Approfondimenti

Diritto all’aborto, gli Stati Uniti sono sempre più divisi

Proteste Pro aborto a New York

Sul tema dell’aborto gli Stati Uniti sono sempre più divisi
Una descrizione del clima che si respira a New York, dove è nata e cresciuta, e nel resto degli Stati Uniti ce la dà Eve Ensler, autrice del bestseller “I monologhi della vagina” e attivista per i diritti delle donne con il movimento “V-day“, di cui è anche fondatrice.

Qui e in tutto il Paese le donne sono furiose. Ma la cosa che non dobbiamo dimenticare è che la decisione della Corte non è ancora legge. E noi non possiamo assolutamente accettare che lo diventi. Quando le istituzioni ci tradiscono, creano ingiustizie ed emanano leggi che faranno morire le donne, noi abbiamo il dovere di rifiutarle. Queste leggi sono fatte da cinque persone bianche estremiste che non possono essere considerate come la rappresentazione del 70% della popolazione che supporta il diritto all’aborto. Due dei giudici sono predatori sessuali, accusati di stupro e molestie. E un altro è stato insediato da un altra persona accusata di stupro. Nessuno di noi è così ingenuo nel credere che queste persone che stanno tentando di distruggere il nostro diritto all’aborto abbiano un qualche interesse per la vita delle donne. Combattono contro l’assistenza sanitaria universale, per il congedo parentale pagato, l’assegno per i figli!.

Ensler e le altre attiviste statunitensi sanno bene che, se la decisione della Corte venisse resa ufficiale, le cosiddette “trigger laws”, leggi che entrerebbero in vigore solo se la “Roe v. Wade” venisse ribaltata, renderebbero l’aborto illegale. In diversi Stati lo sarebbe anche se necessario per donne vittime di incesto e stupro.
Il ribaltamento della Roe v. Wade sembra a molte persone impegnate nella difesa dei diritti delle donne solo il primo passo di molte amministrazioni repubblicane per ridurre progressivamente gli spazi di autodeterminazione femminile.

Togliere alle donne il diritto di abortire e controllare il corpo delle donne è violenza. E costringere una donna ad avere un bambino dopo essere stata violentata è una doppia violenza. Penso che ciò a cui stiamo assistendo oggi è l’ascesa di una minoranza estremista che vuole riportare le donne ai Secoli bui. Si tratta soltanto dell’inizio del loro piano che vorrebbe la fine della contraccezione libera, la distruzione del matrimonio egualitario, e credo anche che siano terrorizzati dai corpi delle donne. Questa è veramente una Corte Suprema estremista e politicizzata, che non rappresenta la maggioranza, non ci rappresentano. Penso che stiano cercando di capire quanto in là possono spingersi e questo è solo l’inizio del piano con il quale vogliono privarci di una serie di diritti per i quali abbiamo combattuto per un lungo periodo. Abbiamo bisogno che le donne si ribellino su vasta scala, come non è mai successo in passato. Qui negli Stati Uniti, ma anche nel resto del mondo. Il contributo delle donne nella società è fondamentale: siamo insegnanti, madri, intellettuali, amministratrici, infermiere, dottoresse. E nonostante ciò siamo le prime a essere licenziate. Basta guardare a quello che ci è stato fatto durante la pandemia.  Ma dobbiamo ricordarci che noi abbiamo il potere, che siamo importanti per la sopravvivenza di ogni cosa.

La battaglia per i diritti riproduttivi delle donne non è soltanto una questione ideologica. Il controllo legalizzato della maternità nasconde il pericolo degli aborti illegali. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, che riconosce l’aborto come servizio medico essenziale, tra il 4,7 e il 13,2% delle morti materne è ogni anno causato dagli aborti clandestini. Al contrario, la  sua legalizzazione riduce i tassi di mortalità materna e porta a un minor numero di complicanze post-aborto.

Dobbiamo dire “no” qui e adesso perché se questa legge entra in vigore avrà un impatto non soltanto sulle donne di questo Paese ma su quelle di tutto il mondo. Stiamo assistendo all’ascesa di governi di destra ovunque in questo momento e questo porta sempre con sè l’oppressione, in particolare quella delle donne, il controllo del loro corpo, la retrocessione dei loro diritti. E noi dobbiamo dire che questa è la linea che non può essere superata. Ci sono alcune cose che il Congresso può fare per difendere la Roe v. Wade ma penso anche che dobbiamo contare sulla società civile. Questa decisione influirà di più sulle donne nere e sulle donne povere che sceglieranno di sottoporsi ad aborti “da macellai”, che saranno costrette ad avere gravidanze che le faranno diventare ancora più povere. E quindi quello che dobbiamo fare, in ogni Paese, è capire cosa possiamo fare per dire “basta” alla violenza patriarcale sui nostri corpi, all’invasione dei nostri corpi e come possiamo insorgere contro tutto questo in tutto il mondo.

Come ci ha spiegato Ensler, tutto questo influirà maggiormente sulle donne con difficoltà economiche che non saranno in grado di sostenere le spese per abortire negli Stati dove l’aborto rimarra legale ma soprattutto sicuro.

Eleonora Panseri
  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

  • PlayStop

    Cult di lunedì 20/05/2024

    Oggi a Cult: Tindaro Granata in "Vorrei una voce" all'Elfo Puccini di Milano; a Milano inziaia la ArchWeek 2024; Marco Malvaldi sul suo libro "Dodici" (Il Mulino);la corrispondenza dal Festival del Cinema di Cannes di Barbara Sorrentini; la rubrica di classica di Giuseppe Califano...

    Cult - 20-05-2024

  • PlayStop

    Pubblica di lunedì 20/05/2024

    La Cina ha prenotato un posto in prima fila nel futuro ordine mondiale? Il presidente Xi Jinping è l’unico - tra i leader globali - ad essere riuscito ad incontrare, seppur separatamente, le parti in conflitto in Ucraina. La settimana scorsa, nel giro di pochi giorni, Xi ha incontrato Putin, l’invasore dell’Ucraina, e Macron, il presidente francese che vorrebbe mandare i soldati occidentali a combattere contro i russi in Ucraina. Pubblica ha ospitato Filippo Fasulo, ricercatore all’Istituto di Studi di Politica Internazionale (ISPI) e direttore del centro studi della «Fondazione Italia-Cina», e Alessandro Politi, analista politico e strategico internazionale, direttore «Nato Defense College Foundation».

    Pubblica - 20-05-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 20/05/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare. A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 20-05-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di lunedì 20/05/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 20-05-2024

  • PlayStop

    GIAN ANDREA CERONE - LE CONSEGUENZE DEL MALE

    GIAN ANDREA CERONE - LE CONSEGUENZE DEL MALE - presentato da Ira Rubini

    Note dell’autore - 20-05-2024

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 20/05/2024

    - La libertà d’informazione a rischio. Oggi Londra decide se estradare Julian Assange verso gli Stati Uniti. Milano attenderà la sentenza in piazza Mercanti con l’istallazione Anything to say? Parla il suo ideatore Davide Dormino. - 10 anni fa in Ucraina l’uccisione del fotoreporter Andy Rocchelli. Insieme a lui venne ucciso l’interprete e attivista dei diritti umani Andrej Mironov. 10 anni senza verità è giustizia. Parla il padre di Andy. - Malala e le sue sorelle. Sono milioni le ragazze a cui è impedito di studiare da regimi autoritari. Sentiamo uno dei podcast realizzati dalle scuole che hanno partecipato al Festival dei Diritti Umani. Oggi ci occupiamo del Premio Sacharov Malala Yousafzai. In collaborazione con l’Ufficio di Milano del Parlamento Europeo.

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 20-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di lunedì 20/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 20-05-2024

Adesso in diretta