Approfondimenti

Il sistema Uber rivelato al mondo, il furto della logistica che cancella il diritto al salario e le altre notizie della giornata

uber ANSA

Il racconto della giornata di domenica 10 luglio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il sistema Uber rivelato al mondo: violazione delle leggi, violenza sui lavoratori, pressioni sui governi, spesso ben accettate. Una clamorosa inchiesta del Guardian pubblica oltre 124mila documenti riservati. Martedì il governo dovrebbe incontrare i sindacati. Sono passati due mesi dall’ultimo incontro e oggi il segretario della Cgil Maurizio Landini si è rimangiato gli apprezzamenti verso Draghi di inizio mandato. Il furto della logistica che cancella il diritto al salario: un emendamento infilato nel decreto PNRR elimina il diritto di 1 milione tra facchini e fattorini a rivalersi sui colossi del settore per gli stipendi non pagati dalle cooperative. Le elezioni in Giappone: il partito Liberal Democratico al governo e l’alleato di destra Komeito avranno la maggioranza alla Camera Alta del Parlamento. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Uber Leaks: il sistema Uber rivelato al mondo

Il sistema Uber rivelato al mondo. Violazione delle leggi, violenza sui lavoratori, pressioni sui governi, spesso ben accettate. Una clamorosa inchiesta del Guardian pubblica oltre 124mila documenti riservati. I leader di mezzo mondo oggetto dei tentativi di lobby da parte di Uber. In particolare, secondo i documenti del guardia, il presidente francese Emmanuel Macron ha segretamente aiutato la piattaforma.

In Italia, secondo i documenti, il referente individuato da Uber era Matteo Renzi, al punto che l’operazione portava il suo nome. “La violenza garantisce il successo” diceva l’ex CEO di Uber ai suoi dirigenti, riferendosi all’uso della violenza e la violazione delle leggi per introdurre i suoi taxi nei diversi paesi. [CONTINUA A LEGGERE SUL SITO]

Martedì il nuovo incontro tra governo e sindacati. Landini: “Draghi non ci ascolta”

Martedì il governo dovrebbe incontrare i sindacati. Sono passati due mesi dall’ultimo incontro. Ad oggi sul tavolo potrebbe esserci un provvedimento per il taglio dei contributi sul salario, spostandoli a carico dello stato per aumentare il netto in busta paga. Il cosiddetto “cuneo fiscale” che sembra mettere d’accordo tutti: partiti, sindacati, Confindustria che però vorrebbe una parte di quel taglio. Il problema è dove prendere le risorse, visto che gli aumenti salariali che dovrebbero essere a carico delle imprese andrebbero così a gravare sulla fiscalità generale.
L’atteggiamento del governo non piace ai sindacati. Questa mattina il segretario della Cgil Maurizio Landini, in un colloquio con La Stampa, si rimangia gli apprezzamenti verso Draghi di inizio mandato: “Non sta producendo riforme in chiave sociale; si muove anzi in senso inverso. E non ci ascolta. Mai coinvolti, al massimo informati”. Nell’altro passaggio centrale Landini sottolinea il vuoto politico, la rottura tra politica e lavoro, che non trova rappresentanza. “Sono pronto a scendere in capo per non lasciare il campo a nessuno, ma certamente non con un partito”, le parole di Landini.

Il furto della logistica che cancella il diritto al salario

Il furto della logistica che cancella il diritto al salario. Un emendamento infilato nel decreto PNRR, col benestare del governo, elimina il diritto di un milione tra facchini e fattorini a rivalersi sui colossi del settore per gli stipendi non pagati dalle cooperative. Lo ha presentato un deputato di Forza Italia col sì dei ministri Cartabia e Giorgetti. Nessuno nella maggioranza se ne sarebbe accorto, e se ha visto, ha taciuto. Da due anni le imprese facevano lobby per farlo passare.
La logistica è un settore ancora in parte deregolamentato, dove i colossi del settore, Dhl, Fedex e cosi via, si affidano a catene di appalti e subappalti nei magazzini e nella distribuzione, in una concorrenza al ribasso sul costo del lavoro, perché anche mezzo centesimo risparmiato per muovere un pacco vuol dire centinaia di milioni di profitti. Appalti che vedono spesso la presenza di piccole ditte, consorzi, cooperative vere o spurie o di comodo, create dall’oggi al domani, e che spesso spariscono dopo aver intascato i compensi.
Per porre un minimo argine a questa giungla e responsabilizzare i committenti nella scelta degli appaltatori, la legge prevedeva che ne rispondessero in solido. Da qui son nate molte lotte dei lavoratori, per veder riconosciuti stipendi e arretrati che gli appaltatori non pagavano. Questo diritto al salario è stato cancellato a fine giugno da un colpo di penna. La classica manina che, nel silenzio, fa un regalo alle imprese, inserendo una riga nel decreto PNRR 2 per dire che i committenti non sono più responsabili. A portarla in luce, l’eccesso di deferenza del capo di Assologistica, Umberto Ruggerone, che in una nota ringrazia il deputato di Forza Italia Nazario Pagano, che ha proposto la modifica, ed i ministri Giorgetti e Cartabia per l’azione che ha portato al sì del governo. Da ora i lavoratori di una cooperativa o una ditta rimasti senza salario, contributi o risarcimenti magari per un incidente sul lavoro, non potranno più rivalersi sul committente finale, cioè chi lucra da questa situazione. Da 2 anni Assologistica faceva lobbyng per approvare questa norma. Divenuta realtà grazie al governo dei Migliori, nella disattenzione o nella complicità della sua maggioranza.
“Una vergogna Parliamo di centinaia di milioni tra salari, straordinari e tredicesime che regolarmente spariscono e che non si potranno più ottenere” denuncia il Si Cobas, il sindacato di base più attivo e radicato nel settore, che annuncia mobilitazioni.

Il Giappone al voto dopo l’assassinio di Shinzo Abe

Le elezioni in Giappone: il partito Liberal Democratico al governo e l’alleato di destra Komeito avranno la maggioranza alla Camera Alta del Parlamento, aumentando i consensi sulla scia emotiva dell’assassinio – venerdì scorso – dell’ex premier Shinzo Abe, leader storico e carismatico dei conservatori.
L’esecutivo guidato dal premier Fumio Kishida dovrebbe ottenere un’ampia maggioranza, mentre la principale forza di opposizione, il Partito costituzionale democratico, è in calo. In crescita anche il Japan Innovation Party, l’altro partito che appoggia una riforma per abbandonare la storica la Costituzione pacifista del paese, che proprio Abe voleva eliminare. Creando forti contrasti con l’altra potenza dell’area, la Cina.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

La curva dei contagi per COVID continua a salire, ma sempre più lenta. Sono circa 80mila i nuovi casi, l’11% in meno di 7 giorni fa. 44 i morti. Tornano a risalire i posti letto occupati in terapia intensiva, più 6 dopo il calo di ieri, resta sostenuto l’ingresso nei reparti ordinari, 180 in più i posti letto occupati. Gli attualmente positivi ufficiali hanno superato il milione e trecentomila.
In due diverse interviste sui quotidiani di oggi, i vertici della sanità italiana
si schierano contro le ipotesi di lasciar correre il virus.
Due interviste in simultanea, con sostanzialmente gli stessi contenuti, dopo una settimana in cui – non è la prima volta – nel dibattito pubblico si è sentito tutto ed il contrario di tutto, far circolare il virus o non farlo circolare, con pareri autorevoli di segno diverso. Senza allarmismi Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità, e Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, sostengono che in questa situazione epidemiologica non sia il caso di ipotizzare di far circolare liberamente il virus, perché per quanto Omicron anche grazie ai vaccini sviluppi meno la malattia grave, è sbagliato minimizzarne i rischi comparandolo ad un’influenza. Si appellano alla responsabilità dei medici a fornire informazioni corrette e invitano i fragili alla quarta dose. Ma quanti la faranno, con questa confusione, e dopo mesi di rompete le righe sulla campagna vaccinale, gli hub che dovranno riaprire, il nuovo vaccino in autunno? Per quanto in rallentamento, ed a breve in discesa, l’ondata estiva con questi numeri lascerà una circolazione significativa in vista dell’autunno, ed il richiamo di Locatelli e Brusaferro sembra indirizzato anche alla politica che dovrà decidere cosa fare, sulle mascherine, ma soprattutto sugli asintomatici positivi, per cui una parte della politica chiede la fine dell’isolamento. E governo e regioni dovranno prendere decisioni già ora, visto che che a ore arriverà il via libera dell’agenzia del farmaco alla quarta dose per tutti gli over 60.

https://twitter.com/MinisteroSalute/status/1546168701883490307

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 29/02 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 29-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 29/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 29-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 29/02/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 29-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 29/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 29-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 29/02/2024

    (107 - 489) Dove c'è un problema di portieri per la nazionale di calcio di San Marino. Poi c'è un ministro del'Interno Piantedosi che racconta, a suo modo, quello che è successo a Firenze e Pisa con le cariche della polizia sugli studenti. Chiudiamo con il 29 febbraio che è una scadenza importante. Quale? Ascolta il podcast e lo scoprirai.

    Muoviti muoviti - 29-02-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 29/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 29-02-2024

  • PlayStop

    Jack di giovedì 29/02/2024

    Ospiti della puntata gli Action Shelley per presentare il loro disco omonimo con intervista e mini live

    Jack - 29-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 29/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Luca Palazzolo, ricercatore università degli Studi di Milano e Michele Salvan, dottorando in biologia università di Torino per parlare del progetto Biogro, con il parco delle Groane, 3Bee sulla biodiversità e gli impollinatori, di Lipu Cesano Maderno, ma anche di CAI e di condanna del Laricidio per la pista da bob a Cortina d'Ampezzo e scopriamo che Luca voleva essere un Proteo e Michele un Capibara

    Considera l’armadillo - 29-02-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 29/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 29-02-2024

  • PlayStop

    Scuole occupate, parlano gli studenti

    In studio Filippo e Alessandro studenti del Liceo scientifico Bottoni, intervista di Luca Parena a Giulia, studentessa dell’Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo

    Clip - 29-02-2024

  • PlayStop

    ABNE ep.7 - Le basi della coesione

    Qual è la situazione dell'Italia nel processo di transizione verso la neutralità climatica? Parliamo delle sfide che il nostro paese deve affrontare soprattutto nel territorio sardo del Sulcis e di quali mezzi l'Europa mette a disposizione tramite il fondo per una transizione giusta facente parte delle politiche di coesione dell'Unione Europea nell'intervento di Matteo Scannavini di Slow News.

    Clip - 29-02-2024

  • PlayStop

    Cult di giovedì 29/02/2024

    Oggi a Cult: Nicola Lagioia, autore del romanzo, Michele Altamura e Gabriele Paolocà, parlano di "La ferocia", divenuto uno spettacolo e in scena al Teatro Fontana; la mostra "Spazio allo spazio" a cura dei dipartimenti di Architettura e Aerospaziale del Politecnico di Milano; il compositore Filippo Del Corno su "Allegro", composizione eseguita dal giovane quartetto EOS nell'ambito della rassegna "Giovine Italia" a Villa Necchi Campiglio; la rubrica di lirica con Giovanni Chiodi...

    Cult - 29-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 29/02/2024

    Che cos'è il greenwashing? E’ una “presa in giro” da parte delle aziende che lo praticano nei confronti di tutti gli interlocutori delle aziende stesse, i cosiddetti stakeholder (fornitori, clienti, dipendenti, amministratori pubblici, comunità locali). In pratica il greenwashing è un’attività elusiva degli obblighi normativi o etici in materia di sostenibilità ambientale. Chi lo pratica si dà una riverniciata “green”, ci racconta quanto è “sostenibile” la propria attività, ma nei fatti continua a compiere azioni inquinanti come sempre. Elena Gerebizza, esperta di energia, tra le fondatrici dell’associazione ReCommon, ci racconta il caso Snam (https://www.recommon.org/il-greenwashing-di-snam-il-caso-arbolia/). Ospite della puntata di Pubblica anche il presidente di Adiconsum Carlo De Masi per una denuncia ad Arera che riguarda il caro bollette.

    Pubblica - 29-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 29/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 29-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 29/02/2024

    GUERRA A GAZA, AGGIORNAMENTI, ANALISI E COMMENTI con Anna Momigliano corrispondente dall’Italia di Haaretz e Paolo Pezzati portavoce per le emergenze umanitarie di Oxfam Italia: allarme catastrofe a Gaza. Intervista di Sara Milanese - FRANCIA-GERMANIA, RAPPORTI TESI A CAUSA DELLA GUERRA IN UCRAINA da Parigi Francesco Giorgini e da Berlino Walter Rahue - LA MAGGIORANZA “MINACCIA” TEST PSICOATTITUDINALI PER I MAGISTRATI il commento di Giuseppe Santalucia presidente dell’ ANM. Intervista di Mattia Guastafierro - SCUOLE OCCUPATE, PARLANO GLI STUDENTI In studio Filippo e Alessandro studenti del Liceo scientifico Bottoni, intervista di Luca Parena a Giulia, studentessa dell’Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 29-02-2024

Adesso in diretta