Approfondimenti

I combattimenti furiosi nel Donbass, l’episodio di oscurantismo in un liceo di Vicenza e le altre notizie della giornata

Zaporizhzhia ANSA

Il racconto della giornata di sabato 4 giugno 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Mentre continuano i combattimenti, violentissimi, nel Donbass, il ministero degli Esteri ucraino polemizza con il governo francese. Continua l’azione di disturbo mediatico del governo russo nei confronti del ministero degli Esteri italiano. Un operaio è morto a Fiera Milano durante l’allestimento del Salone del Mobile. Storia di oscurantismo in un liceo di Vicenza dove la preside ha “sparato a zero” sulle donne sovrappeso. La grande richiesta di manodopera delle imprese edili spinge gli industriali a chiedere di potenziare il decreto flussi. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La pace in Ucraina è sempre molto lontana

Partiamo dall’aspetto diplomatico: oggi c’è stato uno scambio di accuse tra la Francia e l’Ucraina. Ha iniziato il presidente francese Emmanuel Macron, dicendo che “è fondamentale che la Russia non venga umiliata in modo da poter trovare una soluzione diplomatica una volta che i combattimenti cesseranno in Ucraina”.

A stretto giro di posta la risposta di Kiev: “Gli appelli di Macron umiliano solo la Francia”, gli ha detto il ministro degli esteri ucraino Dmitro Kuleba. Che poi ha aggiunto: “Sarebbe meglio che tutti ci concentrassimo su come rimettere la Russia al suo posto. Questo porterebbe pace e salverebbe vite”.

Sul campo intanto l’unica cosa che si riesce a capire da fonti di entrambe le parti è che a Severodonetsk è in corso una battaglia furibonda, i cui esiti però non sono chiari, visto che da una parte e dall’altra arrivano comunicati vittoriosi. Kiev rivendica di aver riconquistato buona parte della città, e di avere il controllo di circa la metà del territorio di Severodonetsk.

La Russia dal canto suo dice l’esatto opposto, parlando di grosse perdite nell’esercito ucraino, e continua a bombardare i ponti per evitare che armi e rinforzi possano arrivare agli ucraini. Nei combattimenti, sarebbe andato a fuoco anche un famoso monastero proprio sulla linea del fronte, affiliato alla chiesa ortodossa di Russia, e ci sarebbero stati anche alcuni morti tra i monaci. Per la distruzione del monastero arrivano accuse da entrambe le parti per addossare la responsabilità dell’accaduto al nemico.

Il pressing mediatico della Russia sull’Italia, considerata da Mosca l’anello debole d’Europa

(di Luigi Ambrosio)

Le parole del ministero degli Esteri russo sui politici italiani che avrebbero dimostrato scarsa moralità possono voler dire molte cose.

Possono essere anche un segnale per quei partiti e per quei politici che hanno in passato espresso simpatia o addirittura vicinanza al Cremlino e che ora appoggiano le scelte del governo Draghi in sostegno dell’Ucraina e contro la Russia, sia sul piano dell’invio di armi che su quello delle sanzioni economiche. E possono essere anche un avviso per chi fino a oggi, si ritiene, abbia fatto troppo poco.

L’Italia è considerata da Mosca un anello debole nella catena dei paesi occidentali. Quello dove la propaganda mediatica fa più presa e non è un caso che il ministero degli Esteri russo attacchi anche, genericamente, i media. Un anello debole e al tempo stesso il paese che si è allontanato maggiormente. Ricordando i tempi dell’amicizia tra Putin e Berlusconi e quello delle gite leghiste in Russia in cerca di finanziamenti, con in più il contratto firmato tra Lega e Russia Unita, il partito di Putin, forse a Mosca si sarebbero aspettati una linea più accondiscendente. Le cose sono cambiate a Roma anche rispetto ai giorni della pandemia, quando a una delegazione militare russa fu dato il permesso di scorrazzare liberamente nell’Italia bloccata dal lockdown, ai tempi del Conte 2. Evocare il tradimento, usare quella parola, “moralità”, che suona ambigua e allusiva, potrebbe mettere in allarme qualcuno, suscitare preoccupazione. E chissà, ottenere qualche risultato.

Un nuovo morto sul lavoro in Lombardia

Ancora un infortunio mortale sul lavoro. In Lombardia, a Milano, a pochi giorni dall’inizio del salone del mobile, evento per cui stava lavorando il 64enne che è caduto da una scala al Padiglione 1 della Fiera di Rho Pero, dove appunto martedì aprirà il Salone del Mobile. L’incidente è avvenuto nel pomeriggio. Il lavoratore, trovato dai soccorritori in arresto cardiocircolatorio, è stato trasportato all’ospedale Sacco di Milano mentre si tentava di rianimarlo ma poco dopo è stato dichiarato il decesso. Da accertare se sia caduto a causa di un malore o se la morte sia stata causata dalla caduta. “È l’ennesimo episodio di una guerra quotidiana”, dice Vincenzo Greco, della segreteria della camera del lavoro di Milano con delega alle politiche della sicurezza…

Oscurantismo e body shaming in un liceo di Vicenza

L’assessora all’istruzione del Veneto Elena Donazzan, di Fratelli d’Italia, si è schierata con la dirigente scolastica del liceo di Vicenza i cui studenti hanno scioperato ieri. La protesta è nata dopo le critiche della preside nei confronti di studentesse che indossavano delle magliette che lasciavano scoperta la pancia. La dirigente in 55 minuti di discorso ha tra le altre cose definito “indecenti” le donne sovrappeso che indossano canottiere scollate – hanno riferito gli studenti – ed espresso altri commenti grassofobici come “2 etti di prosciutto e 4 etti di tette”, e si è riferita con disgusto a  una donna in carne che poco dopo il parto indossava pantaloncini corti.

Secondo un sondaggio della Rete degli studenti, il malessere psicologico è cresciuto con la pandemia e il 28% soffre di disturbi del comportamento alimentare.

Elena Bigarella, rappresentante di istituto del liceo Fogazzaro:

Le imprese edili hanno bisogno degli immigrati e chiedono al governo di allentare le restrizioni

Il governo sta pensando di potenziare il decreto flussi per venire incontro alle richieste delle imprese, che grazie al boom di cantieri dovuti ai bonus per le ristrutturazioni, non trovano lavoratori. La ministra dell’Interno Lamorgese ha detto che i numeri saranno più elevati rispetto alle 70mila persone dello scorso anno, e che le procedure saranno accelerate. In particolare l’idea è di riproporre un protocollo con le parti sociali e il ministero del lavoro, per inserire nel circuito dell’edilizia i titolari di protezione internazionale o la cui pratica è in via di esame.

Secondo Confindustria in Italia mancano 150mila lavoratori, secondo i sindacati 90mila. Dalle ultime ispezioni è emerso che 9 imprese su 10 non sono in regola, inoltre l’edilizia è uno dei settori in cui è più elevato il tasso di incidenti sul lavoro.

Abbiamo chiesto all’avvocato di Asgi Salvatore Fachile un parere su questa proposta:

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 28/05 9:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 28/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 28/05/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 28/05/2024

    Nel 50esimo della strage di Piazza della Loggia, Massimo Alberti intervista Manlio Milani, la memoria storica della lotta per la verità e giustizia, già presidente dei familiari delle vittime. Radio Popolare trasmette in diretta da Brescia le celebrazioni con la manifestazione, le voci, i familiari delle vittime, il presidente Mattarella (in piazza Lorenza Ghidini, Massimo Alberti, Alessandro Braga e Michele Migone). Negli approfondimenti di Giorni Migliori, Lorenzo Venini, avvocato, ci racconta cosa sta proponendo la Lega in Parlamento ovvero 25 anni di carcere per chi protesta contro le grandi opere in maniera violenta o minacciosa.

    Giorni Migliori – Intro - 28-05-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 28/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 28-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di martedì 28/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 28-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 27/05/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 27-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 27/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27-05-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 27/05/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 27-05-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 27/05/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 27-05-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 27/05/2024 - ore 20:02

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 27-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 27/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 27-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 27/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 27-05-2024

Adesso in diretta