Approfondimenti

Il 7,6% degli italiani è povero

Se per poveri si intendono coloro che non hanno le risorse per vivere in maniera minimamente accettabile, questa fascia di popolazione – dall’inizio della crisi economica – è aumentata in Italia in modo esponenziale. Da un milione e 800mila persone nel 2007 si è passati a 4 milioni e 600mila nel 2015, il 7,6 per cento dell’intera popolazione.

Sono i dati del rapporto della Caritas sulla povertà in Italia che disegna un quadro di difficoltà economiche e di disagio sociale che attraversa tutti i settori della società. Questo è il dato più allarmante dell’intero rapporto. La povertà non colpisce solo il Sud, solo le famiglie di anziani o con molti figli, o con disoccupati, ma anche settori meno vulnerabili: famiglie del Centro Nord, con uno o due figli soltanto; famiglie giovani e con persone che hanno un lavoro ma evidentemente con un reddito così basso da non riuscire a vivere in maniera accettabile.

La Caritas chiede che ci sia un intervento strutturale del governo: “L’Italia – scrive nel rapporto – è l’unico Paese con la Grecia che non ha misure nazionali universalistiche contro la povertà assoluta“, ossia l’indigenza vera e propria, per arrivare a uno standard – lo definisce l’Istat – minimamente accettabile, legato all’alimentazione, alla cura della persona, intesa come spese per curarsi dalle malattie, e per l’affitto di una casa. Condizioni minime per una famiglia, che quindi in questi anni sono scese di livello.

La Caritas riconosce che alcune misure nelle ultime leggi di stabilità sono state prese, con il reddito di inclusione che comprende anche la disoccupazione prevista dalla Legge Fornero. Un piano che arriverebbe a due miliardi di euro ma che coprirebbe, secondo la Caritas, solo il 35 per cento della popolazione coinvolta in questa fascia di povertà.

Al Senato deve essere approvato in via definitiva nelle prossime settimane il disegno di legge povertà, misure che il governo definisce come “reddito di inclusione”, ma che per l’opposizione dei Cinque stelle non equivale al reddito di cittadinanza che hanno sempre richiesto.

Sono stati stanziati 600 milioni per il 2016 e un miliardo per il 2017-2018. L’obiettivo è di arrivare a un sostegno strutturale per un milione di persone, ma condizionato alla prova di indigenza attraverso l’Isee e alla partecipazione a un percorso personalizzato di inclusione sociale e lavorativa.

L’importo dovrebbe essere riconosciuto anche agli stranieri che risiedono in Italia da almeno un paio d’anni. La precedenza andrà alle categorie più svantaggiate: famiglie con disabili gravi o disoccupati con più di 55 anni di età. L’importo dovrebbe arrivare a 400 euro mensili per famiglia, una cifra e una platea che per la Caritas non sono ancora sufficienti.

  • Autore articolo
    Anna Bredice
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sab 24/10/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 24/10/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 23/10/20 delle 19:49

    Metroregione di ven 23/10/20 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 24/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Pop Up di sab 24/10/20

    Pop Up di sab 24/10/20

    Pop Up Live - 24/10/2020

  • PlayStop

    Sidecar di sab 24/10/20

    Sidecar di sab 24/10/20

    Sidecar - 24/10/2020

  • PlayStop

    I Girasoli di sab 24/10/20

    I Girasoli di sab 24/10/20

    I girasoli - 24/10/2020

  • PlayStop

    Sabato Libri di sab 24/10/20

    Sabato Libri di sab 24/10/20

    Sabato libri - 24/10/2020

  • PlayStop

    Microfono aperto di sab 24/10/20

    Microfono aperto di sab 24/10/20

    Microfono aperto - 24/10/2020

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 24/10/20

    Mash-Up di sab 24/10/20

    Mash-Up - 24/10/2020

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 23/10/20

    Doppia Acca di ven 23/10/20

    Doppia Acca - 24/10/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di ven 23/10/20

    con Andrea Cegna. - punto quotidiano con metro..- Giacomo Panzeri da Roma, da una delle piazze della movida chiuse dalla…

    A casa con voi - 24/10/2020

  • PlayStop

    Esteri di ven 23/10/20

    1-Covid e disuguaglianze: In Francia il virus circola di più nelle zone in cui la popolazione è precaria. Il caso…

    Esteri - 24/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 23/10/20

    Ora di punta di ven 23/10/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 24/10/2020

  • PlayStop

    Follow Friday di ven 23/10/20

    Follow Friday di ven 23/10/20

    Follow Friday - 24/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di ven 23/10/20

    IPod, Lenny Kravitz, Britney Spears, Mtv EMA, Nuove Uscite, Lily Allen, Spandau Ballet

    Stay human - 24/10/2020

  • PlayStop

    1D2 - 23/10/20: TELEGRAM E FOTO (FINTE) DI NUDO

    telegram, bot, deepfake, deepnude, Marco Schiaffino, revenge porn, Andrea Bellati, Nasa, notizia..Covidnebici, che cosa ne bici, Bam, Paola Piacentini, Giorgia…

    1D2 - 24/10/2020

  • PlayStop

    Jack di ven 23/10/20

    Intervista a Luciano Linzi per Jazzmi 2020

    Jack - 24/10/2020

  • PlayStop

    Memos di ven 23/10/20

    Salute ed economia si possono tenere insieme nell’era della pandemia da Covid-19? E’ possibile tutelare la salute senza stravolgere il…

    Memos - 24/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo ven 23/10/20

    Considera l'armadillo ven 23/10/20

    Considera l’armadillo - 24/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di ven 23/10/20

    Stay Human di ven 23/10/20

    Stay human - 24/10/2020

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 23/10/20

    Con Gilda Amorosi, Responsabile delle Politiche per energia, clima e sostenibilità presso Eurelectric, parliamo dello studio recentemente pubblicato sugli aspetti…

    C’è luce - 24/10/2020

Adesso in diretta