Approfondimenti

L’Inter campione d’Italia, il maldestro tentativo di censura a Fedez e le altre notizie della giornata

Inter Milano ANSA

Il racconto della giornata di domenica 2 maggio 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Con il triplice fischio che chiudeva il match tra Sassuolo e Atalanta, la notizia che galleggiava nell’aria da qualche settimana è ufficiale: l’Inter ha vinto il suo 19esimo scudetto e Milano è scesa in piazza per festeggiare. Il maldestro tentativo di censura da parte dei vertici di RaiTre nei confronti del cantante Fedez prima della sua esibizione al concertone del Primo Maggio è diventato un caso politico. Alarm Phone ha scritto su Twitter che 11 persone sono annegate al largo della Libia, mentre altre 95 sono in attesa dei soccorsi. Infine, i dati di oggi sull’andamento dell’epidemia da COVID in Italia.

L’Inter è campione d’Italia

(di Claudio Agostoni)

Con il triplice fischio che chiudeva il match tra Sassuolo e Atalanta, la notizia che galleggiava nell’aria da qualche settimana è ufficiale. A dire il vero ne galleggiavano due di premonizioni. Il crollo di un regno e lo scudetto sulla maglia dell’Inter. Entrambe si sono avverate. Il regno crollato è quello della Juventus, una squadra che ormai aveva una sorta di vitalizio con lo scudetto, ma è rimasta sepolta sotto un annus horribilis (l’ennesima Champions volatilizzatasi, il pasticcio della Super League, gli esami taroccati per far avere un passaporto italiano a un calciatore che voleva comprare). E, sgarro inaccettabile, a strappargli lo scudetto dal petto è stata la squadra allenata proprio da chi aveva iniziato il ciclo bianconero durato nove anni.
E così, come quasi tutti gli altri, anche questo scudetto neroazzurro diventa leggenda. In primis perché, quando va bene, l’Inter ne vince uno ogni dieci anni e quindi è già epico per questo.
Poi l’Inter è allenata da Antonio Conte, un mister che gli interisti doc non hanno ancora digerito. La squadra è di proprietà di un capitalista cinese che si ritrova in mano una società piena di debiti: non a caso in questi ultimi mesi ha fatto fatica a pagare gli stipendi ai suoi calciatori. Più che a vincere lo scudetto la dirigenza neroazzurra era interessata a vendere la squadra.
Ma al tifoso neroazzurro oggi tutto questo interessa poco. Si gode Lukaku, il suo gigante buono. Sogna di vedere ancora per molti anni gli scatti brucianti del Toro Martinez. E immagina un futuro dove Barella è il nuovo Stankovic e Bastoni una reincarnazione di Giacinto Facchetti. Il tifoso interista si gode il diciannovesimo scudetto, uno in più del Milan. La squadra che per molti mesi ha sognato di poterselo cucire sul petto. Ma purtroppo, per loro, Zlatan Ibrahimović può presentare il festival di Sanremo, ma non è ancora in grado di fare i miracoli.
Quando i fumi dei festeggiamenti si dissolveranno ci saranno tanti problemi da risolvere. Lo stadio. Il pubblico in presenza. I conti in rosso. Ma oggi tutto è superato con la giaculatoria che da anni accompagna i tifosi interisti: amala.

Il maldestro tentativo di censura a Fedez diventa un caso politico

È diventato dunque un caso politico il maldestro tentativo di censura da parte dei vertici di RaiTre nei confronti del cantante Fedez prima della sua esibizione al concertone del Primo Maggio. Fedez alla fine ha letto il suo discorso senza tagli, ma soprattutto ha pubblicato sui suoi canali social un estratto della telefonata con gli autori del programma e la vicedirettrice di RaiTre Ilaria Capitani dalla quale è evidente la pressione esercitata nei confronti del cantante affinché non citasse nel suo discorso i nomi dei politici leghisti autori di frasi omofobe.
PD e Movimento 5 Stelle si sono schierati con Fedez, “la Rai si scusi, tentativo di censura inaccettabile” hanno detto i massimi esponenti dei due partiti. Anche l’ex presidente del consiglio Conte ha twittato “sto con Fedez“. Salvini ha cercato di liquidare la questione come “polemica interna alla sinistra” essendo la rete dove è andato in onda il concertone RaiTre e la vicedirettrice protagonista della telefonata portavoce di Walter Veltroni, sindaco di Roma nel 2006.
La politica che oggi attacca i vertici Rai è la stessa che tra qualche settimana rinnoverà il CdA della Tv pubblica. Per il sindacato dei giornalisti Rai, l’Usigrai, il sistema è quello della partitocrazia che non vuole riformare la governance della Rai. Vittorio Di Trapani è il segretario dell’Usigrai:

Il presidente della commissione di vigilanza Rai Alberto Barachini, di Forza Italia, ha convocato d’urgenza il direttore di Rai3 Franco Di Mare. L’amministratore delegato della Rai Fabrizio Salini ha abbozzato delle scuse negando però la censura: “Rai3 ha spiegato di non aver mai censurato Fedez. Non esiste e non deve esistere nessun “sistema” e se qualcuno, parlando in modo non appropriato per conto e a nome della Rai, ha usato questa parola mi scuso“. Il commento di Beppe Giulietti, dell’associazione per la libertà di stampa Articolo 21:


 

Ancora un naufragio al largo della Libia

Poco fa l’ong Alarm Phone ha scritto su Twitter che 11 persone sono annegate al largo della Libia. Da ore l’organizzazione umanitaria continua a lanciare appelli su un’altra vicenda, quella di 95 migranti in difficoltà che hanno chiesto aiuto da acque internazionali tra Libia, Italia e Malta. Due mercantili sarebbero arrivati sul posto, ma finora non avrebbero aiutato i naufraghi. Il timore è che stiano aspettando l’arrivo della cosiddetta guardia costiera libica, che riporterebbe queste persone nel Paese africano, dove rischiano di essere incarcerati e di subire trattamenti disumani. “Piangono al telefono, alcuni vogliono nuotare verso le navi che rifiutano di intervenire”, ha scritto su Twitter l’ong.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Oggi in Italia sono stati accertati 9.148 casi di coronavirus ed è risultato positivo il 5,8% delle persone che hanno fatto il tampone, percentuale in aumento rispetto a ieri. Le morti comunicate sono 144, il minimo dal 26 ottobre. Tornano a salire i pazienti in terapia intensiva, 2 in più rispetto a ieri, mentre quelli ricoverati negli altri reparti COVID diminuiscono di 36. L’epidemiologo Marco Geddes da Filicaia è stato vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità:

A livello globale uno dei Paesi più colpiti dalla pandemia è l’India, che nelle ultime settimane è stata travolta da una terribile ondata. Oggi è stata registrata la morte di quasi 3.700 persone, il numero più alto mai comunicato dalle autorità. Il primo ministro conservatore Narendra Modi è sotto accusa per la gestione del coronavirus e nelle ultime ore ha subìto un’importante sconfitta in un’elezione locale, nello Stato del Bengala occidentale. Simona Vittorini insegna all’università Soas di Londra ed è esperta di politica indiana. Le abbiamo chiesto se nel paese stanno aumentando le critiche a Modi e al governo:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 11/05/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 05/11/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 11/05/21 delle 19:50

    Metroregione di mar 11/05/21 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 05/11/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 11/05/21

    Ora di punta di mar 11/05/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 05/11/2021

  • PlayStop

    Esteri di mar 11/05/21

    1. Attacchi massicci dell'aviazione israeliana sulla Striscia di Gaza. Solo un gesto forte di Joe Biden potrebbe mettere fine all’escalation.…

    Esteri - 05/11/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mar 11/05/21

    Sunday Blues di mar 11/05/21

    Sunday Blues - 05/11/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di mar 11/05/21

    Uno di Due di mar 11/05/21

    1D2 - 05/11/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 11/05/21

    Considera l'armadillo mar 11/05/21

    Considera l’armadillo - 05/11/2021

  • PlayStop

    Jack di mar 11/05/21

    Jack di mar 11/05/21

    Jack - 05/11/2021

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia: Nando dalla Chiesa

    Decimo e ultimo incontro del quinto ciclo di “Lezioni di antimafia” ideato dalla Scuola di Formazione “Antonino Caponnetto” e coordinato…

    Lezioni di antimafia - 05/11/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mar 11/05/21

    Stay Human di mar 11/05/21

    Stay human - 05/11/2021

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia: Daniela Marcone, Lorenzo Sanua e Rosy Tallarita

    Nono incontro del quinto ciclo di “Lezioni di antimafia” ideato dalla Scuola di Formazione “Antonino Caponnetto” e coordinato da Raffaele…

    Memos - 05/11/2021

  • PlayStop

    Prisma di mar 11/05/21

    Cosa succede a Lampedusa, perché, e cosa intende fare il Governo italiano. Con Marta Bernardini capo missione di Mediterranean Hope…

    Prisma - 05/11/2021

  • PlayStop

    Luca Starita, Canone ambiguo

    LUCA STARITA - CANONE AMBIGUO - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 05/11/2021

  • PlayStop

    Cult di mar 11/05/21

    ira rubini, cult, lorena senestro, guido gozzano, la signorina felicita, teatro gobetti torino, alessia cappelletti, ezio bosso, faccio musica, piemme…

    Cult - 05/11/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 11/05/21

    Rassegna stampa internazionale di mar 11/05/21

    Rassegna stampa internazionale - 05/11/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 11/05/21

    Il demone del tardi - copertina di mar 11/05/21

    Il demone del tardi - 05/11/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 11/05/21

    Fino alle otto di mar 11/05/21

    Fino alle otto - 05/11/2021

Adesso in diretta