Approfondimenti

A chi serve il lavoro “debole”?

I lavoratori poveri in Italia sono cresciuti di quasi il 50% tra il 2008 e il 2013. Lo ha raccontato il presidente dell’Inps Tito Boeri nella sua relazione annuale presentata al parlamento l’8 luglio scorso.

I lavoratori poveri in Italia sono 2 milioni e 640 mila tra i dipendenti e 756 mila tra gli autonomi. Lo dicono i dati dell’Istat riferiti al 2011 e contenuti in un rapporto del Cnel del 2014. Sono soprattutto i giovani a subire questa condizione di lavoro a rischio povertà.

Sono lavoratori e lavoratrici “deboli”, indeboliti nella possibilità di “assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa”, come recita l’articolo 36 della nostra Costituzione.

Ma il lavoro “debole” è anche quello con meno diritti e garanzie: è debole il lavoro più facilmente licenziabile, demansionabile, controllabile come è quello che risulta dalle nuove norme contenute nel Jobs Act. A chi serve, allora, il lavoro “debole”? A quale idea dello sviluppo di un paese risponde? Abbiamo girato queste e altre domande ad un sindacalista di lungo corso come Walter Cerfeda, 68 anni, presidente dell’Ires-Cgil (Istituto di Ricerche economiche e sociali) della Marche, una vita passata nel sindacato da Matera a Torino, da Roma a Bruxelles, ai vertici della Confederazione europea dei sindacati (Ces).

Walter Cerfeda
Walter Cerfeda

«Se i diritti sul mercato del lavoro – dice Cerfeda – si riducono, si è in grado di mettere un limite a questa discesa? In Italia non ci siamo ancora arrivati: abbiamo flessibilizzato il lavoro, ma senza dare le tutele necessarie che possano costituire un rafforzamento dei diritti del lavoro». Si può tenere insieme lavoro “debole” e innovazione? «Non è affatto vero che si possa combinare la qualità del prodotto, innovato e tecnologicamente avanzato, e lavoro povero e precario. Anzi, lavoro precario e lavoro povero non danno qualità al prodotto perchè non hanno la competenza professionale tale da poter mantenere un’alta qualità di offerta merceologica». Qual è l’idea di paese, di sistema economico, che porta a sostenere di fatto l’incentivazione del lavoro povero, debole? E’ un’idea che segue una ricetta vecchia – racconta Cerfeda – «una ricetta per la quale si compete sul mercato mondiale cercando delle scorciatoie: ieri con la svalutazione della moneta; oggi con l’abbassamento dei diritti e rendendo debole il lavoro. E’ una strada che non conduce da nessuna parte».

Ascolta la puntata di Memos

  • Autore articolo
    Raffaele Liguori
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sab 18/09/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 18/09/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 17/09/21 delle 19:49

    Metroregione di ven 17/09/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 18/09/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Itaca Rassegna di sab 18/09/21

    Itaca Rassegna di sab 18/09/21

    Itaca – Rassegna Stampa - 18/09/2021

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 18/09/21

    Mash-Up di sab 18/09/21

    Mash-Up - 18/09/2021

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 17/09/21

    Doppia Acca di ven 17/09/21

    Doppia Acca - 18/09/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di ven 17/09/21

    News Della Notte di ven 17/09/21

    News della notte - 18/09/2021

  • PlayStop

    psicoradio di ven 17/09/21

    psicoradio di ven 17/09/21

    Psicoradio - 18/09/2021

  • PlayStop

    Live story di ven 17/09/21

    Live story di ven 17/09/21

    Live Story - 18/09/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di ven 17/09/21

    Quel che resta del giorno di ven 17/09/21

    Quel che resta del giorno - 18/09/2021

  • PlayStop

    Esteri di ven 17/09/21

    Esteri di ven 17/09/21

    Esteri - 18/09/2021

  • PlayStop

    The Game di ven 17/09/21

    //PNRR, ad agosto è arrivata in Italia la prima tranche dei quasi 200 miliardi di euro stanziati dalla Commissione europea.…

    The Game - 18/09/2021

  • PlayStop

    Decimo anniversario di Occupy Wall Street

    L'intervista Noam Chomsky un anno dopo l'inizio delle occupazioni a New York e nel resto degli Stati Uniti

    Gli speciali - 17/09/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di ven 17/09/21

    Muoviti muoviti di ven 17/09/21

    Muoviti muoviti - 18/09/2021

  • PlayStop

    Come Twitch salva le lingue in estinzione

    Andrea Daniele Signorelli ci parla di Twitch mentre con Erica Casati scopriamo la nascita del Karaoke

    Di tutto un boh - 18/09/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo ven 17/09/21

    Si parla con Enrico Salierno, vicepresidente di Sea Shepherd Italia della strage di Cetacei alle Isole Faroe, dei risultati dell'Operazione…

    Considera l’armadillo - 18/09/2021

  • PlayStop

    Jack di ven 17/09/21

    Jack di ven 17/09/21

    Jack - 18/09/2021

  • PlayStop

    Mauro Mauro il dinosauro

    quando svuotiamo le cantine dei nostri avi in cerca di giocattoli da rivendere all'asta e poi presentiamo in anteprima la…

    Poveri ma belli - 18/09/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di ven 17/09/21 delle 12:50

    Seconda pagina di ven 17/09/21 delle 12:50

    Seconda pagina - 18/09/2021

  • PlayStop

    Cult di ven 17/09/21

    ira rubini, cult, piccolo estate, the walk, amal, marionetta gigante, emergency, alice palazzi, tiziana ricci, MIART 21, fieramilanocity, carlo boccadoro,…

    Cult - 18/09/2021

  • PlayStop

    37 e 2 di ven 17/09/21

    Facciamo il punto sulla situazione della pandemia; ascoltiamo alcune testimonianze di persone i cui diritti sempre relativi alla lotta alla…

    37 e 2 - 18/09/2021

  • PlayStop

    Elezioni Comunali Milano 2021, viaggio nei quartieri: Barona

    gli approfondimenti di Prisma nei quartieri di Milano alla vigilia delle Elezioni Comunali del 2021

    Clip - 18/09/2021

Adesso in diretta