Approfondimenti

Crisi ucraina, le voci del dissenso russo

Guerra Soldati russi al confine con l'ucraina

“Una nazione senza di me, non è una nazione intera. Una nazione senza dieci, cento mille persone, non è una nazione intera”. Lo scriveva la poetessa russa Natalia Gorbanevskaya nel 1968. Si riferiva all’invasione russa della Cecoslovacchia, ma – mutatis mutandis – può essere applicata anche all’attualità. Nel raccontare la crisi ucraina e la sempre più probabile invasione russa, spesso ci si è dimenticati di considerare le voci che – da Mosca e dalla Russia intera – si oppongono alla guerra. Non è solo l’occidente, infatti, ma anche molti russi. L’opposizione parte dal popolo, dal barista 31 di Rostov che, citato dal Moscow Times, dice “una guerra sarebbe un vero disastro”. O dai russi che dal Donbass dicono sconsolati “tanto siamo solo spettatori”.

Ma il dissenso c’è anche nel mondo culturale russo, tra gli intellettuali. Come la scrittrice Lyudmila Ulitskaya che parla di “follia” da parte del Cremlino, o l’attrice Liya Akhedzhakova che – insieme ad altre star del mondo dello spettacolo e della musica russo – ha firmato una lettera aperta che dice: “Nessuno ci sta minacciando, nessuno ci sta attaccando. Spingere per una guerra è immorale e irresponsabile”.
Ma un certo malumore – e questa è la parte più interessante – sembra esserci anche ai piani alti, a Mosca. Secondo diversi osservatori russi, la riunione straordinaria del Consiglio di Sicurezza presieduto ieri da Vladimir Putin, al seguito del quale sono state riconosciute ufficialmente le due repubbliche separatiste di Donetsk e Lugansk, è stata caratterizzata da una serie di stranezze e anomalie che vale la pena analizzare. La prima anomalia è che la riunione è stata trasmessa in diretta TV, è stata fatta in presenza – e non a distanza come al solito – e, secondo alcuni, sarebbe stata addirittura registrata prima. Mark Galeotti, professore di sicurezza interna russa, sul Moscow Times scrive che Putin chiedeva a tutti presenti la propria opinione, ma era chiaro che la risposta giusta fosse una sola. “Quando Putin ha chiesto se qualcuno non fosse d’accordo con il riconoscimento delle repubbliche”, scrive Galeotti, “il silenzio era assordante. Ma era chiaro che c’erano dei pezzi grossi non così entusiasti all’idea di violare apertamente il diritto internazionale e attirare più sanzioni”. Le titubanze e le risposte non dirette sono state incalzate e gli interventi dubbiosi interrotti. A partire dal ministro degli esteri Lavrov, fino a Sergei Naryshkin, capo dei servizi d’intelligence esterni.

Un ultimo aspetto da considerare in questo quadro è quello riportato dal Guardian, che parla di seri dubbi all’interno dell’esercito e dei servizi di sicurezza russi sulla possibilità di invadere l’Ucraina.
In Russia, quindi, una voce contraria c’è, e non è solo tra i pacifisti o gli oppositori. C’è, ma è stata silenziata.

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 24/05/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 25/05/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di martedì 24/05/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 25/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 24/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/05/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 24/05/2022

    Dal 14 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantunesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 25/05/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 24/05/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 24/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 24/05/2022

    1) “La pandemia ha avuto effetti di rilevanza storica, che vanno al di là di quelli sanitari, ovviamente importanti”. Parla…

    The Game - 25/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 24/05/2022

    Dove ci si getta sull'attualità raccontando, con ascoltatori e ascoltatrici, la grandinata che sta colpendo il nord di Milano. Poi…

    Muoviti muoviti - 25/05/2022

  • PlayStop

    Intervista a Emilio Isgrò di Tiziana Ricci

    Ricordiamoci cosa significa la cancellatura per Emilio Isgrò: non significa annullare, nascondere, togliere di mezzo, bensì esaltare un testo, proteggerlo,…

    Clip - 24/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 24/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 25/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 24/05/2022

    Si parla con Chiara Caprio di Animal Equality Italia delle novità in Europa su benessere animale, ma anche di Regione…

    Considera l’armadillo - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 24/05/2022

    Ospite telefonico la Bandakadabra per parlare di Musicamobile Monza

    Jack - 25/05/2022

  • PlayStop

    Marco Colombo, Il bosco delle maschere. La vita segreta del tasso

    MARCO COLOMBO - IL BOSCO DELLE MASCHERE. LA VITA SEGRETA DEL TASSO – presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 25/05/2022

  • PlayStop

    Lea Ypi - Libera. Diventare grandi alla fine della storia

    Negli studi di Radio Popolare, la docente, saggista, filosofa e scrittrice Lea Ypi, racconta a Cult di Ira Rubini, la…

    Clip - 24/05/2022

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 23/05/2022

    Questa puntata è realizzata con bambine e bambini dell'IC Confalonieri nell'ambito del progetto Be Resilient Be Sustainable realizzato in collaborazione…

    La Pillola va giù - 25/05/2022

  • PlayStop

    Contrabbando di meteoriti

    quando andiamo a controllare se ad Amsterdam i tour di Zucchero procede secondo i piani, voliamo in Uruguay sulle tracce…

    Poveri ma belli - 25/05/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 24/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il Festival di Cannes, la rassegna Nuove…

    Cult - 25/05/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 24/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il Festival di Cannes, la rassegna Nuove…

    Cult - 25/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 24/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 25/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 24/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 25/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di martedì 24/05/2022

    Parliamo della guerra in Ucraina con Emanuele Valenti e la professoressa Giordana Pulcini, Lorenzo Cremonesi ci presenterà il suo libro…

    Prisma - 25/05/2022

Adesso in diretta