Approfondimenti

Israele alle strette davanti al tribunale dell’Aja, la stampa sempre meno libera in Italia e le altre notizie della giornata

Corte penale internazionale dell'Aja

Il racconto della giornata di venerdì 17 maggio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Israele ha tempo poche ore per spiegare alla corte Penale Internazionale quali precauzioni ha preso per la protezione dei civili di Gaza, mentre continuano i bombardamenti sulla Striscia; il rapporto di Media Freedom Rapid Response descrive una situazione in peggioramento per la libertà di stampa in Italia; l’Italia si schiera con i paesi est europei contro l’allargamento delle garanzie per le persone lgbtq; il governo tunisino continua nella sua stretta repressiva.

Israele davanti alla Corte Penale Internazionale

Si è conclusa all’Aja la due giorni di udienze convocata d’urgenza dalla Corte Penale Internazionale su sollecitazione del Sudafrica: il tema è stato soprattutto quello dell’invasione di terra di Rafah, che Johannesbourg chiede di fermare con effetto immediato per le sue pesanti conseguenze sulla popolazione. Oggi è intervenuto il rappresentante nominato da Israele, che ha definito una presa in giro l’accusa di genocidio. L’udienza si è conclusa con l’intervento del giudice tedesco, che ha chiesto a Tel Aviv di spiegare nel dettaglio che tipo di precauzioni sono state prese per proteggere i civili: Israele ha tempo fino a domani pomeriggio per rispondere, dopodiché la Corte potrebbe emettere un ordine urgente già i primi giorni della prossima settimana. Chantal Meloni, docente di diritto penale internazionale alla statale di Milano.

Durante tutta la due giorni di udienze i bombardamenti sulla Striscia e i combattimenti di terra a Rafah e a Jabalia sono proseguiti senza sosta. Anche Gaza City nel nord è stata teatro di scontri, molti palazzi residenziali sono stati demoliti. L’esercito di Tel Aviv ha invece comunicato di avere recuperato i corpi di 3 ostaggi: sarebbero stati uccisi già il 7 ottobre e i corpi senza vita portati poi nella Striscia. Oggi sono arrivati a Gaza i primi aiuti per la popolazione dopo molti giorni: o meglio sono arrivati al molo allestito dagli Stati Uniti al largo della costa. Non è però chiaro come e dove saranno distribuiti. Paolo Pezzati è il portavoce di Oxfam.

 

La libertà di stampa in Italia è sempre meno garantita

(di Anna Bredice)

Quarantanove casi di allerta, minacce fisiche, aggressioni verbali, querele temerarie, azioni legale, tutto questo solo nei primi mesi del 2024. È la denuncia che i membri del Media Freedom Rapid Response hanno fatto al termine di due giorni di incontri, o forse è meglio dire di mancati incontri con il governo e i partiti della maggioranza, per valutare la situazione della libertà di stampa in Italia. La missione urgente dei membri del consorzio europeo conferma una situazione piuttosto allarmante: sono aumentate le querele temerarie nei confronti dei giornalisti, azioni legali intentate per intimidire, per indebolire il giornalista pressato dal timore di una denuncia che al momento in Italia prevede ancora il carcere nonostante l’Europa chieda di eliminare la pena detentiva. Il maggior numero di querele si contano a Roma, è la prova del forte controllo della politica sui giornali, ma i componenti della missione hanno trovato le porte chiuse del governo e della maggioranza e questo già sembra rendere evidente l’atteggiamento di disinteresse di Palazzo Chigi rispetto ai problemi dell’informazione. Anzi, le difficoltà arrivano proprio da lì, da un sistema di autocensura che hanno riscontato nella televisione pubblica, e il caso di Scurati, il monologo che il responsabile intrattenimento della Rai ha bloccato, lo ha reso pubblico. C’è poi il caso delle mani della destra e l’aperto conflitto di interesse per la seconda agenzia di stampa italiana, l’Agi che il senatore della Lega Angelucci mira ad acquistare. Infine, il mancato avvio in Italia del Media Freedom Act che prevede la nomina del Cda della televisione pubblica attraverso criteri di trasparenza, slegati dalla politica e invece il prossimo Cda che verrà nominato a breve sarà ancora scelto con le regole date dalla riforma Renzi. I membri del consorzio hanno partecipato anche ad un sit in dell’Usigrai che si è svolto ieri, mentre in serata i giornalisti del Unirai, il sindacato di destra si sono ritrovati ad una festa dove si sono sentite frasi, a proposito del Tg1, come: “siamo la rete del Papa, la vogliamo difendere o no la nostra religione?”. 

Omotransfobia: Italia retroguardia d’Europa

L’Italia non ha firmato la dichiarazione dell’Unione Europea per la promozione di politiche di tolleranza. Insieme al nostro Paese, si oppongono gli stati dell’est Europa. Secondo quanto previsto dal testo gli Stati firmatari “si impegnano in particolare ad attuare strategie nazionali per le persone Lgbq e a sostenere la nomina di un nuovo Commissario per l’uguaglianza quando sarà formata la prossima Commissione”. Il ministero della famiglia ha fatto sapere di non aver firmato il testo perché “troppo simile alla legge Zan”, bocciata dalla maggioranza quando fu presentata dal deputato Pd. Tutto questo nella giornata contro l’omotransfobia, celebrata oggi nel nostro Paese dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha parlato degli episodi di omofobia nel nostro Paese come di brutalità a cui opporsi. Anche la presidente del consiglio Giorgia Meloni oggi è intervenuta sulla questione: “Il governo è in prima linea in questa battaglia”, ha detto. Gabriele Piazzoni è il segretario generale di Arcigay nazionale…

La repressione del governo tunisino colpisce anche i cooperanti

In Tunisia l’ex direttrice di una ong che si occupa di assistere i migranti in transito nel Paese è stata arrestata. Ieri le autorità tunisine avevano dato notizia dell’arresto di un altro attivista per alcune sue pubblicazioni sui social. Nel mirino della repressione del governo di Kais Sayed non ci sono solo gli attivisti ma anche i giornalisti e gli stessi migranti: il Tribunale di Sousse ha condannato 50 persone provenienti da vari Paesi dell’Africa subsahariana a otto mesi di reclusione, per “attraversamento illegale delle frontiere e soggiorno illegale nel territorio”. In relazione a questo vero e proprio giro di vite Amnesty International chiede a Italia e Unione Europea di rivedere gli accordi in essere con la Tunisia in materia di contrasto all’immigrazione. Riccardo Noury, portavoce di Amnesty Italia:

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 15/06 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 15-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 14/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 14-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 14/06/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 14-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Delorean di sabato 15/06/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 15-06-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 15/06/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 15-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 15/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 15-06-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 15/06/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 15-06-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 15/06/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 15-06-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 15/06/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 15-06-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 15/06/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 15-06-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 15/06/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 15-06-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 15/06/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 15-06-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 15/06/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 15-06-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 15/06/2024

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con un tono leggero fatto di parole, note e suoni che sostituendo le immagini permettono di ricreare con la propria capacità di ascolto emozioni e riflessioni suggerite dal cinema. Il programma, che prende il nome dal contenitore che conserva e ripara dalla luce le pellicole all’interno della macchina da presa, va in onda ogni domenica mattina con quasi un’ora di interviste a registi, attori, autori, musiche e parole dal mondo della celluloide. A volte con interventi e opinioni di critici, sempre con i racconti di chi il cinema lo fa. Un programma d’informazione sulle uscite cinematografiche settimanali e le cronache dai Festival di Cannes, Venezia, Torino, Locarno. Inoltre viene dato spazio alle novità editoriali in campo cinematografico e ogni puntata di Chassis si chiude con una canzone dei titoli di coda, tratta ogni mese da una colonna sonora diversa. Vi aspetta ogni sabato dalle 14.00 alle 15.00 in FM 107.60, in streaming o su app.

    Chassis - 15-06-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 15/06/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 15-06-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 15/06/2024

    La terza edizione del Disability Pride di Milano; Circonferenze. Festival di Circo e Teatro di Strada; sulla nostra poltrona, Martina Micciché, scienziata politica, scrittrice e fotoreporter femminista e antispecista; il Premio l'AltroPallone, intervista a Claudio Ranieri; il consiglio della rubrica GialloCrovi, l'arte, il cinema, il teatro; il Back to the future festival; Alice, è questo il paese delle meraviglie? Spettacolo itinerante a Cernusco. E molte segnalazioni.

    Good Times - 15-06-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 15/06/2024

    1)Quando gli artisti non sono disposti a fare compromessi morali. I Massive Attack rinunciano al concerto in Georgia per protestare contro la politica repressiva del governo. 2)Dopo la sentenza storica della Cedu a favore della causa delle anziane per il clima, il parlamento Svizzero vota per ignorare la decisione della corte. (Norma Bargetzi) 3) Il fratello ritrovato. La storia di Miguel Santucho che dopo 47 anni ha ritrovato il fratello mai conosciuto grazie alla nonna e alle Abuelas di Plaza de Mayo 4) Queer, arabi e arrabbiati. Gli attivisti LGBTQ+ in medio oriente raccontati dal progetto fotografico I hear your silence. (Daniela Sala - Fada Collective) A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 15-06-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 15/06/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 15-06-2024

Adesso in diretta