se reggeva il sistema scuola-trasporti. Si è calcolato oggi sulle metropolitana l’11 per cento in più di passeggeri rispetto a lunedì scorso.

La capitale quindi si è rimessa in moto quasi completamente e dopo 193 giorni di chiusura dalle finestre delle scuole finalmente si è sentita la voce e le risate degli studenti, ma in molte scuole gli spazi sono ridotti per la mancata manutenzione dei locali o per cantieri ancora aperti. Nessun caso di contagio e comunque dalla Regione hanno fatto sapere che i certificati medici sono da presentare dopo i tre giorni di assenza per i bambini fino a sei anni, e dai 5 giorni in poi per quelli dai sei in avanti.

L’inchiesta sui fondi neri della Lega

(di Fabio Fimiani)

Ci sono altri tre indagati nell’inchiesta sui fondi della Lega per cui sono finiti in carcere i tre commercialisti Alberto Di Rubba, Andrea Manzoni, Michele Scillieri.
La notizia è presente nella richiesta di rogatoria della procura della Repubblica di Milano alle autorità svizzere, necessari per capire il flusso di denaro della compravendita di un capannone a Cormano da parte della Fondazione Lombardia Film Commission, ente della Regione, verso una fiduciaria panamense basata nella confederazione elvetica.
Si tratta di Elio Foiadelli, Pierino Maffeis, e Vanessa Servalli, quest’ultima cognata di Di Rubba, è nota perché dopo otto giorni dall’apertura della società Vadolive di Brescia ottenne un contratto da 480.000 euro per gestire i social della Lega al Senato. In un’inchiesta della trasmissione di Rai Tre Report è stato ricostruito come solo una parte furono erogati, e girati ad alcune delle persone che gestivano i social del segretario Matteo Salvini mentre era ministro per l’interno. La donna gestisce un bar a Clusone, in provincia di Bergamo.
Maffeis, anche lui bergamasco, riceve tramite la propria società 480.000 euro degli 800.000 pagati dalla Lombardia Film Commission per acquistare l’immobile. 390.000 li gira alla società di Francesco Baracchetti, il vicino di casa di Di Rubba, che con la sua impresa ha effettuato la ristrutturazione del capannone.
In questi anni l’imprenditore, anche lui bergamasco, avrebbe ricevuto dalla Lega commesse per due milioni di euro.
Tra i testimoni dell’inchiesta c’è anche l’ex assessore alla cultura Cristina Cappellini. L’esponente della giunta di Roberto Maroni ha confermato nelle deposizioni che Di Rubba era un uomo di fiducia del segretario Matteo Salvini, della svolta per competenza e serietà, e che oltre ai conti della Film Commission avrebbe messo a posto quelli della Lega.

Boldrini: “Legge contro l’omotransfobia, occorre fare sul serio”

L’ex presidente della Camera ha commentato al microfono di Luigi Ambrosio il recente omicidio di Maria Paola Gaglione a Caivano, in provincia di Napoli, e ha ribadito la necessità di dotarsi di una legge contro l’omotransfobia, una priorità per il nostro Paese.
Perché è importante la legge contro l’omotransfobia, anche alla luce di quanto accaduto a Caivano?

La legge Zan è una legge che prevede la formazione, l’educazione al rispetto e alla diversità. Un punto importante in una società come la nostra, ancora arretrata, dove non c’è libertà di amare. Quanto accaduto a Mariapaola è grave perché il fratello si è ritenuto in diritto di dare una lezione perché “infetta” [continua a leggere]

Bielorussia: incontro Putin-Lukashenko

(di Emanuele Valenti)

Putin ha confermato il suo appoggio a Lukashenko.
Lo ha fatto dando il via libera a un nuovo prestito, ribadendo la cooperazione militare e chiedendo che la crisi venga risolta senza interferenze esterne. Un riferimento all’Occidente caro al presidente bielorusso.
Lukashenko ha ricambiato, sulla carta accettando un ulteriore avvicinamento a Mosca, come il Cremlino chiedeva da anni.

Nonostante tutto questo i rapporti tra i due leader rimangono complessi. Non è da escludere che la Russia stia lavorando per l’uscita di scena del presidente bielorusso, lasciando però intatto il regime di Minsk.
Tra le ex-repubbliche sovietiche la Bielorussia è quella più legata a Mosca, economicamente, politicamente e culturalmente. Putin non può quindi permettersi un cambio di regime, ma nemmeno che il capo dello Stato venga fatto cadere dalla piazza. La valutazione verrà fatta strada facendo.

Il senso è che quella tra Mosca e Minsk è un alleanza obbligata, che per forza di cose diventerà probabilmente ancora più solida.
Per ora il Cremlino si appoggia a Lukashenko, forte anche del fatto che l’opposizione e la piazza non siano anti-russe. Ma se la repressione non si dovesse fermare e non ci dovessero essere della aperture, delle concessioni, la mobilitazione potrebbe prendere di mira anche lo sponsor di Lukashenko, Putin appunto, e a quel punto la crisi potrebbe entrare in territorio sconosciuto.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 22/09

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 23/09/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 22/09 delle 19:47

    Metroregione di mar 22/09 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 23/09/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Stile Libero di mar 22/09

    Stile Libero di mar 22/09

    Stile Libero - 23/09/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mar 22/09

    A casa con voi di mar 22/09

    A casa con voi - 23/09/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 22/09

    Ora di punta di mar 22/09

    Ora di punta – I fatti del giorno - 23/09/2020

  • PlayStop

    Esteri di mar 22/09

    1-Schiaffo della Palestina alla lega araba. L’Anp ha rifiutato di assumere la presidenza per i prossimi sei mesi “ non…

    Esteri - 23/09/2020

  • PlayStop

    Malos di mar 22/09

    Malos di mar 22/09

    MALOS - 23/09/2020

  • PlayStop

    Jazz Ahead 91

    In via del tutto eccezionale riascoltiamo una puntata musicale in onda quest'estate. Ad aprire la trasmissione la segnalazione su una…

    Jazz Ahead - 23/09/2020

  • PlayStop

    Jazz Ahead 90

    Playlist: 1. Event, Camilla Battaglia, EMIT: Rotator Tenet, Dodicilune, 2018..2. Our Film, Tigran Hamasyan, The Call Within, Nonesuch Records, 2020..4.…

    Jazz Ahead - 23/09/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di mar 22/09

    Uno di Due di mar 22/09

    1D2 - 23/09/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 22/09

    A cura di Matteo Villaci, Back to School, Scuola, conduizione musicale

    Jack - 23/09/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 22/09

    Considera l'armadillo mar 22/09

    Considera l’armadillo - 23/09/2020

  • PlayStop

    Stay Human di mar 22/09

    A cura di Florencia Di Stefano Abichain e Matteo Villaci, Friends, Colonne sonore di serie tv, Classici, Classifiche internazionali, Argentina,…

    Stay human - 23/09/2020

  • PlayStop

    Memos di mar 22/09

    Referendum e Regionali, affluenza anti-Covid. La pandemia, che ha scoraggiato molti scrutatori per paura del contagio, non ha fermato la…

    Memos - 23/09/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 22/09

    Cult di mar 22/09

    Cult - 23/09/2020

  • PlayStop

    Prisma di mar 22/09

    Prisma di mar 22/09

    Prisma - 23/09/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 22/09

    Rassegna stampa internazionale di mar 22/09

    Rassegna stampa internazionale - 23/09/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 22/09

    Il demone del tardi - copertina di mar 22/09

    Il demone del tardi - 22/09/2020

Adesso in diretta