Approfondimenti

Gli ultimi aggiornamenti sulla crisi in Ucraina, le voci del dissenso russo e le altre notizie della giornata

Esercito russo

Il racconto della giornata di martedì 22 febbraio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30.  Dopo aver chiesto e ottenuto il via libera, da parte del Senato, all’impiego di truppe russe fuori dai confini, Putin ha dichiarato che gli accordi di Minsk «non esistono più». Le tante voci che da Mosca e dalla Russia intera si oppongono alla guerra. Secondo l’Istat, nel mese di gennaio 2022, i prezzi al consumo per l’intera collettività sono aumentati dell’1,6% su base mensile e del 4,8% su base annua. La chat segreta dei Manager di Uber che ricattavano i rider di Torino. Il podcast originale di Radio Popolare dedicato a Pier Paolo Pasolini. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia

Ultimi aggiornamenti sulla crisi in Ucraina

(di Martina Stefanoni)

Nel pomeriggio Putin ha parlato con la stampa e si può dire che le sue dichiarazioni non abbiano in alcun modo allentato la tensione, anzi. Dopo aver chiesto e ottenuto il via libera, da parte del Senato, all’impiego di truppe russe fuori dai confini, Il nuovo discorso di Putin è stato molto duro: ha dichiarato che gli accordi di Minsk che dovevano portare a una pace duratura in Ucraina «non esistono più», ha spiegato che la Russia sostiene il diritto dei separatisti su «tutto il Donbass» — comprese le zone attualmente sotto il controllo dell’Ucraina —e indicato che la soluzione, per l’Ucraina, sarebbe «semplice: rinunciare alla richiesta di adesione alla Nato e dichiararsi neutrale». Putin ha poi spiegato che l’ingresso delle truppe in Ucraina — cioè un’invasione su larga scala — non è esclusa: «Dipenderà dalla situazione sul terreno».

Abbiamo analizzato il suo discorso con la giornalista Anna Zafesova

Dall’altro lato intanto, il segretario generale della Nato Stoltenberg ha detto che
ci troviamo nel momento più pericoloso per la sicurezza europea da generazioni, aggiungendo poi che ci sono tutte le indicazioni” di un attacco su larga scala da parte di Mosca. E per la prima volta anche la casa bianca ha parlato di “Invasione”.
La tensione continua a crescere, e inizia a percepirsi concretamente anche dal campo.
Noi abbiamo raggiunto Andrea Nicastro, giornalista del corriere della sera, a Mariupol una cittadina portuale ucraina che si trova in una posizione nevralgica ed è praticamente sotto assedio.

Intanto dopo le sanzioni annunciate dal regno unito, che colpiscono 5 banche russe e congelano gli asset britannici di oligarchi vicini a Putin, anche l’Unione Europea ha annunciato le proprie sanzioni.

Crisi ucraina, le voci del dissenso russo

(di Martina Stefanoni)

“Una nazione senza di me, non è una nazione intera. Una nazione senza dieci, cento mille persone, non è una nazione intera”. Lo scriveva la poetessa russa Natalia Gorbanevskaya nel 1968. Si riferiva all’invasione russa della Cecoslovacchia, ma – mutatis mutandis – può essere applicata anche all’attualità. Nel raccontare la crisi ucraina e la sempre più probabile invasione russa, spesso ci si è dimenticati di considerare le voci che – da Mosca e dalla Russia intera – si oppongono alla guerra. Non è solo l’occidente, infatti, ma anche molti russi. L’opposizione parte dal popolo, dal barista 31 di Rostov che, citato dal Moscow Times, dice “una guerra sarebbe un vero disastro”. O dai russi che dal Donbass dicono sconsolati “tanto siamo solo spettatori” [CONTINUA A LEGGERE]

Caso Open, Renzi: “La mia è una battaglia di civiltà politica”

(di Anna Bredice)

“Non fuggo dalle aule di tribunale, siamo qui perché su questo tema si gioca una battaglia di civiltà politica.” Sono le parole di Matteo Renzi al Senato che sul conflitto di attribuzione cerca di convincere i parlamentari che i magistrati non abbiano rispettato le regole e abbiano sequestrato materiale, mail, documenti, conversazioni e anche lettere private senza chiederne prima l’autorizzazione al Senato, in quanto parlamentare. Cerca di rimanere in equilibrio ed evitare un attacco diretto e duro nei confronti della magistratura, fermandosi a questa violazione, senza entrare nello specifico dei conti, dei soldi arrivati alla fondazione Open. Attacca invece più duramente la stampa, i giornali, accusandoli di essere diventati gazzette delle Procure. Ma si sa le accuse ai giornalisti e alla stampa per la diffusione di notizie di reato e di indagini trovano spesso porte aperte nei partiti e infatti nessuno nell’aula del Senato ha contestato l’attacco ai giornali e all’informazione. Renzi sa che il Pd questa volta è dalla sua parte, e non può andare all’attacco così duramente da mettere in difficoltà Letta, che infatti con il voto a favore del Pd prende le distanze su questo caso dai Cinque stelle e da Leu, entrambi convinti a votare no al conflitto di attribuzione. Negli interventi al Senato ogni gruppo parlamentare ha portato le proprie doglianze nei confronti dei giudici, Forza Italia ricordando le inchieste di Berlusconi, la Lega i processi a Salvini, nel centrodestra l’occasione giusta per chiedere ai magistrati di stare al loro posto. E l’inizio anche di una campagna referendaria che si concentrerà nel centrodestra soprattutto su questi temi, la difesa della politica dai magistrati.

Istat, a gennaio l’inflazione ha raggiunto il +4,8%

(di Massimo Alberti)
L’Istat ha confermato le stime sul forte aumento dei prezzi al consumo per l’intera collettività, con un aumento a gennaio dell’1,6% su base mensile e del 4,8% su base annua. Un livello che non si registrava da aprile 1996. In particolare accelerano i prezzi del cosiddetto ‘carrello della spesa’: i prezzi dei Beni alimentari, per la cura della casa e della persona, i prezzi dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto (da +4,0% a +4,3%). Gli aumenti dei beni energetici si stanno scaricando sul consumatore finale, per quello che la stessa Istat, presentando i dati, ha definito un “rischio sociale” che peserà soprattutto sulle famiglie a basso reddito. E sui salari, aumentati nel 2021 dello 0,6%, e con oltre la metà dei contratti scaduti su cui si è già aperta la partita politico-sindacale, con Uil e CGIL che hanno chiesto di cambiare l’indice di riferimento per gli aumenti salariali, e confindustria che ha già respinto la proposta.

Le motivazioni della sentenza a favore dei rider di Torino

(di Rita Rapisardi)

A novembre il tribunale di Torino aveva dato ragione ai dieci riders che si erano mossi contro Uber Eats. Ora escono le motivazioni della sentenza che ha condannato il servizio di delivery. Da cui emerge un sistema d veri e propri ricatti Obbligati a connettersi per lavorare, l’attività dei riders «era interamente diretta, gestita organizzata, controllata dalla piattaforma nell’esclusiva disponibilità di Uber Italy», si legge nella sentenza. I riders erano quindi a tutti gli effetti un lavoratori subordinati e non occasionali.
Nelle carte spuntano anche chat che rivelano il ricatto a cui i ciclofattorini erano sottoposti per accedere alle consegne. Uno scambio tra una manager Uber e un responsabile della Frc, una sorta di intermediario di Uber con cui i riders erano contrattualizzati, non lascia dubbi: «Beh – dice lei – se non li paghi non gli dai la scelta. Solo quelli assegnati al turno vengono pagati. Scommetto che si adeguano e si connettono la sera quando serve». «Non pagare quelli che non si devono collegare e io di conseguenza ti pagherò solo quelli che ti chiedo», dice la manager Uber in un’altra chat.
Nelle motivazioni che condannano Uber e Frc si legge ancora: «è pacifico che l’attività lavorativa dei ricorrenti fosse gestita, diretta, controllata ed organizzata interamente dalla piattaforma nell’esclusiva disponibilità di Uber Italy». Di qui il riconoscimento dei riders – assistiti dai legali Giulia Druetta e Sergio Bonetto – come lavoratori subordinati. A novembre Uber Eats aveva spiegato: «La decisione del tribunale di Torino riguarda una situazione passata e ben specifica, che coinvolge una società di delivery con cui non lavoriamo più. Abbiamo introdotto delle modifiche da allora». Ora l’azienda valuterà l’eventuale ricorso in appello.

Le geografie di Pasolini

(a cura di Claudio Agostoni)

A 100 anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini, abbiamo provato a racchiudere in un podcast la sua vita e il suo pensiero.

“Le geografie di Pasolini” è il risultato di un viaggio sui luoghi del poeta, da Roma alla provincia friulana, e prova ripercorrere passo dopo passo la sua vita attraverso la voce e le testimonianze di chi ha condiviso con lui un pezzo di strada o che, semplicemente, cerca di tener vivo il suo ricordo.

[ASCOLTA LA PRIMA PUNTATA]

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 23/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 24/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 23/05/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 24/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 24/05/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 24/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 23/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 23/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 24/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 23/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 24/05/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 23/05/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 24/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 23/05/2022

    Dove si ricorda il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo…

    Muoviti muoviti - 24/05/2022

  • PlayStop

    Coralli e crocchette

    Con Zeina Ayache e Andrea Bellati

    Di tutto un boh - 24/05/2022

  • PlayStop

    Nando Dalla Chiesa, Ostinati e contrari. La sfida alla mafia nelle parole di due grandi protagonisti

    NANDO DALLA CHIESA - OSTINATI E CONTRARI. LA SFIDA ALLA MAFIA NELLE PAROLE DI DUE GRANDI PROTAGONISTI – presentato da…

    Note dell’autore - 24/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 23/05/2022

    Si parla con Andrea Mustoni del suo libro Un uomo tra gli orsi, il racconto di un'avventura sulle Alpi, ediciclo…

    Considera l’armadillo - 24/05/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 23/05/2022

    Intervista a Louise Bartle dei Bloc Party

    Jack - 24/05/2022

  • PlayStop

    Trentanni fa l'assasinio del Giudice Falcone

    Questa mattina a Prisma abbiamo ascoltato le voci di allora, l'intervista di Lele Liguori a Giuseppe Costanza, l'autista di Falcone…

    Clip - 23/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di lunedì 23/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 24/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 23/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il festival del cinema di Cannes, Emilio…

    Cult - 24/05/2022

  • PlayStop

    Il veleno di Punta Catalina

    Non è solo l'ennesimo progetto killer del clima. La centrale a carbone di Punta Catalina, nel paradiso naturale della Repubblica…

    Omissis - 23/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 23/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 24/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 23/05/2022

    GUERRA, ULTIMI SVILUPPI, ANALISI E COMMENTI con Emanuele Valenti, Mara Morini docente di Politiche dell'Europa Orientale all'Università di Genova e…

    Prisma - 24/05/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 23/05/2022

    Guarda che Lune oggi, con Claudio Jampaglia e Giuseppe Mazza, è dedicato alla memoria, di Falcone e della luce sulla…

    Guarda che Lune - 24/05/2022

Adesso in diretta