Approfondimenti

La fuga dei civili da Khan Younis, il no del Senato degli Stati Uniti a nuovi aiuti per l’Ucraina e le altre notizie della giornata

Khan Younis ANSA

Il racconto della giornata di giovedì 7 dicembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La guerra nella striscia di Gaza entra nel suo terzo mese mentre migliaia di persone continuano a scappare da Khan Younis e si rifugiano a Rafah. Il Senato degli Stati Uniti ha respinto oggi un importante pacchetto di finanziamenti da oltre 100 miliardi di dollari, più della metà destinati a Kiev. Il Don Carlo di Verdi ha inaugurato oggi la stagione lirica della Scala di Milano. Il ministro dell’istruzione Valditara ha annunciato che il progetto di “educazione alle relazioni” presentato dal governo per le scuole superiori sarà coordinato da Anna Paola Concia.

Migliaia di persone in fuga da Khan Younis

La guerra nella striscia di Gaza entra nel suo terzo mese. Nei due mesi di conflitto trascorsi il numero di morti palestinesi è arrivato a oltre 17mila, con decine di migliaia di feriti. I combattimenti nelle ultime ore si sono intensificati nel nord – soprattutto nel campo profughi di Jabalia – e nel sud, a Khan Younis, dove Israele sta cercando il leader di Hamas Yahya Sinwar. Decine di migliaia di persone intanto continuano a scappare da Khan Younis e si rifugiano a Rafah. Un percorso che ha fatto anche Sami, cooperante palestinese che dall’inizio della guerra ci ha raccontato la situazione nella striscia. Questo è il suo racconto:

Il racconto di Sami è rappresentativo delle condizioni in cui sono costrette a vivere centinaia di migliaia di persone. Secondo le Nazioni Unite l’80% della popolazione di Gaza è stata costretta a lasciare la propria casa.

(di Martina Stefanoni)

Lo spazio in cui i civili della striscia di Gaza sono autorizzati a stare – ma dove non sono al sicuro – è sempre più piccolo. Ogni giorno si riduce in concomitanza con l’emissione degli ordini di evacuazione che l’esercito israeliano continua a diffondere. Ad ora, quasi la totalità della popolazione è concentrata tra Rafah, e Al Mawasi, vicino al confine con l’Egitto. In questi luoghi le condizioni di vita sono al limite dell’umano. Le persone sono ovunque – come sentivamo prima dal racconto di Sami – manca il cibo, manca l’acqua e mancano i medicinali. Il portavoce del ministero ha tenuto oggi una conferenza stampa sulla situazione nell’enclave palestinese. Secondo quanto riferisce, tutti gli ospedali nel sud sono gravemente sovraffollati mentre la situazione sanitaria nei rifugi è altamente precaria per la mancanza di cibo e medicinali. Secondo il ministero, gli sfollati rischiano seriamente di morire di fame. Il direttore di Medici Senza Frontiere ha detto che Gaza si trova ad affrontare una catastrofe che va ben oltre una crisi umanitaria. “È una situazione caotica – ha detto il direttore – e sono estremamente preoccupato che molto presto le persone si ritroveranno a lottare per cercare di sopravvivere, il che avrà conseguenze molto gravi”. Decine di migliaia di persone però restano ancora anche nel nord, da dove è ancora più complicato avere testimonianze e dove l’esercito israeliano ha ormai quasi il totale controllo. In più in questa zona, dalla fine della tregua non è mai più arrivato nemmeno un camion di aiuti. Secondo l’Onu al sud stiamo vedendo replicarsi ciò che è successo al nord nelle primo mese di guerra.
Non bisogna dimenticare, inoltre, l’altro fronte, quello nord con il Libano. Oggi dopo che un civile israeliano è stato ferito dal lancio di un missile anticarro rivendicato da Hezbollah, Israele ha risposto con razzi e colpi d’artiglieria e Netanyahu ha lanciato un avvertimento al gruppo libanese: se ci fate la guerra – ha detto – ridurremo Beirut come Gaza City.

Il Senato degli Stati Uniti ferma i nuovi aiuti per l’Ucraina

“L’Ucraina non abbandonerà la difesa di un solo pezzo di terra, indipendentemente da come gli altri Paesi voteranno le proposte a sostegno di Kiev”. Lo ha scritto su Twitter il segretario del Consiglio nazionale di sicurezza e difesa dell’Ucraina riferendosi al respingimento da parte del Congresso statunitense di un importante pacchetto di finanziamenti da oltre 100 miliardi di dollari, più della metà destinati a Kiev. La Casa Bianca ha confermato il suo sostegno al governo ucraino e resta l’intenzione di inviare nuovi aiuti, ma il rischio che salti l’intero provvedimento è sempre più concreto. Quale effetto avrebbe per l’Ucraina? Sentiamo il nostro collaboratore Sabato Angieri:


 

Il Don Carlo inaugura la stagione della Scala

(di Ira Rubini)

È il Don Carlo, l’opera di Verdi, che ha inaugurato la stagione lirica della Scala di Milano. Sul palco un cast di specialisti, guidato dal maestro Riccardo Chailly sul podio, con una regia di Luis Pasqual parsa abbastanza statica. Nel palco reale le personalità istituzionali di cui tanto si è discusso nei giorni scorsi: il presidente del Senato Ignazio La Russa, il sindaco di Milano Giuseppe Sala e le altre autorità hanno accolto la senatrice a vita Liliana Segre, dopo un brutto momento in cui sembrava che il palco reale della Scala sarebbe stato caratterizzato da una concentrazione di personaggi dell’estrema destra maggiore di quanta non si sia mai vista in passato. La senatrice Segre è stata molto applaudita, non ci sono state strette di mano con gli altri rappresentanti delle istituzioni presenti nel palco. Una notazione di colore, o di cronaca politica: i La Russa presenti erano due. Oltre a Ignazio c’era anche Geronimo, molto chiacchierato per la sua recente nomina nel CdA del Piccolo Teatro. Ha deciso di venire anche lui e si è accomodato in platea.

Anna Paola Concia coordinerà il progetto di educazione alle relazioni del governo

Dopo le polemiche per la consulenza di Alessandro Amadori, che in un libro parlava di “cattiveria maschile e femminile”, oggi il ministro dell’istruzione Valditara ha annunciato che il progetto di “educazione alle relazioni” presentato dal governo per le scuole superiori sarà coordinato da Anna Paola Concia. Attivista per i diritti LGBTQI+ e sui temi di genere, Concia è stata anche deputata del Pd. Negli ultimi anni si è occupata di scuola come coordinatrice di una fiera chiamata Didacta Italia. “Con Valditara lavoro da quando è ministro e mi trovo molto bene, vuole impegnarsi seriamente sul tema della violenza” ha detto oggi l’ex parlamentare:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 25/02 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 25/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 25-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 25/02/2024

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle 13.20 alle 14.00, a cura di Stefano Ghittoni.

    Comizi d’amore - 25-02-2024

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 25/02/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 25-02-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 25/02/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 25-02-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 25/02/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 25-02-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 25/02/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 25-02-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 25/02/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 25-02-2024

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

Adesso in diretta