Approfondimenti

“Post Expo senza regia”

“Manca una regia chiara di questo progetto”. È un appello al governo quello del rettore dell’Università degli Studi di Milano, Gianluca Vago. Un appello affinché sul post Expo si passi dagli annunci ai fatti.

L’Università è stata tra i primi, esattamente un anno fa, a mettere sul tavolo un progetto per il post Esposizione. “La Statale prenota il dopo Expo: su quell’area la nuova Città Studi” titolava il Corriere della Sera il 4 febbraio 2015. Un progetto ambizioso da 500 milioni di euro e per 18 mila persone tra studenti, docenti e personale tecnico e amministrativo. Una città universitaria in cui accogliere le facoltà scientifiche oggi a Città Studi e con a fianco il polo tecnologico di Assolombarda.

I mesi passano, tutti rispondono positivamente alla proposta di Vago, il campus universitario sembra piacere sia alla politica sia ai privati. Poi il 10 novembre 2015 arriva a Milano il presidente del consiglio Matteo Renzi e in un discorso dal Piccolo Teatro spariglia le carte: dalle ceneri di Expo nascerà il progetto “Human Tecnopole Italy” con al centro l’Istituto Italiano Tecnologico di Genova di cui nessuno, almeno pubblicamente, aveva sentito parlare fino a un minuto prima. Le università milanesi ci rimangono male ma non fanno polemiche. L’IIT di Genova è un centro di ricerca nato nel 2003 per volontà degli allora ministri Giulio Tremonti e Letizia Moratti ed è finanziato dal governo per 100 milioni l’anno. Secondo una relazione della Corte dei conti del 31 dicembre 2013 ha 430 milioni di fondi non spesi, particolare non secondario in una operazione come quella del post Expo, dove di soldi da spendere ne servono molti.

A mesi di distanza continuano a mancare una regia di governo unica sul progetto e un piano economico per il finanziamento. “Questa necessità c’era un anno fa e c’è oggi –  dice il rettore Gianluca Vago – Non c’è ancora un esplicito riferimento a una struttura di governo, credo sia decisiva la partita sul futuro di Arexpo”. Si torna sempre lì, alla governance di Expo, divisa tra Expo Spa e Arexpo, con tutti i nodi irrisolti ancora da sciogliere a partire dai crediti per 86 milioni di euro che Expo Spa ha chiesto ad Arexpo per bonifiche e infrastrutture del sito. “E’ un tema rilevante perché avere interlocutore chiaro è decisivo nel proseguimento dei lavori di studio e fattibilità dei singoli pezzi dell’area e poi per lavorare sul masterplan complessivo dell’area stessa” spiega Vago. Non sapete con chi parlare tra Expo, Arexpo e governo? “C’è una cabina di regia con rappresentanti Regione, Comune e il ministro Martina, ma ha un mandato transitorio”. Quando Vago parla di regia unica non pensa necessariamente a un commissario come è stato Giuseppe Sala, “può anche essere la società Arexpo ma va trasformato il suo mandato in soggetto esecutore unico con cui parlare. E’ un passaggio organizzativo decisivo”.

Gianluca Vago 1

La proposta del campus rimane sostanzialmente la stessa, l’annuncio di Renzi e l’ingresso dell’IIT di Genova hanno però ridefinito il perimetro del piano della Statale. “Consideriamo positivo l’impulso dato da Renzi” dice Gianluca Vago. Serviranno meno dei 200mila mq previsti all’inizio, ma il campus, nell’idea di Vago, resta da 16.500 studenti, circa 20.000 persone in tutto sommati i docenti, i ricercatori e il personale tecnico.

Gianluca Vago 2

Nei prossimi giorni si dovrebbe capire innanzitutto come il Governo vuole entrare in Arexpo. Si parla del 40%, ma il nodo resta quello del bilancio Expo, su cui pesano le incertezze dei crediti, e come finanziare l’operazione. Qui entra in gioco Cassa Depositi e Prestiti, di cui l’ex commissario Expo Giuseppe Sala è diventato recentemente consigliere nel cda. “Occorre decidere rapidamente se la destinazione è quella legata alla formazione e la ricerca – dichiara Vago – e anche il tema del fast post è delicato: come si integrerà con il polo della ricerca?”.

L’operazione complessiva vale almeno 700 milioni di euro a cui si sommano i 300 del valore dei terreni, da vendere.

La Statale metterà i soldi che metterebbe nella ristrutturazione di Città Studi, circa 200 milioni. Insieme a Cassa Depositi e Prestiti sta rivalutando le aree e gli edifici di via Celoria, ma serve, per finalizzare l’operazione, un forte investimento pubblico del Governo. E al momento siamo ancora alla fase degli annunci.

GIANLUCA VAGO 3

Per il rettore Gianluca Vago i timori di alcuni lavoratori sul rischio di un eccessivo indebitamento dell’Università non ci sono. “È comunque una operazione da fare, se non passa l’idea del campus dobbiamo ristrutturare Città Studi e altre aree vicine a via Celoria, nella stragrande maggioranza in condizioni molto precarie, stabili datati, costruiti oltre cinquant’anni fa. Quei soldi vanno spesi lo stesso – spiega Vago – altrimenti dobbiamo chiudere, e io credo sia più sensato usare questi fondi per generare un nuovo progetto, radicalmente diverso da Città Studi”.

Il tetris del post Expo è appena iniziato.

  • Autore articolo
    Roberto Maggioni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 25/07 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 25/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 25-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 24/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 25/07/2024 delle 14:31

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 25-07-2024

  • PlayStop

    I prodotti low cost, le piattaforme di e-comemrce e le nostre scelte

    Qual è il vero impatto sociale e ambientale dei prodotti a basso costo e delle piattaforme di e-commerce che li vendono a prezzi stracciati? Mattia Guastafierro ne ha parlato con Deborah Lucchetti, portavoce della campagna 'Abiti Puliti'.

    Clip - 25-07-2024

  • PlayStop

    Il Filo della Storia - Walter Albini

    Walter Albini è stato il primo grande stilista italiano, nel ’77 firmava collezioni chiamate “Guerriglia urbana”, ha anticipato anche il genderless. Allora come mai nessuno lo ricorda? A cura di Alba Solaro

    Il Filo della Storia - 25-07-2024

  • PlayStop

    Cult di giovedì 25/07/2024

    Oggi a Cult Estate: Giovanni Chiodi sulla grande lirica; a Crescenzago "Camp Turroni", un progetto pilota sulla sostenibilità e la resilienza al cambiamento climatico; alla Biblioteca Sormani, nell'ambito della stagione estiva del Teatro Menotti, va in scena "Mamma RAI!" della Dual Band, con Beniamino Borciani; Carlo Amleto, celbre comico televisivo, arriva all'Estate Sforzesca con il suo "Scherzo N. 1";

    Cult - 25-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di giovedì 25/07/2024

    A cura di Mattia Guastafierro e Massimo Alberti. Il discorso di Joe Biden con cui il presidente ha spiegato il suo ritiro dalla corsa per la Casa Bianca e la visita di Benjamin Nethanyau negli Stati Uniti - con Roberto Festa. La drammatica situazione umanitaria e sanitaria nella Striscia di Gaza - con Gabriele Bompani, operatore dell'UNRWA da Gerusalemme. Il Pnrr e i conti italiani, tra procedura di infrazione, tagli e aumento delle spese militari - con Gigi Caramia, responsabile nazionale del Pnrr per l’Area Politiche dello sviluppo della Cgil. I prodotti low cost, le piattaforme di e-comemrce e le nostre scelte - con Deborah Lucchetti, portavoce della campagna "Abiti Puliti".

    Giorni Migliori – Intro - 25-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di giovedì 25/07/2024

    a cura di Barbara Sorrentini. A trent' anni dalla morte di Gianmaria Volonté il ricordo della Valigia dell'Attore a La Maddalena. I discorsi di Mattarella e di Netanyahu: trova le differenze. Temptation Island vs Alberto Angela. "Cutro, Calabria, Italia" il documentario di Mimmo Calopresti. Verso PARIGI 2024 e presentazione di Podi Podi con Luca Gattuso.

    Apertura musicale - 25-07-2024

  • PlayStop

    L'Amaro dei fiori di giovedì 25/07/2024

    “L’Amaro dei Fiori” è il salottino a conduzione musicale mista del mercoledì sera, condotto da Giuseppe Fiori, bassista di Rezophonic, Lombroso e molto altro, autore e produttore. Nasce come naturale prosecuzione del filo conduttore teso da “Let’s Spend The Night Together”, il programma andato in onda sulle frequenze di Radio Popolare dal 2016 al 2023. Il sapore è quello dell’amaro del dopocena, naturalmente blues con aromatizzazioni soul, funk, rnr e inevitabilmente pop, il tutto con uno spiccato gusto vintage Vari ospiti e rubriche arricchiscono la ricetta con un sound dal gusto rilassante, come un amaro offerto agli amici prima di andare a letto.

    L’Amaro dei Fiori - 24-07-2024

  • PlayStop

    Blues e dintorni di mercoledì 24/07/2024

    "Blues e dintorni" vuole essere un programma dove il termine blues sta soprattutto a significare musica dell'anima, non necessariamente espressa in dodici battute. Questo vuol dire che ci sarà anche canzone d'autore, dialettale e magari anche elettronica se il principio di fondo verrà rispettato. Insomma musica circolare purchè onesta e genuina che prevede anche ospiti in studio qualora ce ne sia la possibilità. Un'ora di chiacchiere (poche) e musica (tanta) per addentrarci lentamente nella notte. FOTO|  Rodrigo Moraes  from São Paulo, brazil, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

    Blues e dintorni - 24-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 24/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di mercoledì 24/07/2024 delle 20:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 24-07-2024

Adesso in diretta