Approfondimenti

Prodi ha detto Sì. Sposterà voti?

Incassato il sì di Prodi, anche se espresso con poco entusiasmo e qualche perplessità, ma comunque un sì, ora a Palazzo Chigi si cerca di capire quanto l’annuncio di Prodi possa spostare a favore di una vittoria del sì, e che tipo di elettori potrà convincere.

A vedere le reazioni di soddisfazione di Renzi e lo stupore invece della cosiddetta “ditta” che non si aspettava un annuncio ufficiale, si capisce che la dichiarazione del fondatore dell’Ulivo ha la possibilità di convincere i dubbiosi, gli affezionati all’idea originaria che portò alla nascita del Partito Democratico, un marchio di appartenenza che la stessa minoranza ora pensava di poter rappresentare, di fare proprio, rispetto ad un partito che è diventato ad immagine renziana.

Prodi ha affidato il sì, benché sofferto, a una nota. Non è chiaro se la volontà fino a qualche giorno fa di restare in silenzio, sia cambiata per sua convinzione o per un possibile pressing affinché rendesse pubblico il suo voto. Dichiara che la riforma manca di profondità e di chiarezza, ma che il referendum si è anche trasformato in una rissa che ha trasmesso un senso di debolezza che può risultare dannoso. Per questo si espone, sperando che il voto a favore  possa rafforzare le regole democratiche, unite anche ad necessaria riforma della legge elettorale.

Ma se c’è un legame che Prodi vede tra la sua storia e quella di Renzi è nella volontà riformatrice, e nella sua nota ricorda che l’Ulivo era stato una sfida a superare le vecchie impostazioni partitiche nonostante i cambiamenti epocali in corso. Un progetto che, con amarezza, ricorda quanto sia stato affondato da chi poi lo ha negato o strumentalizzato. C’è amarezza, c’è uno sguardo distaccato sugli eventi di oggi, c’è anche la conferma di ferite non rimarginate, come è stata la fine del suo governo e il tradimento dei 101.

Ma è un Prodi a cui sembra stare più a cuore la presunta stabilità dell’Italia negli assetti europei, per lui che ha avuto un ruolo importante nelle istituzioni europee, piuttosto che l’ignoto che a suo modo di vedere potrebbe aprirsi con la vittoria del no.

Da adesso fino a domenica i sondaggisti e i partiti dovranno valutare quanto questo annuncio potrà spostare dentro al Pd, ma anche nel centrodestra.

  • Autore articolo
    Anna Bredice
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 02/12/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 12/02/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 02/12/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 12/02/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 02/12/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12/02/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 02/12/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 12/02/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 02/12/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 12/02/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 02/12/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 12/02/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 02/12/2022

    1-Ucraina. La Russia chiede ai membri della nato di riconoscere i territori annessi prima dei colloqui pace. Ma la partita…

    Esteri - 12/02/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 02/12/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 12/02/2022

  • PlayStop

    Il negozio online etico

    Con Gabriele Conti, Astrid Serughetti e Simona Romaniello

    Di tutto un boh - 12/02/2022

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 02/12/2022

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana,…

    Jack Box - 12/02/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 02/12/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 12/02/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 02/12/2022

    Ospite Barbara Capponi in arte Babas a parlare del suo libro Come addomesticare un umano, illustrato da Andrea Ferolla, prefazione…

    Considera l’armadillo - 12/02/2022

  • PlayStop

    Dal banco dei formaggi a una cattedra universitaria

    quando andiamo in scena dal Banco di Garabombo con numerosi ospiti e un banco-frigo caseario a dettarci i tempi

    Poveri ma belli - 12/02/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 02/12/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: Marco Baliani parla con Pasolini in „Corpo…

    Cult - 12/02/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 02/12/2022

    Oggi cominciamo con un’intervista speciale su come vengono organizzate le liste d’attesa a Multimedica, un’azienda privata convenzionata con il SS…

    37 e 2 - 12/02/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 02/12/2022

    LA STRAGE DEI CICLISTI Marco Scarponi, fratello del ciclista Michele Scarponi e presidente della fondazione a lui intitolata Claudio Magliulo…

    Prisma - 02/12/2022

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 02/12/2022

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 12/02/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 02/12/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 12/02/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 02/12/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 12/02/2022

Adesso in diretta