Approfondimenti

Il rischio di escalation in Medio Oriente, le elezioni suppletive di Monza e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di lunedì 23 ottobre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La guerra nel Medio Oriente continua e si intensificano i timori di una sua possibile espansione. A Monza, Galliani ha vinto il seggio precedentemente detenuto da Berlusconi, sconfiggendo Marco Cappato. Nel frattempo, il centrosinistra si prepara a festeggiare la probabile vittoria della candidata Maria Episcopo a Foggia. Nel governo, emergono tensioni a causa del possibile rinvio del passaggio al mercato libero dell’energia. Il tribunale di Sorveglianza di Roma ha respinto la richiesta di revoca del carcere duro per Alfredo Cospito.

Le preoccupanti tensioni tra Israele e Iran

In poco più di due settimane i bombardamenti israeliani su Gaza hanno fatto più di 5mila morti. E più di 2mila sono bambini. Lo hanno detto le autorità locali.
Secondo le Nazioni Unite un milione e 400mila persone – oltre la metà della popolazione della Striscia – sono ormai profughi interni, oltretutto in un territorio molto piccolo.
La guerra quindi prosegue e aumentano anche i rischi di un suo possibile allargamento.

(di Emanuele valenti)

 

Il capo del Pentagono, Austin, ha detto questa sera di essere preoccupato proprio da un possibile allargamento del conflitto. Ricordiamo che gli Stati Uniti hanno già spostato due navi da guerra nel Mediterraneo Orientale.  L’amministrazione Biden vorrebbe evitare una guerra allargata ma ha anche dato pieno appoggio a Netanyahu.

(di Roberto Festa)

 

Ma quanto è probabile un intervento, diretto o indiretto, dell’Iran in questa guerra?
Michele Migone ne ha parlato con Cinzia Bianco, dell’European Council for Foreign Releations, esperta di Medio Oriente

 

Questa sera intanto i media israeliani, così come alcuni media internazionali, parlano di passi in avanti nella trattativa per la liberazione di una parte degli ostaggi in mano ad Hamas. Si tratterebbe, nel caso, degli ostaggi con doppia cittadinanza.

Le elezioni suppletive di Monza

(di Fabio Fimiani)
Un’affluenza bassa, il che però ha fatto mantenere il seggio senatoriale della provincia di Monza e Brianza al centrodestra con la stessa percentuale di un anno fa.
Silvio Berlusconi fu eletto al Senato con il 50,2%, Adriano Galliani ha preso il 51% a scrutinio ancora in corso.

Il centrosinistra si è presentato con il radicale Marco Cappato che ha preso il 38%, rispetto al 27 e 1 del 2022, allora c’erano anche i candidati del Terzo Polo, che aveva preso il 10, e del Movimento 5 stelle, 7 e 7%.
Unione popolare ha preso 1,9, sotto questa percentuale tra 1,8 e 1,1 le altre 5 liste presenti nel collegio senatoriale di Monza e Brianza: Nord con Sud, Partito Comunista Italiano, Democrazia Sovrana Popolare, Forza del Popolo e Democrazia e Sussidiarietà.

Un risultato nelle attese, anche per la lunga discussione nel centrosinistra se appoggiare la candidatura di Marco Cappato, non gradita alle forze politiche locali, in primis il Partito Democratico.
Una vicenda che si è conclusa venerdì con la dichiarazione al quotidiano cattolico Avvenire del sindaco di Monza Paolo Pilotto di votare scheda bianca.

Una giornata di sconfitte per la sinistra

(di Anna Bredice)
Il centrosinistra si deve accontentare di una vittoria che sembra ormai certa della candidata Maria Episcopo a Foggia, dove la campagna elettorale è stata condotta soprattutto da Giuseppe Conte, quello è il suo territorio e lì è andato più volte prima delle elezioni. Per il resto la sinistra perde, nelle provinciali in Trentino Alto Adige e poi nel seggio di Monza, che passerà forse alla storia per una delle affluenze più basse ma comunque utili per far vincere Adriano Galliani, anche se per la famiglia Berlusconi che in quell’area vive e lavora, tra Arcore e Macherio, il 20 per cento è anche segno di un disinteresse verso una potente famiglia. Ma il risultato più particolare è quello in Trentino Alto Adige, soprattutto a Bolzano dove la Sudtiroler Volkspartei perde voti, ne conquista invece molti Fratelli d’Italia e i partiti di destra tedeschi, a danno della lega. Un vento di destra che soffia forte anche in quella provincia autonoma, un cambiamento importante rispetto alla storia di quella provincia, sempre fredda nei confronti di un partito come quello di Meloni che ha origini missine, che parla di nazione più che di paese e di nazione in quelle province non ne vogliono sentir parlare. La Svp è sempre stata lontana da Giorgia Meloni, ma l’anno scorso il partito si è astenuto durante il voto di fiducia al governo, non ha votato insieme alla sinistra, come da tradizione. Un’apertura di cui Fratelli d’Italia ha beneficiato a danno degli altri. Nella provincia di Trento vince ancora Maurizio Fugatti, il candidato uscente della Lega e la sinistra perde, una sconfitta che brucia perché lì Elly Schlein ha puntato molto nella campagna elettorale ma senza grandi risultati.

Bollette, salta la proroga del passaggio obbligatorio al mercato libero

(di Massimo Alberti)
Il problema è sempre lo stesso: non toccare i portafogli prima delle elezioni europee. E il tema delle bollette è uno di quelli che, dopo questi due anni di batoste, fa saltare subito sulla sedia le persone. E così a settembre l’idea del ministro dell’ambiente Pichetto Fratin: rimandare di almeno 6 mesi, se non un anno, il passaggio obbligato dal mercato tutelato di gas e luce, al privato. Previsto dal 2017, il passaggio degli utenti è stato lento ma graduale, con il 31% circa, soprattutto i più fragili, rimasti al servizio di maggior tutela. Per una ragione semplice: 1 metro cubo di gas sul mercato privato costa ancora il doppio-triplo, del mercato tutelato. Qualcosa è cambiato con la guerra, dove le tariffe fisse offerte da molti privati hanno attutito gli aumenti. Ma poi molte aziende si sono rifatte sugli utenti con modifiche unilaterali dei contratti. E quando i prezzi si sono abbassati, a beneficiarne è toccato al mercato tutelato. E così, per evitare che da gennaio gli utenti forzati al privato si trovassero davanti a bollette più alte, l’idea del rinvio, che sarebbe dovuta finire nel decreto di oggi del consiglio dei ministri. Accolto con gioia dalle associazioni dei consumatori che non hanno mai gradito la totale liberalizzazione che però, e qui sta il problema, è uno degli obbiettivi che servono ad avere i fondi del Pnrr. E così il ministro Fitto, già nella bufera per il pantano in cui si trova il piano, si è messo di traverso. Saltato il rinvio, il governo si dato una settimana per capire come uscirne. Di fatto dovrà rimangiarsi la promessa, magari limitando il rinvio alle situazioni più fragili. Resta l’ennesima retromarcia, opo le tratte aeree, la tassa sulle banche e così via, di un governo che sulla politica economica prosegue a spot, senza dar l’idea di avere una visione d’orizzonte.

Alfredo Cospito resterà al 41 bis

Il tribunale di Sorveglianza di Roma ha rigettato la richiesta di revoca del carcere duro dei suoi avvocati, nonostante il parere favorevole che era arrivato settimana scorsa dalla Direzionale Nazionale Antimafia e Antiterrorismo. Secondo i giudici, il militante anarchico è ancora un soggetto pericolo perché con la sua battaglia civile ha dimostrato di essere “una figura carismatica e di vertice del movimento”.
Cospito dunque resterà sottoposto al 41 bis nel carcere di Sassari dove è detenuto, ma per lue c’è ancora la possibilità di altri ricorsi.
Eugenio Losco ha fatto parte del team legale di Cospito nei suoi procedimenti a Milano.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 10:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 24/02/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 24-02-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/02/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 24-02-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 24/02/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 24-02-2024

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/02/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 23-02-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 23/02/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 23-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 23/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-02-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 23/02/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 23-02-2024

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 23/02/2024

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. A cura di Elena Mordiglia.

    Sui Generis - 23-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 23/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 23/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/02/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 23-02-2024

Adesso in diretta