Approfondimenti

L’impatto delle vaccinazioni degli under 12 sull’epidemia, la relazione della Commissione d’inchiesta su Regeni e le altre notizie della giornata

brevetti vaccini COVID ANSA

Il racconto della giornata di mercoledì 1° dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il via libera delle autorità italiane alla vaccinazione contro il COVID per i bambini dai 5 agli 11 anni non è ancora arrivato, ma crescono i dubbi circa l’impatto sull’epidemia della vaccinazione degli under 12, che potranno essere raccolti solo sul campo. La GKN ha riaperto la procedura di licenziamento per i 422 dipendenti e l’incontro previsto per oggi sulla reindustrializzazione dell’area è saltato senza preavviso. La Commissione d’inchiesta sull’omicidio di Giulio Regeni ha pubblicato oggi la relazione finale e ha chiesto l’appoggio dell’Unione Europea per chiamare l’Egitto a rispondere delle proprie responsabilità come Stato. Un premio al contributo artistico e un film su Anita Ekberg hanno portato Monica Bellucci al Torino Film Festival, che ha ricevuto il Premio Stella della Mole 2021. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

L’impatto delle vaccinazioni degli under 12 sull’epidemia

I motivi per cui le autorità sanitarie hanno raccomandato l’estensione della vaccinazione ai bambini di 5-11 anni sono due: uno è la tutela della loro salute (di cui Radio Popolare si è occupata ieri), l’altro è quello delle ricadute positive in termini di riduzione della circolazione generale del virus. 
Con gli under 12 la platea dei vaccinabili aumenterebbe dagli attuali 54 milioni a circa 57 milioni. Naturalmente questo non inciderebbe sul raggiungimento del 90% di vaccinati, la quota obiettivo del governo, perchè all’aumento delle vaccinazioni corrisponde un aumento dei vaccinabili. Aumenterebbe però, se la risposta alla campagna in questa fascia d’età fosse significativa, il numero assoluto di individui vaccinati sulla popolazione e vaccinando i bambini si tutelerebbero prima di tutto i loro familiari, che come è noto benché vaccinati non sono mai completamente coperti, oltre eventualmente ai fratellini più piccoli per cui i vaccini non sono ancora autorizzati.


Più in generale, il vaccino agli under 12 riduce ovviamente la circolazione virale, anche se l’entità di questa riduzione è quasi impossibile da stimare, poiché dipende da molti fattori su cui ci sono poche certezze. Prima di tutto bisognerebbe sapere quanti sono i bambini già oggi immuni, che hanno avuto il COVID senza saperlo e la cui vaccinazione non cambierebbe nulla a livello di possibilità di circolazione del virus. Secondo: non ci sono ancora dati certi sulla minore, maggiore o uguale contagiosità dei bambini rispetto agli adulti: il Ministero della Salute italiano dice che “la capacità dei bambini, prevalentemente asintomatici, di trasmettere SARS-CoV-2 rispetto agli adulti non è ancora nota”. Terzo, i bambini rispettano meno degli adulti le altre misure di prevenzione del contagio e dunque il virus ha più occasioni di sfuggire alla protezione offerta dal vaccino.

L’impatto sull’epidemia della vaccinazione degli under 12, quindi, può essere misurata solo sul campo. Purtroppo non ci sono molti esempi a cui guardare. Non Israele, dove del milione duecentomila bambini idonei solo circa trentamila sono già vaccinati. Non gli Stati Uniti, dove hanno iniziato da poco meno di un mese. Qui i bambini 5-11 anni vaccinati sono circa 4 sui 28 milioni di idonei: in settimo della platea, troppo pochi per trarre conclusioni.

La relazione finale della Commissione d’inchiesta su Giulio Regeni

(di Michele Migone)

Il passo del Parlamento è stato il più forte nei confronti del governo italiano da quando, nel 2016, Giulio Regeni è stato ucciso all Cairo. La relazione finale della Commissione d’inchiesta sposa le tesi della Procura di Roma, individua nei vertici dell’Agenzia di Sicurezza egiziana i responsabili dell’assassinio del giovane ricercatore e chiedono al nostro governo di intervenire sul regime del Generale Al Sisi per ottenere verità e giustizia. Una richiesta espressa con una formula sufficientemente vaga da permettere a tutti i componenti della commissione di votare la relazione, ma abbastanza stringente da mettere l’esecutivo di fronte alla necessità di dare una qualche risposta al Parlamento. “I responsabili dell’assassinio di Giulio Regeni sono al Cairo all’interno degli apparati di sicurezza e probabilmente anche all’interno delle istituzioni” – si legge nel documento della Commissione. Che chiede al governo e alla magistratura egiziani di collaborare con la Procura di Roma, di abbandonare l’atteggiamento ostruzionistico avuto nel corso degli ultimi anni da parte degli egiziani. Per arrivare a questa svolta, secondo la commissione parlamentare, il nostro esecutivo deve abbandonare la sua politica di acquiescenza nei confronti de Il Cairo: “È giunto il momento per il Governo italiano di compiere un passo decisivo presso il governo egiziano “ per arrivare alla consegna alla Procura di Roma degli ufficiali indagati per l’omicidio di Regeni. La mancata consegna, infatti, secondo la Commissione “suona come un’ammissione della loro colpevolezza e non può essere giustificata dall’assenza di un trattato bilaterale di assistenza giudiziaria”. Nessuna scusa, quindi: il governo deve fare le giuste pressioni. Ora, in qualche modo l’esecutivo deve rispondere, ma è difficile che si scosti da quella linea di real politik decisa in nome degli affari e degli interessi italiani in Egitto dal governo Renzi in poi.

GKN riapre la procedura di licenziamenti e i 422 dipendenti continuano a lottare

(di Massimo Alberti)

La vertenza della GKN, diventata ormai simbolica delle delocalizzazioni dall’Italia.
Dopo la riapertura della procedura di licenziamento, un incontro previsto per oggi sulla reindustrializzazione dell’area è saltato senza preavviso, domani invece è stato convocato in videoconferenza il tevolo di crisi al ministero dello sviluppo economico, dove si apre anche un problema di conflitto di interessi. Stamattina gli operai sono tornati in piazza.
Sotto la pioggia e sotto la prefettura, la prima risposta degli operai alla raccomandata con cui il fondo Melrose annuncia di voler riaprire la procedura di licenziamento per 422 dipendenti, costretta a cancellare dopo le sconfitte in tribunale. La richiesta degli operai a marcare l’universalità della loro storia, resta la stessa: una legge contro le delocalizzazioni, su cui però la politica, al di là di solidarietà di facciata, fa orecchie da mercante. Ma attorno alla vicenda della fabbrica di semiassi continuano ad accader fatti poco chiari. Non solo GKN non ha mai fatto il nome dei presunti possibili compratori, né ha mai chiarito cosa intendano comprare i misteriosi acquirenti. Ma l’incontro fissato oggi proprio in prefettura a Firenze sul piano di reindustrializzazione è saltato nella notte, senza alcun avviso. “strane trame e strane voci. Qualcuno dice che si è presentata la CISL, qualcuno che è stato l’advisor, qualcuno il ministero” scrive il collettivo di fabbrica. Un incontro in presenza, sostituito domani dal tavolo di crisi a distanza. “non c’è più nessuna credibilità nemmeno negli incontri futuri” scrivono ancora gli operai che accusano il Ministero che doveva farsi garante della serietà dei processi di reindustrializzazione, e non lo sta facendo”. Alle stranezze di questa storia se ne aggiungerà un’altra, emersa grazie al premio per i licenziamenti allo studio legale di GKN. A rappresentare l’azienda è infatti lo studio di Francesco Rotondi, consulente della Lega, il partito del ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, titolare del ministero dove si riunirà il tavolo di crisi.

Il nuovo spot del Parmigiano Reggiano scatena un putiferio

(di Massimo Alberti)

Ha scatenato un putiferio il nuovo spot del Parmigiano Reggiano in cui un operaio dichiara felice quanto sia bello lavorare 365 giorni l’anno. “Veicola un messaggio sbagliato”, l’accusa. “Una licenza poetica che non è stata capita”, replica il consorzio.
Renatino, persino nella finzione, non riesce a fare una faccia molto felice quando dice che sì, lui lavora tutti i giorni dell’anno senza ferie e malattia, ai 4 ragazzotti benestanti che, come in visita allo zoo, guardano divertiti l’operaio definito prima “un additivo”, e poi infantilizzato dall’uso del diminutivo, complimentandosi del fatto che sostanzialmente non abbia una vita per dar loro “il formaggio che profuma come l’amore”.
E così lo spot, estratto da un mediometraggio del regista Paolo Genovese, è rapidamente diventato virale per questa celebrazione dello stakanovismo fuori da ogni legge e regola.
I ragazzi guardano ammirati l’operaio che in vita sua non è mai stato al mare, a sciare, a Parigi.
Una pubblicità che identifica nel suo pubblico quei 4 ragazzi, mettendo il consumatore su un piano diverso da chi lavora. In fondo questa spersonalizzazione di chi lavora è un concetto che si è fatto largo da tempo, non diverso da quello per cui la logistica, o le piattaforme, per fornire un servizio tanto buono a chi non vuol uscir di casa, spremono i propri dipendenti, che poi di la c’è qualcuno che, dandogli il voto con un click, può persino fargli togliere un lavoro se è scontanto perché in una serata di pioggia la pizza è arrivata fredda.
Il consorzio, prima di bannarlo, risponde allo scrittore Christian Raimo, che tra i primi ha denunciato lo spot, che si tratta di una licenza poetica per sottolineare il loro impegno. E la colpa, ovviamente di chi non lo ha capito.
Ma la pubblicità, prima di un prodotto, vende un immaginario. E i commenti da cui il consorzio è stato sommerso vanno tutti in questa direzione, contro il messaggio culturale veicolato, e cioè che il lavoro fuorilegge, non stop e senza tempo libero in fondo vada bene, purché dia il servizio che il consumatore chiede.

Premio Stella della Mole 2021 a Monica Bellucci

Un premio al contributo artistico e un film su Anita Ekberg hanno portato Monica Bellucci al Torino Film Festival. “La ragazza nella fontana” di Anton Giulio Panizzi, presentato fuori concorso, sarà al cinema solo oggi e domani.

(di Barbara Sorrentini)

Il Premio Stella della Mole 2021, una sorta di tributo alla carriera artistica è stato consegnato ieri a Monica Bellucci. Unica diva in questo festival di cinema, che predilige il cinema indipendente e molto poco mainstream. L’attrice ex Miss Italia ha portato a Torino il film “La ragazza nella fontana” dedicato alla figura di Anita Ekberg, non solo per la camminata nella fontana di Trevi nella “Dolce Vita” di Federico Fellini, ma anche un ritratto di donna libera in anni che volevano le starlette bionde e formose dipendenti dai maschi che le davano un contratto per fare il cinema.
Monica Bellucci, interpreta la Ekberg in un film che raccoglie molte immagini d’archivio, con interviste e scene dietro le quinte, per raccontare l’arrivo a Hollywood e poi sul Tevere della diva svedese, che dopo la “Dolce Vita” affrontò il declino della sua carriera appena cominciata, per non essersi sottoposta ai compromessi richiesti dall’industria cinematografica dell’epoca.
Nell’incontro con la stampa la Bellucci si è soffermata sul ruolo femminile ancora scarso nell’industria cinematografica italiana e non solo. “Negli anni ‘60 le donne che facevano parte del sistema cinema non potevano fare niente se non erano sotto contratto. Una donna non esisteva senza un uomo, ancora oggi viviamo le conseguenze di una cultura maschilista secolare”. Poi ha ricordato “Malena” di Giuseppe Tornatore, un film che l’ha portata al successo come attrice e per cui tutti la ricordano: ma con quel personaggio di donna oggetto degli uomini e inviso alle donne, si è sentita prigioniera per parecchi anni.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 28/02 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 28/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 28/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 28/02/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 28-02-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 28/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 28-02-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 28/02/2024

    Oggi a Cult: la stand up comedian Giorgia Fumo con lo show "Vita bassa" al TAM Arcimboldi; Giovanni Piperno sul film "16 mm alla rivoluzione"; la mostra "Mariella Bettineschi. All in one" a Triennale Milano; Muta Imago a Triennale Teatro con "Tre sorelle; Marco Pesatori sul suo libro "Astrologia per intellettuali" (Mimesis)...

    Cult - 28-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 28/02/2024

    Draghi, candidato regista dell’Europa che verrà. L’ex presidente della Bce – che da Francoforte ha contribuito a dare forma all’Europa di oggi – appare sempre intenzionato a disegnare il profilo dell’Europa del futuro, da posizioni di primissimo piano nell’UE. Si moltiplicano i suoi interventi, l’ultimo ieri durante l’incontro con i presidenti delle commissioni del parlamento di Strasburgo. “Per favore, fate qualcosa. Non si può dire sempre di no”, ha detto Draghi. Secondo l’ex capo del governo italiano il modello di sviluppo dell’Europa degli ultimi decenni (costruito sui prezzi stracciati del gas russo , sulle esportazioni cinesi e sotto l’ombrello militare americano) è andato in crisi. Se l’Europa non vuole perdere la partita della competitività con Stati Uniti e Cina deve prepararsi ad un massiccio piano di investimenti, pubblici e privati. E includere la spesa militare e la difesa comune tra le priorità. Per Draghi l’Europa deve trasformarsi sempre di più in uno stato oppure non avrà futuro. Pubblica oggi ha ospitato l’economista Andrea Roventini, della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, e Lucia Tajoli, economista del Politecnico di Milano e collaboratrice dell’Ispi.

    Pubblica - 28-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 28/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 28/02/2024

    PRIMARIE DEMOCRATICI IN MICHIGAN, SEGNALI NEGATIVI PER JOE BIDEN con Roberto Festa - LE TRATTATIVE PER IL CESSATE IL FUOCO A GAZA con Cristian Elia giornalista, autore di “J'accuse. Gli attacchi del 7 ottobre, Hamas, il terrorismo, Israele, l'apartheid in Palestina e la guerra” con Francesca Albanese, relatrice speciale Onu per i diritti umani in Palestina - ARIA INQUINATA, STATO DI EMERGENZA IN REGIONE LOMBARDIA? con Alessandro Braga, Simone Negri consigliere regionale PD e Michela Palestra consigliera regionale Patto Civico - FRANA NELLA NOTTE IN VALMALENCO, RIAPERTA LA STATALE aggiornamenti con Giovanni Gianotti sindaco di Torre Santa Maria (SO) - CASO IUVENTA, ULTIME UDIENZE PRELIMINARI: ANDRANNO A PROCESSO? con Francesca Cancellaro, avvocata del team legale Iuventa. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 28-02-2024

  • PlayStop

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 28/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 28-02-2024

  • PlayStop

    PoPolaroid di martedì 27/02/2024

    La prima volta che ho ascoltato I’m your man, era un grigio, piovoso e ventoso pomeriggio di novembre. La persiana sbatteva rumorosamente, e con il cuore che era in frantumi invece di alzarmi per affrancarla al battente, alzavo il volume del giradischi. Nel 1988 c'era ancora il giradischi, chiamato "stereo" per fare più bella figura. La voce sensuale e malinconica di Leonard Cohen riempiva la stanza. Cantava di un uomo disposto a indossare qualsiasi maschera per il suo amore. Pochi giorni prima, il mio mi aveva lasciato e come cantava Cohen, avrei fatto qualsiasi cosa per farla tornare. Avrei indossato qualunque maschera, avrei voluto essere tutto ciò che lei avesse desiderato. Ma era troppo tardi. Troppi errori e promesse non mantenute. In quella stanza dalle pareti verdi, con il fantasma dei miei 31 anni che mi tormentava, ho ascoltato quella canzone ininterrottamente, chiedendomi quale maschera avrei dovuto indossare per riportarla a me. Poi, all'improvviso, ho realizzato: "Forse non dovrei indossare nessuna maschera". Mi sono alzato e sono andato alla finestra per fermare la persiana. Playlist: I’m Your Man - Famous Raincoat Blue - Leaving The Table - Chelsea Hotel - On The Level - Almost Like The Blues - Hey, That’s No Way To Say Goodbye - You Got Me Singing - If I Didn’t Have Your Love - Take This Walz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 27-02-2024

Adesso in diretta