Approfondimenti

La candidatura di Schlein alla segreteria del PD, la scomparsa di Dominique Lapierre le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di domenica 4 dicembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La candidatura di Elly Schlein alla guida del Partito Democratico; il governo tagliai pochi fondi destinati a piste ciclabili e sicurezza dei ciclisti; in Iran la politica discute sull’abolizione della polizia morale; manifestazione neofascista mascherata da corteo per la pace a Milano: la contromanifestazione degli antifascisti milanesi; è morto a 91 anni lo scrittore e filantropo francese Dominique Lapierre

Elly Schlein si candida alla segreteria del PD

(di Anna Bredice)

Per arrivare alle primarie di febbraio, che si terranno tra i primi due candidati più votati, bisogna passare per le primarie tra gli iscritti e questa è la prova che dovrà superare Elly Schlein, che ha ufficializzato la sua candidatura alla segretaria del partito, tra gli applausi e i canti di Bella ciao. 1500 le persone che secondo lo staff della candidata erano al Monk questa mattina, tanti, al punto che il cortile era pieno di gente che non è riuscita ad entrare. C’era molta attesa per una decisione che era nell’aria. I più presenti erano i simpatizzanti e i militanti, c’erano alcuni parlamentari e pochi per ora i dirigenti del partito. Schlein vuole andare oltre le correnti del partito democratico, superarle e creare un nuovo Pd, che segua senza alcun dubbio una strada a sinistra e che si apra ad altri partiti di sinistra. Magari anche ai Cinque stelle e questa non è sicuro che possa essere una bella notizia per Conte, perché è un ostacolo nel suo progetto di rubare sempre più consensi al Pd, approfittando della sua crisi. Ma per vincere Elly Schlein ha bisogno che tutte quelle aree del partito che hanno la stessa visione e obiettivi guardino a lei e la appoggino, se le correnti più riformiste si coalizzeranno intorno a Stefano Bonaccini e a Dario Nardella che guiderà un gruppo di sindaci, dall’altra parte non si deve correre il rischio di tante candidature, indebolendole tutte. Andrea Orlando, Beppe Provenzano, dovranno appoggiarla oltre a Dario Franceschini ed Enrico Letta che sembrano guardare favorevolmente ad una svolta a sinistra. Cercare consenso nel partito e nello stesso tempo indicare un suo superamento. Solo così potrà arrivare alle primarie di febbraio, a quel punto aperte ai militanti e agli elettori dove il suo consenso è ampio. Ha iniziato a farlo già oggi, criticando fortemente Renzi, “ha creato solo macerie” ha detto, indicando le battaglie da combattere, per il lavoro, contro la precarietà e le diseguaglianze. Per una parità di genere. Da sinistra è più facile combattere le scelte della destra di Giorgia Meloni. Due leadership femminili distanti per idee e storie.

Il governo taglia i pochi fondi destinati allo sviluppo della ciclabili

Per il governo costruire piste ciclabili e mettere in sicurezza le strade urbane per pedoni e biciclette non è una questione strategica. E dunque, come si legge nel testo della manovra che ha appena iniziato il suo iter in parlamento, anche gli scarni fondi varati negli anni scorsi per questi fini sono stati azzerati. Il fondo in questione contava su 94 milioni di euro ancora non assegnati, che saranno dunque dirottati altrove. Proprio in previsione della manovra un gruppo di  associazioni che si occupano di ciclabilità, anche sull’onda dei molti incidenti e gravi delle scorse settimane che hanno coinvolto ciclisti, avevano chiesto uno stanziamento straordinario di 500 milioni. Non sono stati ascoltati e, anzi, il governo ha fatto mancare anche quel poco che c’era. Raffaele di Marcello è il responsabile del centro studi di FIAB-Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta:

Il dibattito interno in Iran sull’abolizione della polizia morale

(di Farian Sabahi)

Fin dalla morte violenta della ventiduenne curda Mahsa Amini i deputati iraniani avevano ipotizzato un ridimensionamento della polizia morale e persino una sua abolizione. 

Il deputato Jalal Rashidi Koochi aveva dichiarato che la polizia morale «non ottiene alcun risultato, se non quello di causare danni all’Iran». 

Il presidente del Parlamento Mohammad Bagher Ghalibaf, già sindaco di Teheran, aveva chiesto che la condotta della polizia morale fosse oggetto di un’inchiesta: per evitare che si ripeta quanto accaduto a Mahsa Amini «i metodi utilizzati da queste pattuglie dovrebbero essere rivisti». 

Ancora più radicale un altro parlamentare, Moeenoddin Saeedi, che intendeva proporre l’abolizione totale della polizia morale e infatti aveva dichiarato: «A causa dell’inefficacia del Gasht-e Ershad nel trasmettere la cultura dell’hijab, questa unità dovrebbe essere abolita, in modo che i bambini di questo Paese non abbiano paura quando vi si imbatteranno».
Ad abolire la buoncostume erano stati anche i sauditi, nel 2016, per dare un’immagine meno austera, ma il regno saudita non era attraversato dalle rivolte in atto oggi nella Repubblica islamica dell’Iran.

La risposta degli antifascisti milanesi alla manifestazione “pacifista” dell’estrema destra

Una manifestazione per la pace e per chiedere il ritiro delle sanzioni alla Russia, ufficialmente. In realtà, una manifestazione neofascista, con Lealtà e Azione tra i promotori. È quella che c’è stata oggi pomeriggio a Milano. C’è stata anche una contromanifestazione antifascista, lanciata dalla rete Milano antirazzista, antifascista meticcia e solidale. Un corteo che da piazza Fontana è arrivato a largo Cairoli. Roberto Giudici fa parte di  Milano antirazzista, antifascista meticcia e solidale:

Addio allo scrittore francese Dominique Lapierre

E’ morto all’età di 91 anni lo scrittore francese Dominique Lapierre, autore di bestseller internazionali come “La città della gioia”, “Parigi brucia?” e “Mezzanotte e cinque a Bhopal”.

Lapierre era nato a Châtelaillon-Plage, un piccolo paese nell’ovest della Francia, nel 1931. Lavorò a lungo anche come giornalista, facendo per 14 anni il corrispondente di Paris Match: durante questo periodo visse anche in India, dove è ambientato il suo romanzo più famoso, La città della gioia.

Nel 1982 Lapierre aveva fondato a Calcutta, in India,   un’ associazione a favore dei bambini affetti di lebbra, alla quale ha devoluto la metà dei suoi diritti d’autore, in favore di scuole e centri per la lotta alla lebbra e alla tubercolosi.

Questa è un brano del suo intervento a Milano durante la presentazione del libro “Gli ultimi saranno i primi”:

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 27/01/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 28/01/2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 27/01/2023 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 28/01/2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 28/01/2023

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 28/01/2023

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 27/01/2023

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 28/01/2023

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 27/01/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 28/01/2023

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/01/2023 - ore 21:00

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 28/01/2023

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/01/2023 - ore 20:01

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 28/01/2023

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 27/01/2023

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 28/01/2023

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 27/01/2023

    (85 - 276) Dove si scopre una nuova disciplina che dubitiamo diventerà olimpica, il bus surfing. Con Alessandro Galluccio del…

    Muoviti muoviti - 28/01/2023

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 27/01/2023

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 28/01/2023

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 27/01/2023

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana,…

    Jack Box - 28/01/2023

  • PlayStop

    Jack di venerdì 27/01/2023

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist…

    Jack - 28/01/2023

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 27/01/2023

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 28/01/2023

  • PlayStop

    C'è da spostare una macchina

    quando ospitiamo il nostro mito assoluto Francesco Salvi e non capiamo più niente

    Poveri ma belli - 28/01/2023

  • PlayStop

    Cult di venerdì 27/01/2023

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica,…

    Cult - 28/01/2023

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 27/01/2023

    Continuiamo la nostra inchiesta sulle RSA; proseguiamo la nostra indagine sulle liste d’attesa; cosa vuol dire essere disabili gravi e…

    37 e 2 - 27/01/2023

  • PlayStop

    GIANNI BARBACETTO - UNA STORIA ITALIANA

    GIANNI BARBACETTO - UNA STORIA ITALIANA - presentato da Lorenza Ghidini

    Note dell’autore - 27/01/2023

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 27/01/2023

    Caso Còspito; libertà di cura, libertà di stampa. I media indipendenti insieme per uno speciale radiofonico Un detenuto anarchico all’ergastolo…

    Prisma - 28/01/2023

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 27/01/2023

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 28/01/2023

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 27/01/2023

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 28/01/2023

Adesso in diretta