Approfondimenti

L’antisemita che si scoprì ebreo

Si chiama Csanád Szegedi e fino al 2012 è stato fra i dirigenti del partito ungherese di estrema destra Jobbik da cui è uscito proprio quattro anni fa dopo aver rivelato le sue origini ebraiche. La storia di Szegedi è particolare: nato nel 1982 a Miskolc, città dell’Ungheria nord-orientale da padre scultore del legno e madre ingegnere, si è laureato all’Università Károly Gáspár della Chiesa riformata ungherese.

Il suo attaccamento ai valori nazionali l’ha portato a organizzare fra il 1999 e il 2010 dei viaggi in Transilvania, regione che un tempo apparteneva al suo Paese natale. A lungo si è distinto in negativo per commenti antisemiti, finché non ha conosciuto la storia della sua famiglia da parte di madre: da allora ha lasciato il partito in cui ha militato a lungo e ha cambiato vita.

Szegedi è divenuto membro di Jobbik nel 2003, nel 2006 è stato eletto vicepresidente di questa forza politica e l’anno dopo si è segnalato fra i membri fondatori della Guardia ungherese, successivamente dichiarata fuorilegge da una sentenza del tribunale di Budapest per una serie di marce effettuate a scopo intimidatorio in località densamente abitate da comunità Rom. Nel 2009 è divenuto eurodeputato.

Una carriera brillante la sua, all’interno di quello che nel 2014, dopo le elezioni europee, è apparso essere il più forte partito europeo di estrema destra. Szegedi è stato molto attivo nel propagandare i valori di un’Ungheria desiderosa di riscatto per aver vissuto a lungo sotto il tallone di potenze straniere come gli Asburgo e l’Unione Sovietica, e poi subire le ingerenze di Bruxelles.

Nel giugno del 2012 Szegedi ha rivelato di aver appreso poco tempo prima che i nonni materni erano ebrei e che avevano vissuto l’esperienza dei campi di concentramento. Si è rivolto al rabbino Slomó Köves del movimento Lubavitch per chiedere aiuto. In seguito gli avrebbe chiesto anche scusa per le sue precedenti esternazioni antisemite. Da lì l’inizio di una vita nuova nella quale ha assunto il nome David, ha cominciato a usare la kippah, si è messo a studiare l’ebraico, si è fatto circoncidere e ha visitato Israele.

Alle rivelazioni pubbliche di Szegedi hanno fatto seguito le sue dimissioni da tutte le posizioni che ricopriva nel partito e la dichiarazione di voler comunque continuare a essere membro del parlamento europeo. Di fatto, secondo gli organi di informazione, Szegedi avrebbe saputo delle sue vere origini almeno due anni prima di averle rese note e offerto del denaro perché la stampa non le rivelasse. Questo particolare ha spinto il vicepresidente di Jobbik, Előd Novák, a chiedere le piene dimissioni di Szegedi dal partito per quella che ha definito “una spirale di bugie” che il protagonista di questa storia avrebbe detto a lungo e per essersi comportato da corruttore.

Questa vicenda si inserisce nella storia di un Paese che, secondo diversi studiosi, non ha ancora elaborato appieno la tragedia vissuta dagli ebrei ungheresi durante la Seconda guerra mondiale. Oltre 57omila, quelli uccisi nell’Olocausto. Oggi la comunità ebraica d’Ungheria conta circa centomila persone. Gli esponenti delle sue principali associazioni sostengono di assistere nel Paese a un rafforzamento dei sentimenti antisemiti.

 

Massimo Congiu è direttore dell’Osservatorio Sociale Mitteleuropeo, un’agenzia che si propone di monitorare il mondo del lavoro e degli affari sociali in Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca.

  • Autore articolo
    Massimo Congiu
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 23/07 18:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 23/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 22/07/2024 delle 19:47

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di martedì 23/07/2024

    Quando sotto la finestra di una donzella, con lo stereo sulla spalla, si riproducono a palla delle lunghe e per nulla struggenti power ballads. Tornano gli amati fondi di coesione Eu che ci portano all'isola d'Elba e l'incredibile rivista "Cazz'è" presentata da Lara Melchionda. Concludiamo con lo Schiaffo di Schiaffino che ci illumina sul "litigio" tra Unione Europea e Microsoft, ma anche col grande bisogno di vacanze di Al1.

    Poveri ma belli - 23-07-2024

  • PlayStop

    Parla con lei di martedì 23/07/2024

    Nella puntata di oggi sono ospiti le "Cicliste per caso", Linda Ronzoni e Silvia Gottardi. Si parla di bicicletta e di tutto il suo potenziale di empowerment, di viaggi e di donne che hanno fatto la storia sulle due ruote.

    Parla con lei - 23-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di martedì 23/07/2024 delle 14:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 23-07-2024

  • PlayStop

    La riforma dell'università che parte dai tagli

    La riforma universitaria proposta dal governo potrebbe aggravare significativamente il precariato nel settore accademico. Con oltre 500 milioni di euro di tagli al Fondo di finanziamento degli atenei e l’introduzione di nuove forme contrattuali precarie, il futuro dei ricercatori e dei lavoratori universitari appare sempre più incerto. Mattia Guastafierro ha discusso di questi temi con Davide Clementi, vice segretario dell'Unione Dottorandi Italiani, e Lorenzo Zamponi, ricercatore in Sociologia e Scienze Politiche alla Scuola Normale Superiore di Firenze.

    Clip - 23-07-2024

  • PlayStop

    Il Filo della Storia - Power Woman

    Mai sottovalutare una spilla, se a metterla è una donna di potere. Storia dei colletti di Ruth Bader Ginsburg, delle spille di Madeleine Albright e molto altro. A cura di Alba Solaro

    Il Filo della Storia - 23-07-2024

  • PlayStop

    Cult di martedì 23/07/2024

    Oggi a Cult Estate: il regista Corrado Ceron per il film "L'invenzione di noi due", dai libri di Matteo Bussola; in tutta Italia, si moltiplicano le Pastasciutte Antifasciste e Resistenti, sul modello di quella di Gattatico, al Museo dedicato ai Fratelli Cervi; a Kilowatt Festival il coreografo e danzatore Giorgio Rossi e il musicista jazz Livio Minafra presentano "Agata"; a Capo Peloro (Messina) prosegue il festival pluridisciplinare Horcynus Orta...

    Cult - 23-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 23/07/2024

    La corsa di Kamala Harris alla Casa Bianca con Federico Romero, professore emerito di Storia all’Istituto universitario europeo di Firenze. Il parere della Corte Internazionale di Giustizia contro Israele per l'occupazione dei territori palestinesi con Luigi Daniele, docente di Diritto dei conflitti armati alla Nottingham Trent University. La riforma dell'università che porterà tagli e precariato con Davide Clementi, vice segretario dell'Unione dottorandi italiani, e Lorenzo Zamponi, ricercatore in Sociologia e Scienze alla Scuola Normale Superiore a Firenze. Il crollo di un ballatoio nella Vela di Scampia con Ciro Pellegrino, giornalista di Fanpage. Le Olimpiadi di Parigi con Stefano Montefiori, corrispondente del Corriere della Sera da Parigi.

    Giorni Migliori – Intro - 23-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di martedì 23/07/2024

    a cura di Barbara Sorrentini. Kamala Harris, accoglienza e reazioni alla sua possibile candidatura. Le misure di sicurezza per Parigi 2024. L'addio al regista Salvatore Piscicelli. 45 anni fa nasceva il primo walkman: i ricordi degli ascoltatori di Radio Popolare.

    Apertura musicale - 23-07-2024

Adesso in diretta