Approfondimenti

Serie italiane: Le Fate Ignoranti, Bangla e Bang Bang Baby

Serie tv Italiane - Bangla

Le serie tv italiane non sono più quelle di una volta. Certo, su Rai1 Don Matteo continua a fare sfracelli negli ascolti, ma anche mamma Rai negli ultimi anni ha osato con nuovi format e linguaggi, sotto la direzione RaiFiction di Eleonora Andreatta (che infatti è recentemente stata cooptata da Netflix). Nel frattempo, le produzioni originali Sky Italia sono aumentate di numero e di qualità, guardando esplicitamente alla complex tv d’oltreoceano, e soprattutto sono arrivate anche nel nostro paese le piattaforme streaming, pronte a investire in una produzione locale che possa trovare spettatori anche nel resto del mondo. Non sempre, è giusto dirlo, il marchio di un servizio streaming su una serie italiana è stato garanzia di qualità, anzi: l’algoritmo non perdona, e spesso spinge a ripetere pedissequamente formule che hanno funzionato in passato (nello specifico, molto spesso, le storie criminali alla Gomorra) piuttosto che sperimentare guardando davvero al futuro. Ma più serie si producono, più c’è la possibilità di diversificare, magari guardando direttamente al cinema.

Nelle ultime due settimane ne abbiamo avuto qualche esempio, grazie ad alcuni titoli che portano la settima arte in tv, seguendo diverse direzioni. Le fate ignoranti: La serie è la prima produzione seriale italiana di Disney+ e si tratta dell’adattamento in più puntate del celebre film del regista italo-turco Ferzan Ozpetek. La pellicola di inizio millennio consacrò l’autore al successo, e contribuì a consolidare le carriere di Stefano Accorsi e Margherita Buy. La serie, vent’anni dopo, è curata dallo stesso Ozpetek, che ha diretto svariati episodi e supervisionato tutte le sceneggiature, e riprende la stessa storia: una donna, Antonia (interpretata questa volta da Cristiana Capotondi), perde il marito in un incidente e poco dopo scopre che l’uomo conduceva una sorta di doppia vita, e aveva un amante, Michele (il giovane e talentuoso Eduardo Scarpetta). La serie riprende tutte le atmosfere e i cliché ozpetekiani, ma si può dire che il suo aspetto più innovativo risieda in un fattore esterno, cioè nel passaggio del tempo: quello che vent’anni fa risultava ancora scioccante per la maggior parte del pubblico, oggi rientra serenamente tra le note del melodramma, rivelando che, nonostante la strada per i diritti civili sia ancora lunghissima, la società sta davvero cambiando, nel frattempo.

Su RaiPlay è invece approdata Bangla: La serie: anche questa è tratta da un film, Bangla di Phaim Buiyan, che è sia regista, sia sceneggiatore, sia protagonista e che su ispirazione autobiografica racconta in toni di commedia la quotidianità di un giovane italiano di seconda generazione che vive a Torpignattara, Roma. Bangla: La serie non è tanto un rifacimento quanto un proseguimento del film da cui nasce: ritroviamo Phaim esattamente dove l’avevamo lasciato, e continuiamo a seguire i suoi tentativi di conciliare la storia d’amore con Asia con il tradizionalismo della propria famiglia musulmana. Il formato seriale, qui, è quello degli episodi brevi, meno di mezz’ora l’uno, che ben si prestano alla commedia, all’aneddoto, e anche ad approfondire altri personaggi, come la sorella di Phaim Sumaya.

Concludiamo con Bang Bang Baby, produzione italiana targata Amazon Prime Video, di cui sono stati resi disponibili i 5 episodi (i restanti 5 dal 19 maggio): di sicuro la più ambiziosa del gruppo, non è tratta da nessun film, ma è piena di cinema. Il supervisore artistico Michele Alhaique, subentrato all’autore del soggetto Andrea Di Stefano, ha convocato sullo schermo una grande quantità di atmosfere cinematografiche e riferimenti pop per raccontare la storia di Alice, una sedicenne che nella Lombardia degli anni 80 scopre che il padre che aveva creduto morto è non solo vivo e vegeto, ma anche parte di un pericoloso clan di ‘ndranghetisti, dominato dalla spietata nonna Lina. Un po’ Sorrentino un po’ Tarantino, un po’ commedia un po’ teen drama un po’ gangster movie, Bang Bang Baby cerca nuove strade per conciliare cinema e tv anche sul nostro piccolo schermo. Ed è sicuramente un buon auspicio.

  • Autore articolo
    Alice Cucchetti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 23/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 23/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 23/05/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 23/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 23/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 23/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 23/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 23/05/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 23/05/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 23/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 23/05/2022

    Dove si ricorda il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo…

    Muoviti muoviti - 23/05/2022

  • PlayStop

    Coralli e crocchette

    Con Zeina Ayache e Andrea Bellati

    Di tutto un boh - 23/05/2022

  • PlayStop

    Nando Dalla Chiesa, Ostinati e contrari. La sfida alla mafia nelle parole di due grandi protagonisti

    NANDO DALLA CHIESA - OSTINATI E CONTRARI. LA SFIDA ALLA MAFIA NELLE PAROLE DI DUE GRANDI PROTAGONISTI – presentato da…

    Note dell’autore - 23/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 23/05/2022

    Si parla con Andrea Mustoni del suo libro Un uomo tra gli orsi, il racconto di un'avventura sulle Alpi, ediciclo…

    Considera l’armadillo - 23/05/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 23/05/2022

    Intervista a Louise Bartle dei Bloc Party

    Jack - 23/05/2022

  • PlayStop

    Trentanni fa l'assasinio del Giudice Falcone

    Questa mattina a Prisma abbiamo ascoltato le voci di allora, l'intervista di Lele Liguori a Giuseppe Costanza, l'autista di Falcone…

    Clip - 23/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di lunedì 23/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 23/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 23/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il festival del cinema di Cannes, Emilio…

    Cult - 23/05/2022

  • PlayStop

    Il veleno di Punta Catalina

    Non è solo l'ennesimo progetto killer del clima. La centrale a carbone di Punta Catalina, nel paradiso naturale della Repubblica…

    Omissis - 23/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 23/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 23/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 23/05/2022

    GUERRA, ULTIMI SVILUPPI, ANALISI E COMMENTI con Emanuele Valenti, Mara Morini docente di Politiche dell'Europa Orientale all'Università di Genova e…

    Prisma - 23/05/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 23/05/2022

    Guarda che Lune oggi, con Claudio Jampaglia e Giuseppe Mazza, è dedicato alla memoria, di Falcone e della luce sulla…

    Guarda che Lune - 23/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 23/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 23/05/2022

Adesso in diretta