Approfondimenti

Qatar, a un anno dai mondiali di calcio nessun progresso sui diritti dei lavoratori migranti

Qatar cantiere stadio

Più di sette nuovi stadi, un nuovo aeroporto, strade, sistemi di trasporto pubblico, alberghi e una nuova città. Il Qatar si sta preparando da 10 anni per i mondiali di calcio del 2022. Ormai mancano solo 12 mesi e il paese vuole essere scintillante. Così scintillante che per realizzare questi progetti ambiziosi, migliaia di lavoratori sono morti. Altri due milioni di persone, principalmente migranti, lavorano nei tantissimi cantieri qatarioti, con condizioni lavorative insostenibili. A settembre 2020, era stata approvata una riforma molto attesa, che avrebbe dovuto migliorare la vita dei lavoratori e avrebbe dovuto assicurare loro alcuni diritti fondamentali. Una riforma che era stata definita una pietra miliare e che era stata accolta con grande entusiasmo dalla comunità internazionale. Oggi, a poco più di un anno dall’entrata in vigore delle nuove leggi, Amnesty International ha pubblicato un rapporto che dice sostanzialmente una cosa: non è cambiato niente.

Per capire di cosa stiamo parlando, bisogna partire da una parola: Kafala. E’ difficile tradurla, ma potrebbe essere intesa come “Garanzia”. E’ un sistema di sponsorizzazione del lavoro migrante, che però – di fatto – lega il lavoratore al suo datore di lavoro, al punto che non può cambiare lavoro o lasciare il paese senza il suo permesso. Le leggi di cui parlavamo prima avrebbero dovuto eliminare questo aspetto, permettendo ai lavoratori di poter scegliere liberamente quando interrompere un contratto. I lavoratori raccontano che inizialmente, subito dopo l’emanazione delle nuove leggi, le cose sembravano andare meglio, ma dopo poco è tutto ripiombato nelle stesse dinamiche di prima.

Un lavoratore migrante, citato nel rapporto di Amnesty, racconta che effettivamente sulla carta le cose sono cambiate, ma che basta entrare in un cantiere e parlare con i lavoratori per capire che le cose non sono migliorate. Ad esempio, la riforma avrebbe teoricamente eliminato l’obbligo del cosiddetto NOC, ovvero un certificato di non-obiezione che il lavoratore è tenuto a presentare prima di iniziare un’altra occupazione, e che deve ottenere dal precedente datore di lavoro.
Sulla carta quindi questo obbligo non c’è più, ma i datori di lavoro riescono ancora a bloccare i trasferimenti dei lavoratori e a tenerli sotto controllo, chiedendo ad esempio somme esorbitanti – in alcuni casi, cinque volte superiori al salario mensile – per concedere il nulla-osta.

Aisha, una lavoratrice filippina contattata da Amnesty, ha raccontato di essere stata minacciata dal suo datore di lavoro dopo essersi rifiutata di firmare un nuovo contratto con lui e aver chiesto di poter cambiare lavoro. Le è stato chiesto di pagare 6mila Ryail di Qatar per poter avere il suo nulla-osta o altrimenti sarebbe stata rimandata nel suo paese. “Tutta questa situazione colpisce me e la mia famiglia, perché sono io che spedisco i soldi a casa e quindi non è facile per me gestire questa situazione. Ogni tanto vorrei non alzarmi più al mattino”, racconta Aisha. E il suo è solo uno dei tantissimi casi raccolti da Amnesty, a dimostrazione del fatto che la Kafala è più forte di qualunque cosa, anche delle leggi statali. A questo si aggiunge poi una quasi totale mancanza di controlli sulle aziende private che assumono questi lavoratori, pagandoli pochissimo e – di fatto – avendo un controllo quasi totale sulle loro vite.

Manca un anno ai mondiali in Qatar e nulla è cambiato. Il paese accoglierà il mondo del calcio nella sua veste nuova e scintillante, ma a quale prezzo?

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Pin the map di mercoledì 17/08/2022

    Una cartina, uno spillo e 50 minuti di musica per passare da un paese all'altro ascoltando brani da tutto questo…

    Pin the map - 18/08/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 17/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 18/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di mercoledì 17/08/2022 delle 20:59

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 18/08/2022

  • PlayStop

    Popsera di mercoledì 17/08/2022

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione nella prima serata per tutta l’estate. Si comincia alle 18.35 con le notizie…

    Popsera - 18/08/2022

  • PlayStop

    Poverly Planet - BRUXELLES

    Art Nouveau, moule frites e birrette artigianali, a Bruxelles con Davide

    Poveri ma belli - 18/08/2022

  • PlayStop

    La Portiera di mercoledì 17/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 18/08/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti Live

    Lo show della trasmissione del tardo pomeriggio. Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon vi accompagneranno nella spettacolare giornata del…

    All you need is pop 2022 - 18/08/2022

  • PlayStop

    Cerno: "Letta va al disastro, Renzi alla destra"

    Il PD, l'ex rottamatore, Calenda e Meloni: intervista a ruota libera del senatore uscente

    Clip - 18/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di mercoledì 17/08/2022 delle 15:36

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 18/08/2022

  • PlayStop

    Puntata 3 - Independence Day/Foto di mio padre da giovane a ventidue anni

    B. Springsteen, Darkness on the Edge of Town, Independence Day, My Father’s House (Ben Harper) B. Eno, Ambient 1, Music…

    American Life - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ministri

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Ministri

    Jack - 18/08/2022

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di mercoledì 17/08/2022

    quando dall'alto della nostra sportività Olimpionica ci dedichiamo al commento degli Europei di atletica, poi raggiungiamo Davide in smart working…

    Poveri ma belli - 17/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Franz Ferdinand

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Franz Ferdinand

    Jack - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack Meets: Giovanni Truppi

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Giovanni Truppi

    Jack - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Alt-J

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Alt-J

    Jack - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Litfiba

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Litfiba

    Jack - 18/08/2022

  • PlayStop

    Not an ordinary Joe di mercoledì 17/08/2022

    Il 21 agosto di quest’anno Joe Strummer avrebbe compiuto 70 anni. Ma se n’è andato di colpo il dicembre di…

    Not an ordinary Joe - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Cimafunk

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Cimafunk

    Jack - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Carmen Consoli

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Carmen Consoli

    Jack - 17/08/2022

  • PlayStop

    La Scatola Magica di mercoledì 17/08/2022

    La scatola magica? una radio? una testa? un cuore? un baule? questo e altro, un'ora di raccolta di pensieri, parole,…

    La Scatola Magica - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Mario Venuti

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Mario Venuti

    Jack - 17/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Mannarino

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Mannarino

    Jack - 17/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Fast Animals and Slow Kids

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Fast Animals and Slow Kids

    Jack - 17/08/2022

Adesso in diretta