Approfondimenti

Meloni a Bruxelles con la faccia scura, il caso di Gioventù nazionale e le altre notizie della giornata

Meloni Bruxelles ANSA

Il racconto della giornata di giovedì 27 giugno 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Giorgia Meloni arriva al vertice con la faccia scura: dovrà decidere cosa fare, se votare o no a favore di Von Der Layen o astenersi, mentre in Italia ri-scoppia il caso di Gioventù Nazionale. Sono oltre 40 i miliardi di euro accumulati negli ultimi 20 anni dall’Inail, fermi nelle casse dello Stato, inutilizzati sia per i risarcimenti che per la prevenzione. In Kenya è stata un’altra giornata di mobilitazione contro il governo, che come promesso dal presidente Ruto, ha usato la mano pesante contro le proteste. Negli Stati Uniti stanotte ci sarà il primo dibattito televisivo tra i candidati alla corsa alla Casa Bianca, Joe Biden e Donald Trump.

Le ultime ore per la trattativa italiana a Bruxelles

Le nomine a Bruxelles. Le proteste di Meloni per essere stata esclusa dai giochi sortiscono qualche apertura da parte dei popolari. Ma il pacchetto di nomi non cambia. Ultime ore per la trattativa. All’Italia serve un commissario con poteri economici per garantirsi flessibilità sul rientro del debito.

(di Michele Migone)

Giorgia Meloni arriva al vertice con la faccia scura. Dovrà decidere cosa fare. Votare o no a favore di Von Der Layen, astenersi. Non sarà una scelta facile. Per certi versi è tra Scilla e Cariddi. Ma è stata lei stessa a infilarsi in quell’angolo. Ha giocato allo stesso tempo su due tavoli, in questo
frangente incompatibili: capo del governo italiano e leader del gruppo conservatore europeo. Se
propende per uno, perde nell’altro. Dovrà valutare bene le sue mosse. Dopo la protesta pubblica per essere stata estromessa dalle trattative sui top jobs, ma anche e soprattutto dopo l’intervento informale del Quirinale, oggi Giorgia Meloni è stata accolta a Bruxelles da una serie di dichiarazione di disponibilità, in particolare del polacco Tusk e del greco Mitsotakis. Sono entrambi del Partito Popolare. Lo hanno fatto per blandirla. Un Gioco facile, visto che ormai l’accordo tra PPE, socialisti e liberali è chiuso. Ma anche per ricordarle che da capo di governo di uno dei paesi fondatori della UE, al Consiglio Europeo deve agire da statista e non da leader di uno schieramento politico. Perché, sottinteso, è poi l’Italia a pagarla. Vedi la flessibilità sul rientro del debito. Ma c’è un altra ragione per spiegare la mossa di Tusk e Mitsotakis. Vogliono attrarla nell’orbita del partito popolare, spaccando il gruppo dei conservatori. Tutti sanno che Meloni sta trattando con la Von Der Layen una poltrona pesante per Roma in cambio dei voti di Fratelli d’Italia, a luglio, quando l’Europarlamento sarà chiamato a confermarla alla presidenza della UE. Un gioco che non piace agli alleati europei di Giorgia Meloni. Tanto che oggi i polacchi del Pis hanno detto che potrebbero lasciare i conservatori per dare vita a un altro gruppo con Orban. Per la leader di Fratelli d’Italia un brutto colpo. Perderebbe truppe e peso politico. È stretto il sentiero che Giorgia Meloni dovrà percorrere nelle prossime ore.
 

Il caso di Gioventù nazionale e il silenzio totale di Meloni

In Italia, intanto, ri-scoppia il caso di Gioventù Nazionale. Nella seconda puntata dell’inchiesta di Fanpage si vedono esponenti della branca giovanile di Fratelli d’Italia proferire insulti razzisti e antisemiti.

(di Anna Bredice)

“L’Unione europea condanna la simbologia fascista, la ritiene moralmente sbagliata”. Solo dieci giorni fa il portavoce della Commissione europea commentava così la prima parte dell’inchiesta di Fanpage. Oggi Giorgia Meloni è a Bruxelles e la partita così delicata che si decide sulle nomine non può non tener conto anche di questo. O almeno ne stanno tenendo conto nel gruppo socialista e dei verdi, per i quali l’ideologia fascista e antisemita che permane in quel sottobosco del partito di Meloni è una discriminante.
Giorgia Meloni tace. È stata chiamata in causa da giorni su quello che stava uscendo da questa inchiesta, con interrogazioni e question time in Parlamento. A maggior ragione oggi, dopo che hanno iniziato a girare le fotografie di lei che quasi abbraccia Flaminia Pace, l’esponente di Gioventù nazionale che si dice fascista e ride dicendo che dopo aver festeggiato con le svastiche è stata costretta a fare un comunicato di solidarietà a Ester Mieli. E poi offese e insulti contro di lei, che è senatrice di Fratelli d’Italia.
Una circostanza, forse, che ha fatto superare il limite di indifferenza che finora ha accompagnato dentro il partito queste inchieste e ha portato alle dimissioni di Flaminia Pace e poi di un’altra esponente di quel movimento.
Fino a ieri Donzelli, responsabile dell’organizzazione di Fratelli d’Italia, incolpava i giornalisti di Fanpage nel tentativo di colpevolizzare altri. Oggi le dimissioni con un annuncio vago di altri provvedimenti, frasi di circostanza di altri ancora, compreso La Russa, e il silenzio totale da parte di Giorgia Meloni a cui tutte le opposizioni ora chiedono di sciogliere l’organizzazione giovanile del partito, i cui componenti dovrebbero essere noti ai vertici. Ma questo è solo l’ultimo scampolo di rigurgiti di antisemitismo e di fascismo nella destra meloniana. Le braccia tese ormai non si contano più e non fanno più notizia. Solo poco tempo fa è dovuta passare una settimana interna per le dimissioni del portavoce del ministro Lollobrigida, Paolo Signorelli, che fino a poco tempo prima intrecciava conversazioni antisemite con il narcotrafficante Piscitelli, ucciso a Roma.
 

I fondi Inail bloccati nell’indifferenza del governo

(di Massimo Alberti)

Tra i vari punti critici citati nella relazione del Procuratore generale della Corte dei Conti, ce n’è uno fondamentale per la sicurezza sul lavoro: quello dell’avanzo di Bilancio Inail. Oltre 40 miliardi accumulati negli ultimi 20 anni, fermi nelle casse dello Stato, inutilizzati sia per i risarcimenti che per la prevenzione. Un problema che sindacati e associazioni di familiari sollevano da anni.
Il bilancio dell’Inail, di fatto un’assicurazione pubblica per gli infortuni sul lavoro, è formato dai contributi di imprese e lavoratori. Ma pur a fronte di un numero crescente di infortuni e morti sul lavoro, l’Inail ha un bilancio che ogni anno produce un attivo medio di 2 miliardi. Una parte, come in ogni assicurazione, costituisce una riserva da mantenere, presso un fondo del ministero dell’Economia. Il problema è che quei soldi servirebbero come l’ossigeno, soprattutto guardando alle ragioni per cui quel fondo si è gonfiato in questa misura. Intanto i controlli: l’Inail ha una carenza di migliaia di ispettori per cui quei soldi potrebbero essere usati. Il secondo, la copertura: che oggi non riguarda tutte i lavoratori e le categorie, e morti e infortunati “scoperti”, tra nero e altro, sono almeno un 50% in più di quelli ufficiali. Il capo dei magistrati contabili non a caso ha evidenziato proprio questo aspetto. L altro tema riguarda i risarcimenti. Familiari e sindacati chiedono da tempo al governo la revisione della legge del 1965 che indennizza solo familiari di vittime che mantenevano la famiglia. Era emerso ad esempio con la morte di Lorenzo Parreli, lo studente in tirocinio a Udine, e riguarda anche molte famiglie di fatto. Tutto questo permette a Inail di accumulare risorse che non usa, che lasciano senza indennità chi si trova un familiare vittima di infortunio o morte sul lavoro. Il governo è stato celere quando si è trattato prima di commissariare poi di cambiare i vertici dell’istituto, passato da quota Lega a Fratelli d’Italia col neo presidente, il professor Fabrizio D’Ascenzo, che parla di un istituto che “funziona molto bene”. Meno celere, nonostante i solleciti, nel rimediare ad una situazione intollerabile, vista la quotidianità della guerra sul lavoro, indicativo del disinteresse sulla sicurezza.

Kenya, le manifestazioni di protesta di nuovo represse con violenza

In Kenya è stata un’altra giornata di mobilitazione contro il governo, che come promesso dal presidente Ruto, ha usato la mano pesante contro le proteste. A Mombasa testimoni dichiarano che la polizia ha aperto il fuoco sulla folla in corteo, non è chiaro se ci sono vittime, mentre nella capitale Nairobi gli agenti hanno sparato lacrimogeni contro i dimostranti.
Ufficialmente il numero di morti delle proteste, da martedì ad oggi, è di 23; solo a Nairobi 165 persone sono ancora ricoverate in ospedale perché gravemente.
Le manifestazioni erano in programma da giorni e sono state confermate nonostante il governo ieri abbia deciso di ritirare la contestata legge finanziaria. 
Il movimento dei giovani che sta protestando non ha però nessuna intenzione di fermarsi.

L’attesa per il dibattito televisivo tra Biden e Trump

Stati Uniti. Tra poche ore il primo dibattito televisivo tra i candidati alla corsa alla Casa Bianca, Joe Biden e Donald Trump. La diretta del confronto sulla Cnn, quando in Italia saranno le 3 del mattino, dalla Georgia, uno degli Stati più contesi nelle prossime elezioni di novembre e perennemente in bilico. Il duello dovrebbe durare 90 minuti.
Oggi intanto è stato diffuso un sondaggio del New York Times/Siena College, nel quale Donald Trump è in netto vantaggio sull’attuale presidente: quattro punti di vantaggio (48% a 44%). Nella precedente rilevazione di aprile i due candidati erano testa a testa. Il sondaggio è stato condotto dopo la condanna del tycoon nel caso Stormy Daniels .
 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 20/07 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 20/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Ahead di sabato 20/07/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda per l'estate ogni sabato dalle 23.45 alle 00.45

    Jazz Ahead - 20-07-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 20/07/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 20-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-07-2024

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 20/07/2024

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 20-07-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 20/07/2024

    Arriva l’estate e Mash Up si trasforma in un cocktail party, offerto dal tramonto alla sera dei vostri sabati calienti. Mischia e shakera il vostro dj per matrimoni impossibili Piergiorgio Pardo. Servire con ghiaccio bollente. Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-07-2024

  • PlayStop

    Pop Music di sabato 20/07/2024

    Una trasmissione di musica, senza confini e senza barriere. Canzoni da scoprire e da riconoscere, canzoni da canticchiare e da cui farsi cullare. Senza conduttori, senza didascalie: solo e soltanto musica.

    Pop Music - 20-07-2024

  • PlayStop

    Si dice verao di sabato 20/07/2024

    Estate in portoghese si dice verão. Si dice verão è una selezione di musica brasiliana curata da Loretta da Costa Perrone. Ogni puntata avrà come sfondo una spiaggia del Brasile, per immaginarla, per sognarla e per ascoltarla attraverso vari generi musicali, dal samba alla MPB, dalla bossa al maracatu, dal funk al jazz.

    Si dice verao - 20-07-2024

  • PlayStop

    Suoni d'estate di sabato 20/07/2024

    Suoni d'estate è la trasmissione che ogni sabato vi porta nei principali festival italiani ed europei: le anteprime, le voci e gli inviati per raccontare al meglio la musica dal vivo di questa estate 2024.

    Suoni d’estate - 20-07-2024

  • PlayStop

    Agitanti di sabato 20/07/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettati come “diversi”. Ogni sabato alle 15 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 20-07-2024

  • PlayStop

    Aria fresca di sabato 20/07/2024

    Aria Fresca è la trasmissione estiva di Radio Popolare dedicata a chi rimane in città durante l'estate. Anais Poirot Gorse e Nicola Mogno esplorano la quotidianità dei giovani che restano nei loro quartieri, raccontando come affrontano il caldo e il tempo libero. Attraverso sport, musica, conversazioni nei parchi e serate all'aria aperta, il programma fa vivere le attività e le esperienze che caratterizzano la vita estiva urbana. Un appuntamento settimanale che approfondisce le dinamiche sociali e culturali locali.

    Aria fresca - 20-07-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 20/07/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 20-07-2024

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 20/07/2024

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare mentre ci si prepara al pranzo estivo del sabato!

    Sing Sing Sing - 20-07-2024

  • PlayStop

    Un bacio a te proprio d’amore - Seconda parte

    La storia di Giacomo Matteotti non è solo la storia del più efferato omicidio politico avvenuto in Italia. È anche una storia d’amore. Una storia di lettere d’amore. Le lettere che Matteotti e Velia Titta si sono scambiati per più di dieci anni. Perché, come diceva Antonio Gramsci, non ci si può dire socialisti se non si è stati innamorati almeno una volta.

    Un bacio a te proprio d’amore - 20-07-2024

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 20/07/2024

    Un'estate speciale richiede uno speciale appuntamento settimanale dedicato ai suggerimenti di lettura: in ogni puntata un personaggio della cultura propone i suoi "must" da leggere in estate e un libraio o una libraia indipendenti propongono alcuni titoli tratti dal loro scaffale.

    Letti e lettini - 20-07-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 20/07/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 20-07-2024

Adesso in diretta