Approfondimenti

Il caos sulla situazione all’acciaieria di Mariupol, il piano europeo per fare a meno della Russia e le altre notizie della giornata

Pechino Ucraina Ursula von der Leyen commissione europea

Il racconto della giornata di mercoledì 18 maggio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Dopo 84 giorni dall’invasione dell’Ucraina la battaglia dell’acciaieria di Mariupol sembra arrivata ad un punto, mentre la Russia ammette le difficoltà nel Donbass. A Kiev si è tenuto il primo processo per crimini di guerra dal 24 febbraio scorso. In Italia è alle battute finali il processo Ruby ter, che vede imputato Silvio Berlusconi per corruzione in atti giudiziari. Giuseppe Conte è sempre più in difficoltà col Movimento 5 Stelle, oggi ancora più di ieri dopo aver perso la presidenza della commissione Esteri del Senato in favore della senatrice di Forza Italia Stefania Craxi. La Commissione Europea ha presentato RePower, il piano energetico per ridurre la dipendenza dal gas e del petrolio russi ed eliminarla in 5 anni. Dura ormai da una settimana l’attesa di un porto sicuro di 471 persone migranti salvate nel Mediterraneo dalla nave umanitaria Geo Barents. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La battaglia dell’acciaieria di Mariupol sembra arrivata ad un punto

Dopo 84 giorni dall’invasione russa, la battaglia dell’acciaieria di Mariupol sembra arrivata ad un punto, anche se la situazione rimane ancora molto difficile da decifrare. Secondo il Ministero della Difesa russo da lunedì ad oggi sono circa mille i soldati ucraini che si sono arresi tra quelli che erano asserragliati all’interno dell’Azovstal. Secondo Kiev, però, i negoziati con la Russia per l’evacuazione dei feriti prosegue. È una situazione ancora molto poco chiara, soprattutto non si sa con certezza quanti soldati ucraini siano ancora nell’Azovstal, e ci sono dubbi sulla sorte che avranno quelli evacuati.

(di Martina Stefanoni)

Secondo il leader dei separatisti filorussi di Donetsk, sono oltre mille i soldati ucraini ancora nei sotterranei dell’acciaieria e, soprattutto, nessun comandate sarebbe uscito dall’Azovstal. I quasi mille soldati ucraini che si sono arresi sono stati trasferiti in un territorio controllato dai russi, nella repubblica di Donetsk. Non è chiaro quale sarà la loro sorte.
Secondo il Ministero della Difesa ucraino, nei prossimi giorni dovrebbero essere riportati in territorio ucraino con uno scambio di prigionieri, ma Mosca non sembra convinta di quest’ultimo punto. Secondo alcuni ufficiali russi, i militari ucraini potrebbero essere processati e – forse – giustiziati. Il capo della repubblica di Donetsk ha detto che sarà un tribunale a decidere il destino dei combattenti ucraini, ma qualsiasi ucraino ritenuto “un criminale di guerra neonazista” dovrebbe essere processato da un tribunale internazionale.
In più, i deputati della Duma hanno detto che avrebbero proposto nuove leggi che potrebbero impedire gli scambi di prigionieri di combattenti che Mosca ritiene “terroristi”. La situazione, quindi, è ancora molto mobile, anche se Zelensky ha detto che i negoziati per l’evacuazione proseguono, anche se sono molto complicati.

L’offensiva nel Donbass non si ferma, ma la Russia ammette le difficoltà

A nord di Mariupol, nel Donbass, continua l’offensiva. L’attenzione è in particolare concentrata sulla località di Lyman, nella regione di Donetsk, accerchiata su tre lati dai russi. La progressione delle truppe di Putin prosegue, quindi, anche se lentamente e nonostante le difficoltà logistiche dell’esercito russo. Difficoltà ammesse anche dal vice capo del Consiglio per la sicurezza nazionale di Mosca che oggi ha detto: “Nonostante le attuali difficoltà, la Russia continuerà la sua “operazione militare speciale” fino al suo compimento, “e i suoi obiettivi, compresa la demilitarizzazione e denazificazione dell’Ucraina e la difesa delle repubbliche di Donetsk e Lugansk, saranno completamente raggiunti”.

Dal lato ucraino, continua la controffensiva che, anche dopo la vittoria nell’area di Kharkiv, è sempre più convinta di potercela fare.

Il primo processo per crimini di guerra dall’inizio dell’invasione

Oggi a Kiev, durante il primo processo per crimini di guerra dall’inizio dell’invasione, un soldato russo di 21 anni si è dichiarato colpevole per aver ucciso un civile di 65 anni. La notizia pone certamente una questione sull’equità di un processo che si svolge in tempo di guerra, discorso che vale anche per quanto riguarda i militari dell’Azovstal detenuti in Russia di cui parlavamo prima. Su questo, abbiamo sentito Riccardo Noury, portavoce di Amnesty Italia:


 

L’accordo con la Turchia per l’ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato

(di Martina Stefanoni)

Dal punto di vista diplomatico, invece, oggi Svezia e Finlandia hanno presento ufficialmente la loro domanda di adesione alla Nato, ma per la loro entrata nell’alleanza atlantica bisognerà trovare un accordo con la Turchia, che ha posto diversi paletti per il suo via libera.

La Turchia è l’unico paese membro della Nato ad essersi espresso negativamente riguardo l’ingresso dei due paesi. Secondo il Financial Times, Ankara avrebbe già bloccato il primo voto su Svezia e Finlandia, allontanando quindi le possibilità di un’entrata rapida nell’alleanza. La Turchia però non sarebbe contraria all’ingresso in modo assoluto, ma pone dei paletti, delle condizioni. Parlando in parlamento Erdogan ha detto che la Turchia ha chiesto più volte a Svezia e Finlandia l’estradizione di 30 curdi che Ankara considera terroristi, ma hanno sempre ricevuto un no come risposta. Su questo punto si concentrano le richieste turche, e sembra proprio che ora, per poter proseguire con l’annessione dei due paesi nordici alla Nato, bisognerà trovare un accordo.
Abbiamo chiesto ad Hazal Koyuncuer, rappresentante della comunità curda milanese, un commento sulle richieste turche:


 

La Geo Barents è ancora in attesa di un porto sicuro per far sbarcare 471 naufraghi

Una donna afghana di 70 anni è morta a Roccella Jonica, in Calabria, dove era sbarcata due notti fa con altre 96 persone migranti. Non si sa esattamente cosa abbia causato la sua morte. Le sue condizioni di salute non erano buone. Dopo l’arrivo era stata visitata, ma non era stato considerato necessario che fosse portata in ospedale, così era rimasta in una tensostruttura allestita nel porto di Roccella. Stamattina si è sentita male e poco dopo è morta.

Dura ormai da una settimana l’attesa di un porto sicuro di 471 persone migranti salvate nel Mediterraneo dalla nave umanitaria Geo Barents. “Siamo vicini agli otto giorni e mezzo che erano il tempo medio quando le attività di soccorso erano apertamente perseguite”, ha scritto su Twitter Medici Senza Frontiere, che gestisce il mezzo umanitario. Juan Matias Gil è il capomissione dell’organizzazione a bordo:


 

Il piano energetico dell’UE per eliminare la dipendenza da gas e petrolio russi

Si chiama RePower: è il piano energetico della Commissione europea per ridurre fino a eliminarla, la dipendenza dal gas e del petrolio russo. Obiettivo dichiarato. Sganciarsi da Mosca in 5 anni.
La cifra totale stanziata – ha detto Ursula Von der Leyen – è di 300 miliardi di euro. Non pochi, apparentemente. Ma in realtà non sono soldi nuovi: si tratta – come la stessa Commissione ha spiegato – di ritagli del Recovery Fund, il maxi piano post COVID. 230 miliardi vengono da lì. E sono prestiti. Gli altri 70, le sovvenzioni, da ulteriori limature del bilancio comunitario.
La Commissione punta sulla transizione a fonti rinnovabili: prevede di rendere obbligatori i pannelli solari per gli edifici commerciali e pubblici entro il 2025 e per i nuovi edifici residenziali entro il 2029.
Secondo punto: diversificare gli acquisti e la produzione di fonti fossili e di farlo in modo coordinato. Nel mix energetico sono compresi carbone e nucleare che dovranno aumentare nei prossimi 5-10 anni di circa il 5%.
E poi il risparmio energetico: consumare meno. Il commissario Timmermans ha rilanciato lo slogan di Draghi: meno aria condizionata, meno soldi per Putin.

La débâcle di Conte si chiama Stefania Craxi

(di Luigi Ambrosio)

“Noi li avevamo avvertiti che finiva male”. Dalle parti del PD mettono due volte le mani avanti. Una volta per chiarire che l’elezione di Stefania Craxi non è opera di suoi franchi tiratori, ma di una maggioranza che ha messo insieme il centrodestra, Italia Viva e qualcuno del gruppo misto. E una seconda volta per dire che la débâcle del candidato pentastellato Licheri è tutta colpa di Giuseppe Conte.
“Li avevamo avvertiti” che i nemici di Conte erano lì pronti ad aspettare la prima occasione utile per fargli male. Anche perché il capo politico del Movimento 5 Stelle deve prendere atto una volta di più che oltre alle difficoltà con gli alleati fa fatica con il suo partito. [CONTINUA A LEGGERE SUL SITO]

Il processo Ruby ter arriva alle battute finali

Alle battute finali il processo Ruby ter, che vede imputato Silvio Berlusconi per corruzione in atti giudiziari. Berlusconi ha pagato le donne che partecipavano alle serate di Arcore per mentire durante i primi due processi nati dal caso Ruby. Veri e propri stipendi, regolari bonifici, oltre a svariati regali. Questa è la tesi dei pubblici ministeri.
Gli imputati sono 28, la stessa Karima El Marough e altre 20 ragazze. A che scopo? Per dire il falso, per sostenere la tesi delle “cene eleganti”, che le ragazze erano semplici commensali di Berlusconi. La pm Tiziana Siciliano ne parla così:

Odalische, schiave sessuali. Due di loro minorenni: la stessa Ruby e Iris Berardi, modella brasiliana. Che Emilio Fede “offriva al Sultano”, ossia Berlusconi, dicendogli: ‘mangia dal mio piatto'”. Il 25 maggio ci sarà la seconda parte della requisitoria dei pm, poi le richieste di pena e la sentenza: 8 anni dopo l’inizio delle indagini. “Un fallimento del sistema” ha detto la pm. Che avvicina il rischio prescrizione.

Cannes 75 apre a sorpresa con Zelensky collegato in diretta

(di Barbara Sorrentini)

Cannes 75 è iniziato con una sorpresa. Durante la cerimonia d’apertura si è collegato in diretta Volodymyr Zelensky. Il presidente dell’Ucraina, che sappiamo essere anche attore e cinefilo ha citato il discorso finale recitato da Charlie Chaplin nel film “Il grande dittatore”. Ribadendo le parole di denuncia contro Putin e quelle verso la pace e la liberazione dell’Ucraina, Zelensky ha adeguato il suo parlare a un pubblico cinefilo, ricordando quanto ha fatto il cinema per promulgare la libertà. In questa edizione che ospiterà parecchi focus dedicati alla guerra di Putin, non poteva mancare questo incontro inaspettato prima del film di Michel Hazanavicius, il regista di origine lituane pluripremiato per “The Artist”.
Il nuovo film, “Coupez!” è un po’ horror e un po’ comico. Racconta di un regista alle prese con un film splatter in stile asiatico e che si trova per la prima volta, con la sua troupe ad inventarsi un genere sconosciuto. Con questo circo improvvisato e con molta ironia, Hazanavicius riflette sulla trasformazione del cinema in un prodotto social, che trova sempre meno spazio sul grande schermo. Spazio che invece si prende “Esterno notte”, il film ad episodi girato da Marco Bellocchio dedicato alla figura di Aldo Moro e alla sua tragica fine. Da oggi al cinema i primi tre episodi (gli altri tre dal 9 giugno) e il film in autunno si vedrà anche su Rai1. Seguito ideale di “Buongiorno Notte”, il film che Marco Bellocchio diresse nel 2003, “Esterno Notte” descrive i 55 giorni in cui Moro fu sotto sequestro, cercando di capire anche cosa successe fuori da quella cella e come l’Italia e la Dc arrivarono a quell’epilogo disastroso. Non è strano che il Festival di Cannes lo abbia proiettato in anteprima.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Oggi in Italia sono stati comunicati circa 30mila contagi da coronavirus con 136 morti. I tamponi positivi sono l’11,5%, in calo rispetto a ieri. Diminuiscono anche le persone ricoverate, sia in terapia intensiva sia negli altri reparti COVID.

https://twitter.com/MinisteroSalute/status/1526938490847612930

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 26/05 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 26-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 26-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 26/05/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 26-05-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 26/05/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 26-05-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/05/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 26-05-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/05/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 26-05-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 26/05/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 26-05-2024

  • PlayStop

    Delorean di sabato 25/05/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 25-05-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 25/05/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 25-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25-05-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 25/05/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 25/05/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 25-05-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/05/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 25-05-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/05/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 25-05-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 25/05/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 25-05-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 25/05/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 25-05-2024

Adesso in diretta