Approfondimenti

La prima donna alla guida del PD, le parole crudeli del ministro Piantedosi e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di lunedì 27 febbraio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il primo atto politico di Elly Schlein, nuova Segretaria del Partito Democratico, è stato quello di iniziare una trattativa con le minoranze per una segreteria unitaria. “La disperazione non può mai giustificare condizioni di viaggio che mettono in pericolo le vita dei propri figli”: lo ha detto il Ministro Piantedosi accusando di fatto i migranti di andarsela a cercare, la morte, per sè e per i proprio figli. Alfredo Cospito è stato riportato nel servizio di assistenza intensificata del carcere di Opera, trasferito dall’ospedale San Paolo all’insaputa dei suoi stessi legali.

La prima donna alla guida del PD

(di Anna Bredice)

Un melograno smaltato di rosso. La scelta di Enrico Letta di donare un melograno ad Elly Schlein per il passaggio di consegne avviene all’insegna della speranza che chi le succeda alla guida del PD abbia migliore fortuna. I due si sono scambiati il melograno a favore delle telecamere e si sono allontanati insieme con i fotografi che volevano riprendere Elly Schlein, chiamandola “segretario”. Si è voltato Letta, ma non lei finché qualcuno ha ricordato che da adesso in poi c’è una segreteria, la prima donna alla guida del PD. Poi è tornata per una breve dichiarazione ai giornalisti, due o tre minuti nei quali però ha detto molto. La prima mossa politica è quella di aprire subito il tesseramento del partito, aprendo le iscrizioni a chi l’ha votata e ora chiede di poter entrare nel Partito Democratico. Una risposta a chi sottolinea la contraddizione tra il voto degli iscritti e quello dei gazebo, ma soprattutto un modo di fidelizzare il popolo delle primarie che l’ha scelta e che è fatto di tante componenti. Elettori ma non militanti, persone deluse dal PD, giovani al primo voto, astenuti, quell’enorme bacino di astensione alle politiche e che ora votandola ha mandato un segnale di riavvicinamento. Il tesseramento serve a renderla più forte, fare in modo che non sia un consenso una tantum, la nuova segretaria vuole ricostruire una base elettorale e di militanza che la sostenga nelle scelte. Tra due settimane ci sarà l’Assemblea Nazionale, solo dopo con la direzione ci sarà anche la nuova segreteria del partito. Oggi ha promesso di voler tenere unito il Pd, “aver cura della sua storia e dei suoi valori, proiettandoli in avanti”. Sono una nativa democratica ha ripetuto ancora una volta, il Pd era cosa fatta da tempo quando ha cominciato a fare politica. Ma ha mandato già un segnale, “unità del partito ma senza rinunciare ad una linea politica chiara che è quella che hanno scelto gli elettori alle primarie”. È già un avviso di non voler cedere alle idee per le quali ha vinto.

L’abbraccio (soffocante) del Partito Democratico a Elly Schlein

(di Luigi Ambrosio)

Il primo atto politico di Elly Schlein è stato quello di iniziare una trattativa con le minoranze per una segreteria unitaria. Ne ha parlato con Claudio Mancini, deputato che ha organizzato il voto per Bonaccini a Roma. E ci sarebbe un accordo di massima che significherebbe tutti dentro, nella stanza dei bottoni. Sarebbe difficile fare diversamente dati due fattori. Primo: chi ha sostenuto il perdente Bonaccini ha ottenuto comunque il 45% dei delegati all’Assemblea Nazionale. Secondo: le correnti che hanno sostenuto Elly Schlein sono troppo potenti perché Schlein se ne emancipi, quantomeno nel breve periodo. Segreteria unitaria con un accordo: i vecchi leader fanno un passo indietro formale, per lasciare spazio a 40enni. Si garantirebbero così l’esigenza di rinnovamento e allo stesso tempo l’autoriproduzione delle correnti. Al contrario di Renzi, che scelse la strada della rottamazione, Schlein persegue la strada degli accordi. Ma l’abbraccio potrebbe essere soffocante. Prendiamo ad esempio la nomina dei nuovi capigruppo al Senato e alla Camera. Al Senato vuole il posto Francesco Boccia. Alla Camera ci prova Michela De Biase, ovvero la moglie di Franceschini, grande elettore di Schlein. Poi magari Schlein riuscirà a imporre altri nomi, magari Chiara Gribaudo o Chiara Braga alla Camera o Misiani al Senato. Ma intanto si tratta su quei nomi, cui si aggiunge Bonafé, che stava con Bonaccini, alla Camera. “Il nuovo che avanza” era la battuta oggi in Transatlantico.

Schlein e il secolo da mettersi alle spalle

(di Alessandro Gilioli)

Messa alle spalle la vittoria di Elly Schlein alle primarie del PD, forse si può iniziare a cercare di capire anche che cosa è successo domenica scorsa in termini storici, cioè guardando questo passaggio alla luce della storia della sinistra italiana negli ultimi 35 anni

In Italia, prima del 1989, avevamo il più grande partito comunista d’Occidente. Diverso da quello sovietico, certo, ma con quel nome – comunista – e la falce e martello nel simbolo, mentre tutto quel mondo crollava e l’aria serena dell’ovest pervadeva ogni spazio, ogni futuro – per qualcuno era addirittura finita la storia. [CONTINUA A LEGGERE]

Le parole offensive e crudeli del ministro Piantedosi

(di Diana Santini)

Se sulla spiaggia di Cutro non fossero appoggiati, tra i resti legno marcio del barcone disfatto dalle onde, gli ultimi corpi restituiti dal mare, se tra le 64 bare allineate all’obitorio non ce ne fossero una ventina bianche e piccole, troppo piccole per contenere la morte, ecco allora le parole pronunciate oggi dal ministro Piantedosi sarebbero solo inopportune, e stupide. Invece sono empie, offensive e crudeli. “La disperazione non può mai giustificare condizioni di viaggio che mettono in pericolo le vita dei propri figli”, ha detto il titolare del Viminale accusando di fatto i migranti di andarsela a cercare, la morte, per sè e per i proprio figli. Accusando, da un salotto televisivo, quelle madri e quei padri di non avere a cuore il destino dei loro figli, di essere degli irresponsabili. Come se non scappassero dall’inferno, dalle torture, dalla fame e dalla povertà, come se il viaggio non avesse proprio l’obiettivo di dare a quei bambini una vita migliore, una vita degna. E ancora, come se non fossero le politiche migratorie europee, la voglia di muri, i bastoni tra le ruote alle ong a rendere la rotta del Mediterraneo la più letale al mondo. E infine, come se non fossero le guerre, ovviamente quelle di cui ci disinteressiamo, a costringere le persone a migrare.
Bisogna dire a sua discolpa che Piantedosi è nuovo del mestiere, e prima di fare il ministro non era certo pagato per dire cose intelligenti. Quindi, delle due l’una: o ricomincia a stare zitto come quando faceva il poliziotto, e sarebbe la cosa più saggia davanti a quel mucchietto di bambini morti, oppure farebbe bene a contare fino a perdere il conto di tutti quelli che riposano in mare prima di parlare dei bambini degli altri.

Alfredo Cospito riportato a Opera all’insaputa dei suoi legali

(di Massimo Alberti)

Alfredo Cospito è stato riportato nel servizio di assistenza intensificata del carcere di Opera, trasferito dall’ospedale San Paolo all’insaputa dei suoi stessi legali. Nessuna spiegazione neppure sulle motivazioni del trasferimento. A scoprire per caso che Alfredo Cospito fosse stato ri-trasferito dal reparto di 41bis dell’ospedale San Paolo di Milano, dove si trovava dall’11 febbraio, nuovamente al carcere di Opera, è stata la sostituta processuale Margherita Pelazza. Passando dal carcere per farsi rilasciare l’autorizzazione, si è sentita dire che il suo assistito era già li, e se lo volesse vedere. Ri-spostato come un pacco, senza neppure avvertire i suoi legali. Le sue condizioni, dopo 4 mesi di sciopero della fame, restano stabili ma pericolosamente in bilico, con qualsiasi evento cardiaco che potrebbe metterne a rischio la vita. Ed il problema, spiegano i suoi legali, è che a Opera non è presente il macchinario che gli monitora il cuore costantemente. Un aspetto che rende la scelta del trasferimento rilevante e grave, soprattutto dal momento in cui, dopo la sentenza della cassazione di venerdì, Cospito ha smesso di assumere anche il potassio. “Lo pesano con maglioni e scarpe per dire che ha preso peso” denunciano i suoi legali che riferiscono che il militante anarchico ha smesso anche di assumere zuccheri. Sulle ragioni di questo ennesimo spostamento, nessuno fa ipotesi, “solo congetture”, osserva l’avvocato Flavio Rossi Albertini che domani tornerà a visitarlo in carcere. Cospito viene descritto come “lucido” e “determinato” nel portare avanti il digiuno come protesta e lotta contro il 41 bis. Resta il dato che tra prima e dopo la cassazione, il trattamento nei suoi confronti è di nuovo cambiato.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 19/04 7:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 19-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 18/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 18-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/04/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 19/04/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 19-04-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 19/04/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 19-04-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 19/04/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 18-04-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 18/04/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 18-04-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 18/04/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 18-04-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 18/04/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 18-04-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 18/04/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 18-04-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 18/04/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 18-04-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 18/04/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 18-04-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 18/04/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 18-04-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 18/04/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 18-04-2024

  • PlayStop

    Sapore Indie di giovedì 18/04/2024

    Sapore Indie è la trasmissione per connettersi al presente e scoprire le novità più rilevanti della musica alternative internazionale. Tutti i giovedì alle 15.30, con Dario Grande, un'ora di esplorazione tra le ultime uscite di artisti grandi e piccoli, storie di musica e vite underground. Per uscire dalla bolla dei soliti ascolti e sfuggire l’algoritmo, per orientarsi nel presente e scoprire il suono più rigenerante di oggi. ig: https://www.instagram.com/dar.grande/

    Sapore Indie - 18-04-2024

Adesso in diretta