Approfondimenti

Quella campagna così sfibrante per il Paese

La posta in gioco è molta alta, la riforma della Costituzione, ma sette mesi e più di campagna referendaria non sono pochi per un Paese come l’Italia che naviga in cattive acque.

Ventotto settimane, quelle che dividono il 2 maggio, il giorno in cui Matteo Renzi diede vita ai comitati referendari a Firenze, dal 4 dicembre, la data scelta per la consultazione, in cui il mondo politico si è concentrato solo ed esclusivamente sul tema: Renzi perderà o vincerà la sua scommessa?

Sette mesi di una campagna dall’andamento politicamente ed emotivamente altalenante. Iniziata con la bomba renziana (“Se perdo, lascio la politica”), proseguita con la presa di posizione dell’Anpi a favore del No e con i conseguenti attacchi del ministro Maria Elena Boschi (“I veri partigiani voteranno Sì”), continuata con il voto amministrativo di giugno (un pre-referendum sul presidente del Consiglio), questa campagna ha mutato d’umore quando Renzi si è reso conto dell’errore che aveva fatto personalizzandola così tanto.

Improvvisamente i toni sono diventati più soft (almeno nella forma), mentre nella sostanza, nulla è cambiato: i due schieramenti hanno continuato ventre a terra a fare propaganda per il Sì o per il No. Matteo Renzi si è preso la tv pubblica per spiegare al Paese la bontà della sua riforma. Gli altri, gli oppositori, si sono adeguati e hanno usato i mezzi a loro disposizione. Qualcuno possiede una corazzata mediatica (Forza Italia e la Lega). Qualcuno, chi sta a sinistra, si è dovuto arrangiare.

Molti hanno speso del tempo per spiegare nel merito le ragioni della loro posizione (come ha fatto Carlo Smuraglia nel confronto alla Festa dell’Unità di Bologna). Per lo più, però, il tema è stato il destino di Matteo Renzi.

Nelle ultime venti settimane, la principale attività del presidente del Consiglio è stata quella di convincere gli italiani a votare Sì. Di conseguenza, anche il lavoro del governo ne ha risentito. Non si ricordano grandi provvedimenti varati dall’esecutivo negli ultimi mesi. Anche il parlamento, complice il periodo estivo, si è sostanzialmente fermato dopo l’approvazione delle unioni civili.

In un primo tempo, il referendum avrebbe dovuto tenersi in ottobre. Poi è slittato a novembre. Infine, Matteo Renzi ha scelto la data ultima possibile: il 4 dicembre. Significa che ha bisogno di tempo per mobilitare il suo elettorato. Per adesso, infatti, nei sondaggi sembra prevalere il No.

La posta in gioco è molta alta, la riforma della Costituzione, ma sette mesi e più di campagna referendaria non sono pochi per un Paese come l’Italia che naviga in cattive acque. Sembrano non esistere altre priorità, mentre le priorità (la situazione economica) ci sarebbero e dovrebbero essere affrontate. La sensazione di stanchezza tra gli elettori è sempre più diffusa per un campagna troppo lunga, troppo chiassosa e troppo incentrata sul destino di una persona.

 

  • Autore articolo
    Michele Migone
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 22/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 22/05/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 22/05/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 22/05/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 22/05/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 22/05/2022

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 22/05/2022

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 22/05/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 22/05/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 22/05/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 22/05/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 22/05/2022

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 22/05/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 22/05/2022

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 22/05/2022

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle…

    Comizi d’amore - 22/05/2022

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 22/05/2022

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 22/05/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 22/05/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 22/05/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 22/05/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 22/05/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 22/05/2022

    30 anni fa, 30 anni dopo, la strage di Capaci. Cosa sappiamo realmente del perché c'è stata? Cosa sappiamo di…

    Va Pensiero - 22/05/2022

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 22/05/2022

    Scaletta: 1. Pyotr Ilyich Tchaikovsky - Souvenir de Florence, Op. 70: II. Adagio cantabile e con moto (Jascha Heifetz, Gregor…

    Apertura musicale classica - 22/05/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 21/05/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 22/05/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 21/05/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 22/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 21/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 22/05/2022

  • PlayStop

    Avenida Brasil di sabato 21/05/2022

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest;…

    Avenida Brasil - 22/05/2022

  • PlayStop

    Speciale Musica di Chris Cornell

    a cura di Niccolò Vecchia

    Gli speciali - 22/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 21/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 22/05/2022

  • PlayStop

    Pop Up Live di sabato 21/05/2022

    PopUp Live! Alberto Nigro e Andrea Frateff-Gianni – storici conduttori di PopUp – daranno vita a una trasmissione itinerante con…

    Pop Up Live - 22/05/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 21/05/2022

    - GALLERIE D'ITALIA si espande. Oggi si apre un nuovo museo a Napoli e una ha aperto a Torino con…

    I girasoli - 22/05/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 21/05/2022

    Daniele Sanzone degli A67 ci racconta come è nato #Jastemmma, il loro nuovo lavoro (una decina di canzoni che hanno…

    Stay human - 22/05/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 21/05/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 22/05/2022

Adesso in diretta