Approfondimenti

La maggioranza divisa sul presidenzialismo in salsa meloniana, le dimissioni forzate di Carlo Fuortes e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di lunedì 8 maggio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Sul presidenzialismo, Meloni finge di aprire il dialogo con l’opposizione, ma in realtà è pronta ad andare avanti da sola anche se la maggioranza non è compatta. La destra continua la sua corsa alle poltrone puntando ai vertici della Rai. L’ultima ondata di bombardamenti russi in Ucraina ha colpito un deposito della Croce Rossa a Odessa. La rappresentanza dell’Unione in Israele ha annullato l’incontro previsto per domani per non incontrare il ministro di estrema destra Ben Gvir.

Meloni e Schlein verso il primo faccia a faccia sul presidenzialismo

(di Anna Bredice)
Il tavolo delle riforme è un po’ fumo negli occhi e anche un alibi per dire che se le cose non funzionano la colpa è del sistema e delle regole che non concedono più poteri. Questa è stata una parte della riflessione che nel partito democratico si è fatta oggi in vista dell’incontro che avverrà domani nel tardo pomeriggio, il primo faccia a faccia tra Meloni e Schlein. La tesi dell’alibi, quindi, ma non è solo questo, perché nel corso delle riunioni avvenute oggi è emersa anche la consapevolezza che l’idea “dell’uomo forte al comando”, di un principio di autoritarismo fondato sul presidenzialismo è una delle bandiere della destra, uno dei suoi tratti identitari. Per questo domani il Pd dirà che le priorità sono altre, ma porterà sul tavolo la sua proposta, non si tirerà indietro, proprio per contrastare in Parlamento il progetto di Meloni. E la proposta è quella del Cancellierato, maggiori poteri al Presidente del Consiglio, accompagnato dalla sfiducia costruttiva e dal potere di nomina dei ministri. Ma dirà no al Premierato, l’elezione del Presidente del Consiglio, ipotesi che invece piace al Terzo polo. Sarebbe per il Pd una diminuzione dei poteri del Capo dello Stato, una pericolosa fuga in avanti. Insieme a questo, il Pd chiederà che venga tolto dal tavolo il progetto di autonomia a cui sta lavorando Calderoli. Per Elly Schlein che oggi ha visto prima la segreteria e poi i componenti delle commissioni competenti, proprio per avere tutto il partito con sé, non può essere possibile alcuna partecipazione ad una Bicamerale, il confronto sarà in Parlamento, con la speranza che la destra non abbia i due terzi dei voti e che sia necessario il referendum.

Gli ostacoli sulla strada del presidenzialismo in salsa meloniana

(di Michele Migone)
La Destra andrà avanti da sola. L’opposizione verrà consultata, ma, in sostanza, solo pro forma. Lo ha detto con chiarezza il ministro per i rapporti con il parlamento Luca Ciriani alla vigilia del vertice sulle riforme. Più che una partita a scacchi, Giorgia Meloni sembra voler giocare una mano di poker, pensando di avere dalla sua le carte giuste. Ha già in mente dove vuole andare: le riforme si faranno a colpi di maggioranza e di referendum confermativi. Ma, il percorso non sarà facile. Perché la presidente del consiglio non deve fronteggiare solo alle opposizioni; deve essere anche in grado di guidare una maggioranza poco coesa anche su questo fronte. Le posizioni sono tre: Fratelli d’Italia vuole il presidenzialismo, Forza Italia il Premierato, la Lega il Presidenzialismo, ma solo se prima viene approvata la autonomia differenziata. Il governo ha dato il via libera alla riforma del ministro Calderoli, ma con la scarsa convinzione della stessa premier: Salvini insisteva di averla prima delle ultime elezioni regionali e Giorgia Meloni alla fine ha ceduto, ma Fratelli d’Italia la vede come il fumo negli occhi. Queste divisioni sono un importante ostacolo sulla strada del presidenzialismo in salsa meloniana. A cui si devono aggiungere altri scogli: in parlamento non ci sono i numeri, neppure, e in questo momento appare difficile, se alla maggioranza si dovesse unire un frazionato Terzo Polo. Se però veramente si dovesse arrivare alla approvazione in doppia lettura a maggioranza semplice del cambiamento della forma di governo, sarebbero quindi necessari i referendum confermativi. I sondaggi dicono che due italiani su tre sono con Sergio Mattarella (per lo stile con cui interpreta il ruolo), ma, per paradosso, cresce la voglia di elezione diretta del presidente della repubblica. La Destra cercherà quindi di alimentare l’onda, aumentare il consenso attraverso un uso capillare dei media a disposizione. Prima tra tutti la Rai, da oggi ufficialmente terreno di occupazione quasi militare da parte del governo

La giostra delle nomine nella televisione pubblica

(di Diana Santini)
Accompagnato alla porta, con le buone E con le cattive, l’ormai ex ad della Rai Carlo Fuortes, il governo si accinge ora al gioco più antico del mondo, la giostra delle nomine nella televisione pubblica. A sostituire Fuortes, che ha lasciato togliendosi qualche sassolino dalle scarpe e senza che sia andata ancora in porto l’operazione paracadute della direzione del San Carlo di Napoli, sarà, nel ruolo di ad, Roberto Sergio. All’attuale direttore di radio rai, già potente manager di Lottomatica, da mesi è stato promesso lo scranno della Rai, come lui stesso ha più volte dichiarato, dimostrando, se non altro, di non essere scaramantico. Anche se non c’è alcun dubbio sulla sua buona disposizione nei confronti di chi lo nominerà, così va il mondo, non è Sergio l’uomo a cui il governo, e in particolare Giorgia Meloni, vuole affidare il compito di imprimere il proprio marchio ideologico sulla tv pubblica. Il prescelto è Giampaolo Rossi, che ricoprirà il ruolo di direttore generale. Rossi è uno che negli anni ha vestito molti panni, ma sempre neri: nel suo blog, che ora ha chiuso, si è via via definito “complottista, neocon, teocon”. Ha dato del golpista a Mattarella, dell’afro di Honolulu a Obama e degli schizofrenici a tutti quelli che dicevano di temere una guerra della Russia contro l’Ucraina. Da qualche anno ha scelto il basso profilo, anzi di profilo sui social, non ne ha più nemmeno uno: tutto cancellato. Così l’effetto sorpresa è assicurato, anche in vista della cascata di sottonomine, lasciate da spolpare agli alleati di governo rimasti, finora, osso.

I pesanti bombardamenti russi in Ucraina

(di Emanuele Valenti)
Gli ucraini hanno detto di aver intercettato quasi tutti i droni – diverse decine – lanciati su varie zone del paese: Kyiv, Sumy, Kharkiv, Zaporizhia, Odessa.
Qui i russi hanno colpito anche un grande magazzino utilizzato dalla Croce Rossa locale per stoccare gli aiuti umanitari. Non ci sarebbero state vittime, ma le operazioni dell’organizzazione sono state parzialmente sospese.

I pesanti bombardamenti sembrano indicare una chiara strategia di Mosca alla vigilia della possibile contro-offensiva ucraina. Che oltretutto potrebbe diventare la strategia anche durante l’offensiva di terra di Kiev, se e quando arriverà. I russi vogliono poi spingere gli ucraini a utilizzare più munizioni possibili dei loro sistemi di difesa.
Nonostante le difficoltà, che ormai conosciamo, il Cremlino non ha alcuna intenzione di fare marcia indietro. E Putin non guarderà in faccia a nessuno. Lo ribadirà anche domani, in occasione delle celebrazioni per il 9 maggio, la vittoria sovietica contro i nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. Ci saranno comunque meno parate e manifestazioni del solito.

Mosca avrebbe voluto arrivare a questa data con la conquista di Bakhmut. I comandanti ucraini hanno ribadito che stanno facendo di tutto per non permetterlo.
Sulla linea del fronte è sempre più critica anche la situazione a Kherson, costantemente sotto l’artiglieria russa. Anche oggi ci sono stati diversi feriti.

A Kyiv intanto hanno ricordato come a dieci giorni dalla scadenza dell’accordo sul grano i russi abbiano nuovamente bloccato le ispezioni delle imbarcazioni nel Mar Nero, ostacolando in buona parte il meccanismo che ha permesso finora le esportazioni dei cereali ucraini.

Lo scontro diplomatico tra Unione europea e governo israeliano

La rappresentanza dell’Unione in Israele ha annullato l’incontro previsto per domani per non incontrare il ministro di estrema destra Ben Gvir.
All’ambasciata europea in Israele era prevista la cerimonia diplomatica per la festa dell’Europa alla quale avrebbe dovuto partecipare il ministro della Sicurezza nazionale Ben Gvir.
“Abbiamo deciso di cancellare il ricevimento diplomatico – scriva la rappresentanza – poiché non vogliamo offrire una piattaforma a qualcuno le cui opinioni contraddicono i valori rappresentati dalla Ue”.
La presenza – su delega del premier Benyamin Netanyahu – del leader del partito di estrema destra aveva provocato una serie di polemiche in Israele. Sia Yair Lapid, leader dell’opposizione, sia altri esponenti della stessa corrente avevano espresso forti riserve sulla partecipazione di Ben Gvir.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 20/07 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 20/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Ahead di sabato 20/07/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda per l'estate ogni sabato dalle 23.45 alle 00.45

    Jazz Ahead - 20-07-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 20/07/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 20-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-07-2024

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 20/07/2024

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 20-07-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 20/07/2024

    Arriva l’estate e Mash Up si trasforma in un cocktail party, offerto dal tramonto alla sera dei vostri sabati calienti. Mischia e shakera il vostro dj per matrimoni impossibili Piergiorgio Pardo. Servire con ghiaccio bollente. Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-07-2024

  • PlayStop

    Pop Music di sabato 20/07/2024

    Una trasmissione di musica, senza confini e senza barriere. Canzoni da scoprire e da riconoscere, canzoni da canticchiare e da cui farsi cullare. Senza conduttori, senza didascalie: solo e soltanto musica.

    Pop Music - 20-07-2024

  • PlayStop

    Si dice verao di sabato 20/07/2024

    Estate in portoghese si dice verão. Si dice verão è una selezione di musica brasiliana curata da Loretta da Costa Perrone. Ogni puntata avrà come sfondo una spiaggia del Brasile, per immaginarla, per sognarla e per ascoltarla attraverso vari generi musicali, dal samba alla MPB, dalla bossa al maracatu, dal funk al jazz.

    Si dice verao - 20-07-2024

  • PlayStop

    Suoni d'estate di sabato 20/07/2024

    Suoni d'estate è la trasmissione che ogni sabato vi porta nei principali festival italiani ed europei: le anteprime, le voci e gli inviati per raccontare al meglio la musica dal vivo di questa estate 2024.

    Suoni d’estate - 20-07-2024

  • PlayStop

    Agitanti di sabato 20/07/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettati come “diversi”. Ogni sabato alle 15 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 20-07-2024

  • PlayStop

    Aria fresca di sabato 20/07/2024

    Aria Fresca è la trasmissione estiva di Radio Popolare dedicata a chi rimane in città durante l'estate. Anais Poirot Gorse e Nicola Mogno esplorano la quotidianità dei giovani che restano nei loro quartieri, raccontando come affrontano il caldo e il tempo libero. Attraverso sport, musica, conversazioni nei parchi e serate all'aria aperta, il programma fa vivere le attività e le esperienze che caratterizzano la vita estiva urbana. Un appuntamento settimanale che approfondisce le dinamiche sociali e culturali locali.

    Aria fresca - 20-07-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 20/07/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 20-07-2024

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 20/07/2024

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare mentre ci si prepara al pranzo estivo del sabato!

    Sing Sing Sing - 20-07-2024

  • PlayStop

    Un bacio a te proprio d’amore - Seconda parte

    La storia di Giacomo Matteotti non è solo la storia del più efferato omicidio politico avvenuto in Italia. È anche una storia d’amore. Una storia di lettere d’amore. Le lettere che Matteotti e Velia Titta si sono scambiati per più di dieci anni. Perché, come diceva Antonio Gramsci, non ci si può dire socialisti se non si è stati innamorati almeno una volta.

    Un bacio a te proprio d’amore - 20-07-2024

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 20/07/2024

    Un'estate speciale richiede uno speciale appuntamento settimanale dedicato ai suggerimenti di lettura: in ogni puntata un personaggio della cultura propone i suoi "must" da leggere in estate e un libraio o una libraia indipendenti propongono alcuni titoli tratti dal loro scaffale.

    Letti e lettini - 20-07-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 20/07/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 20-07-2024

Adesso in diretta