Approfondimenti

Il ritorno in classe tra dubbi e proteste, lo scontro interno al Movimento 5 Stelle e le altre notizie della giornata

Covid Ansa

Il racconto della giornata di domenica 9 gennaio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Domani riaprono le scuole in quasi tutta Italia, qualche Regione come la Lombardia era già ripartita venerdì con le superiori, altre come la Campania e la Sicilia hanno invece rinviato. La ong Save The Children, invece, ha lanciato un appello per la riapertura delle scuole raccogliendo le esperienze di oltre mille insegnanti di scuole elementari e medie. All’interno del Movimento 5 Stelle continuano a scontrarsi le due leadership, quella di Conte e quella di Di Maio. L’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia protesta dopo l’ennesimo paragone tra il movimento No Vax e la lotta di liberazione contro il nazifascismo. È scomparso a 77 anni Michael Lang, leggendario promoter a cui si deve la storica prima edizione di Woodstock, nonché le successive repliche. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Da domani tutti in classe in presenza nonostante le critiche di Regioni, medici e presidi

Domani riaprono le scuole in quasi tutta Italia, qualche Regione come la Lombardia era già ripartita venerdì con le superiori, altre come la Campania e la Sicilia hanno invece rinviato. Il Governo non ha cambiato idea, anzi domani nella annunciata conferenza stampa con Draghi ci sarà anche il Ministro dell’Istruzione Bianchi. Il generale Figliuolo, da parte sua, ha dichiarato oggi che per lui le scuole sono luoghi sicuri, perché c’è il distanziamento e si tengono le mascherine, e ha aggiunto che la didattica a distanza discrimina i ragazzi che hanno meno accesso alla rete internet, come in alcune zone del Sud. Sono molte però le critiche mosse al Governo su questo ritorno in presenza, dai presidenti di alcune Regioni ai medici di base, dai presidi ai sindacati degli insegnanti. Plaude invece il comitato Priorità alla Scuola, formato principalmente da genitori. Sentiamo Chiara Ponzini che fa parte del comitato a Milano:


 

Il conflitto tra le due leadership del Movimento 5 Stelle

(di Luigi Ambrosio)

Di Maio fa sapere di avere avuto il COVID ma di essere guarito e nuovamente operativo da domani.
È anche un messaggio a Conte: il leader sono io. Il Movimento 5 Stelle è il soggetto debole di questa corsa al Quirinale. Non solo perché i suoi grandi elettori sono i meno controllabili e quelli che più di tutti potrebbero prendere decisioni diverse da quelle del gruppo. Ma anche perché nel Movimento 5 Stelle si scontrano due leadership. Una è quella di Conte, mai decollata, sempre rimasta a metà, e l’altra è quella di Di Maio, il quale rimane ascoltatissimo dai parlamentari.
E così una strategia non è affatto chiara. Il primo, Conte, ammicca al PD, poi dice che il tempo delle scelte non è maturo, poi telefona a Letizia Moratti, poi è dato in opera di diplomazia sotterranea con Renzi. Il secondo, Di Maio, ha in testa soprattutto l’idea di riaffermare l’indipendenza del Movimento 5 Stelle. Per lui il legame con il Partito Democratico non deve essere troppo stretto. Mercoledi scorso, quando è stato introdotto l’obbligo vaccinale per gli over 50, si è rinsaldato per un giorno l’asse Lega-5Stelle che tenne in piedi il governo gialloverde e i cui protagonisti furono Salvini e Di Maio.
Anche sul Quirinale, Di Maio vuole tenersi le mani libere.

L’appello di Save The Children per l’apertura delle scuole

Un appello per l’apertura delle scuole arriva dalla ong Save The Children. L’organizzazione ha raccolto le esperienze di oltre mille insegnanti di scuole elementari e medie. La metà dei quali ha riportato – dopo l’esperienza della Dad – una forte perdita di apprendimento, 1 su 4 disturbi psicologici e forti ripercussioni in particolare per gli studenti provenienti da famiglie che vivono in situazione di povertà o disagio sociale. Save The Children ricorda che – secondo i dati Istat – sono stati circa 600mila i ragazzi e le ragazze di scuole primarie e secondarie che non hanno partecipato alle lezioni a distanza, con percentuali maggiori al Sud. Raffaella Milano è la direttrice dei programmi Italia ed Europa di Save The Children:


 

I No Vax tornano a paragonarsi ai partigiani e attaccano la vicesindaca di Arezzo

Protesta l’Anpi, l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, dopo l’ennesimo paragone tra il movimento No Vax e la lotta di liberazione contro il nazifascismo. A Torino ieri il professor Ugo Mattei, dal palco della manifestazione, ha sostenuto che si debba fondare un nuovo CLN, come il Comitato di Liberazione Nazionale formato dai partigiani durante l’occupazione, e ha paragonato le norme per il contenimento della pandemia alle leggi fascistissime di Mussolini. Paragoni già sentiti in questi mesi, ricorderete i No Vax che sfilavano con le stelle di David cucite sul petto, e che ora hanno portato anche a minacce fisiche nei confronti della vicesindaca di Arezzo Lucia Tanti. “Sei una nazista – le hanno scritto – e obiettivo della nuova lotta partigiana”. Sentiamo il suo racconto
:


 

Michael Lang, il co-organizzatore del festival di Woodstock, è morto all’età di 77 anni

(di Claudio Agostoni)

È scomparso a 77 anni Michael Lang, leggendario promoter a cui si deve la storica prima edizione di Woodstock, nonché le successive repliche. Infuriava la guerra nel Vietnam e Michael organizzò un festival annunciato come “tre giorni di pace, amore e musica”. Non fu l’unico promoter, con lui c’erano anche Artie Kornfeld, John Roberts e Joel Rosenman, ma il volto pubblico del famoso raduno fu sempre il suo.
Michael invitò i giovani americani disamorati del mondo in cui vivevano ad allontanarsi dai costumi tradizionali e ad abbracciare uno stile di vita che celebrava la libertà di espressione. Era l’estate del 1969, l’anno successivo all’assassinio di Robert F. Kennedy e del reverendo Martin Luther King, e Woodstock si svolse sullo sfondo del movimento per i diritti civili e delle divisioni che hanno fratturato (e continuano a fratturare) la nazione americana sul piano politico, generazionale, economico e razziale.
Circa 400.000 persone raccolsero il suo invito e scesero nella frazione di Betel, a circa 50 miglia a nord-ovest di New York City, sfidando ingorghi stradali lunghi chilometri, piogge torrenziali, carenza di cibo e servizi igienici improvvisati.
Più di 30 artisti si esibirono sul palco principale ai piedi di una collina su un terreno di proprietà di Max Yasgur, un contadino ignaro che non avrebbe mai immaginato di entrare nella storia del rock.
In un’intervista dell’epoca Lang definì l’esperienza di Woodstock “un viaggio davvero bizzarro”. Neanche lui si era reso conto che era diventato il fautore della “grande illusione”, che non fu l’inizio ma la fine di un’epoca irripetibile, del sogno musicale, dell’era dell’Acquario con i suoi abitanti colorati, gli hippie.
Come ha scritto Massimo Bonelli “Prima di Zuckerberg, Michael Lang ha inventato il “social”, ovvero il raduno di una popolazione di esseri umani che amavano tutti la stessa atmosfera e vibravano al ritmo dei tamburi di Santana, delle corde di Jimi Hendrix o delle urla di Richie Havens”. Michael non aveva organizzato un semplice concerto, ma le celebrazioni della fine di un sogno.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Meno contagi e soprattutto tasso di positività in calo. Questo dicono i numeri del bollettino COVID di oggi.
Naturalmente un giorno da solo conta poco: l’andamento dei prossimi giorni sarà cruciale per capire se è l’inizio di una tendenza o meno. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 155.659. Ieri erano stati 197mila. Nei giorni precedenti erano stati raggiunti i 200mila casi.
Il tasso di positività rispetto ai tamponi fatti oggi scende al 15,7% dal 16,3% di ieri. 157 le vittime, anche questo dato è in diminuzione. Continua ad aumentare il numero di persone ricoverate per COVID nei reparti ordinari e nelle terapie intensive.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 09/12/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 12/09/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 10/12/2022

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 12/10/2022

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 09/12/2022

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 12/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 09/12/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12/09/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 09/12/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 12/09/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 09/12/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 12/09/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 09/12/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 12/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 09/12/2022

    1- Francia, al via la convenzione cittadina per parlare dell’accompagnamento al fine vita. Fino al 19 marzo prossimo, 170 cittadini…

    Esteri - 12/09/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 09/12/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 12/09/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 09/12/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 12/09/2022

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 09/12/2022

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana,…

    Jack Box - 12/09/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 09/12/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 12/09/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 09/12/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 12/09/2022

  • PlayStop

    Il cavatappi umano

    quando andiamo a controllare il livello di vendita del nostro best seller alla fiera di editoria indipendente di Roma, riascoltiamo…

    Poveri ma belli - 12/09/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 09/12/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: la giovane compagnia napoletana Puteca Celidonia con…

    Cult - 12/09/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 09/12/2022

    Se non è febbre, quasi. 37 e 2 è la trasmissione dedicata ai temi dell’invalidità e della non autosufficienza. Dalle…

    37 e 2 - 12/09/2022

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 09/12/2022

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 12/09/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 09/12/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 8.30 alle 10.00, il venerdì dalle…

    Prisma - 12/09/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 09/12/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 12/09/2022

Adesso in diretta