Approfondimenti

Scuola, al via le prime riaperture. Intervista alla preside Stefania Pigorini

scuola

Questa mattina partiamo con l’indirizzo tecnico e con il liceo scientifico informatico quadriennale. Si tratta di circa il 20% degli studenti, quindi attorno ai 200 studenti. È per noi anche un modo per monitorare se le procedure che abbiamo messo in atto a scuola sono efficaci nel gestire i grandi numeri e soprattutto gli accessi.

Così racconta a Radio Popolare Stefania Pigorini, preside dell’Istituto superiore Omodeo di Mortara, Pavia. Si tratta di una delle scuole che ripartono già lunedì 7 settembre, seppur parzialmente. Un test importante non solo per l’istituto ma anche per una valutazione più generale di quello che accadrà da lunedì 14, giorno della ripartenza generale della scuola.

Il mio istituto si considera fortunato. Noi abbiamo due sedi poco distanti l’una dall’altra che hanno una capienza equivalente, metà studenti da una parte, metà dall’altra. Riusciamo a garantire gli accessi da tre vie diverse per ciascuna delle sedi. Quindi, il primo grosso elemento di criticità che è differenziare gli accessi per evitare gli assembramenti, almeno sulla carta è stato superato.

Una volta arrivati nelle aule, quale situazione trovano i suoi studenti?

I banchi sono distanziati secondo quanto previsto: viene rispettato il metro di distanza tra le rime boccali. Quindi gli studenti potranno togliere la mascherina quando sono seduti al proprio banco.

I banchi sono nuovi o avete semplicemente distanziato quelli vecchi?

Stiamo aspettando un centinaio di banchi nuovi perché sono stati anche recuperati alcuni spazi che venivano utilizzati per altre finalità per poter contenere le classi più numerose.

Tutte le lezioni saranno in presenza?

Sì, grazie a quello che le ho detto riusciamo a garantire la presenza di tutti a scuola, senza necessità di dover alternare gruppi che fanno lezione a case e gruppi che fanno lezione in presenza, almeno al momento. Se le procedure organizzate saranno efficaci, dovremmo essere in grado di garantire tutto il monte ore in presenza. Salvo poi possibili situazioni di emergenza, naturalmente.

Ecco, veniamo proprio al caso in cui si manifesti in questa situazione. Uno o più studenti in una classe hanno la febbre. Cosa succede?

Noi abbiamo indicazione di monitorare giornalmente le assenze e segnalare qualunque aumento repentino delle assenza all’interno di una classe.

A chi?

All’Ats, l’azienda regionale sanitaria. Le indicazioni che abbiamo sono di instaurare un dialogo continuo con l’azienda sanitaria. Saranno i medici a indicarci cosa fare. Non c’è una regola che dica, ad esempio, “10 ammalati si chiude la classe o si chiude la scuola”.

E quindi?

Le indicazioni sono che di volta in volta, di caso in caso, sulla base delle informazioni che l’Azienda sanitaria ha, di concerto con l’istituto si decide il da farsi.

Ci conferma dunque che una regola generale non c’è, e che la decisione di tenere aperto o chiudere dipenderà dalle valutazioni fatte di volta in volta?

Esatto, si è così.

Chi è il medico di riferimento della singola scuola?

Tutte le scuole hanno un medico competente che però è il medico del lavoro, che si è sempre occupato delle condizioni di lavoro del personale. Non ci è stato assegnato un medico che valuti la situazione anche degli studenti. Quindi, per il personale resta il medico del lavoro, per gli studenti al momento sarà la stessa azienda sanitaria a dover monitorare e valutare le situazioni.

E il cosiddetto referente COVID?

Lo abbiamo nominato internamente, è la persona che insieme agli applicati di segreteria, monitora e segnala le situazioni di assenze numerose e improvvise. Inoltre è la persona che, in caso di malessere con sintomatologia Covid mette in atto le procedure previste.

Cioè?

Lo studente, o il componente del personale, viene collocato in isolamento in un’aula apposita, che ogni istituto deve avere, in attesa che arrivino i genitori a prenderlo o il dipendente si in grado di tornare a casa autonomamente.

Qual è oggi il suo stato d’animo, è preoccupata?

Certo, non si può dire che sia un inizio di anno scolastico normale, un po’ di preoccupazione c’è. Sono convinta però che abbiamo tutti voglia, anche i ragazzi, di ritornare a scuola. Pensi che abbiamo anche un gruppo di ragazzi che ha realizzato un video per formare i propri compagni e aiutarli a imparare le procedure. Sono fiduciosa. Certo, è necessario che ognuno, nel suo piccolo, faccia il proprio dovere, si comporti correttamente. E non solo a scuola, ma anche fuori, perché è importante per la tutela della salute di tutti. Lo ripeto, io sono fiduciosa.

  • Autore articolo
    Alessandro Principe
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 17/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 17/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 17/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 17/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di martedì 17/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 17/05/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 17/05/2022

    Dal 14 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantunesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 17/05/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 17/05/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 17/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 17/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 17/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 17/05/2022

    1-Ucraina. Verso una nuova evacuazione dal sito Azovstal. Ieri 264 combattenti si erano arresi alle truppe russe. Il Punto di…

    Esteri - 17/05/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 17/05/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 17/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 17/05/2022

    Dove si parla del bando dell'ARPAC della Campania per cercare "esaminatori di odori". Richiesto buon naso e un'estrema pulizia del…

    Muoviti muoviti - 17/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 17/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 17/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 17/05/2022

    Si parla con Gianluca Felicetti presidente di Lav su ministro Cingolani, Europa, caccia, cinghiali, Roma, ma anche del censimento del…

    Considera l’armadillo - 17/05/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 17/05/2022

    Novità e approfondimenti con Jack Box a cura di Ilaria Bonelli

    Jack - 17/05/2022

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 15/05/2022

    http://vitowar.blogspot.it/ A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae…

    Reggae Radio Station - 17/05/2022

  • PlayStop

    La famiglia di 2,3 membri

    quando vi chiediamo quanto spendete al mese, poi andiamo a lezioni di cinese e infine torniamo a Singapore a vedere…

    Poveri ma belli - 17/05/2022

  • PlayStop

    Milano ricorda il commissario Luigi Calabresi, ucciso 50 anni fa

    Per quell'omicidio sono stati condannati Ovidio Bompressi, Adriano Sofri e Giorgio Pietrostefani, per la cui estradizione proprio domani si terrà…

    Clip - 17/05/2022

  • PlayStop

    Valeria Parrella, La fortuna

    VALERIA PARRELLA - LA FORTUNA – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 17/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 17/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 17/05/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 17/05/2022

    la direttrice della fotografia ucraina Nastya Roshuk, l’UpToYou Festival a Bergamo, Antonio Rezza torna all’Elfo Puccini con Flavia Mastrella, Raffaele…

    Cult - 17/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 17/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 17/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di martedì 17/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA, ULTIMI SVILUPPI, ANALISI E COMMENTI con Emanuele Valenti e Mariella Cao, portavoce del comitato “Gettiamo le basi”,…

    Prisma - 17/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 17/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 17/05/2022

Adesso in diretta