Approfondimenti

La candidatura di Schlein alla segreteria del PD, la scomparsa di Dominique Lapierre le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di domenica 4 dicembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La candidatura di Elly Schlein alla guida del Partito Democratico; il governo tagliai pochi fondi destinati a piste ciclabili e sicurezza dei ciclisti; in Iran la politica discute sull’abolizione della polizia morale; manifestazione neofascista mascherata da corteo per la pace a Milano: la contromanifestazione degli antifascisti milanesi; è morto a 91 anni lo scrittore e filantropo francese Dominique Lapierre

Elly Schlein si candida alla segreteria del PD

(di Anna Bredice)

Per arrivare alle primarie di febbraio, che si terranno tra i primi due candidati più votati, bisogna passare per le primarie tra gli iscritti e questa è la prova che dovrà superare Elly Schlein, che ha ufficializzato la sua candidatura alla segretaria del partito, tra gli applausi e i canti di Bella ciao. 1500 le persone che secondo lo staff della candidata erano al Monk questa mattina, tanti, al punto che il cortile era pieno di gente che non è riuscita ad entrare. C’era molta attesa per una decisione che era nell’aria. I più presenti erano i simpatizzanti e i militanti, c’erano alcuni parlamentari e pochi per ora i dirigenti del partito. Schlein vuole andare oltre le correnti del partito democratico, superarle e creare un nuovo Pd, che segua senza alcun dubbio una strada a sinistra e che si apra ad altri partiti di sinistra. Magari anche ai Cinque stelle e questa non è sicuro che possa essere una bella notizia per Conte, perché è un ostacolo nel suo progetto di rubare sempre più consensi al Pd, approfittando della sua crisi. Ma per vincere Elly Schlein ha bisogno che tutte quelle aree del partito che hanno la stessa visione e obiettivi guardino a lei e la appoggino, se le correnti più riformiste si coalizzeranno intorno a Stefano Bonaccini e a Dario Nardella che guiderà un gruppo di sindaci, dall’altra parte non si deve correre il rischio di tante candidature, indebolendole tutte. Andrea Orlando, Beppe Provenzano, dovranno appoggiarla oltre a Dario Franceschini ed Enrico Letta che sembrano guardare favorevolmente ad una svolta a sinistra. Cercare consenso nel partito e nello stesso tempo indicare un suo superamento. Solo così potrà arrivare alle primarie di febbraio, a quel punto aperte ai militanti e agli elettori dove il suo consenso è ampio. Ha iniziato a farlo già oggi, criticando fortemente Renzi, “ha creato solo macerie” ha detto, indicando le battaglie da combattere, per il lavoro, contro la precarietà e le diseguaglianze. Per una parità di genere. Da sinistra è più facile combattere le scelte della destra di Giorgia Meloni. Due leadership femminili distanti per idee e storie.

Il governo taglia i pochi fondi destinati allo sviluppo della ciclabili

Per il governo costruire piste ciclabili e mettere in sicurezza le strade urbane per pedoni e biciclette non è una questione strategica. E dunque, come si legge nel testo della manovra che ha appena iniziato il suo iter in parlamento, anche gli scarni fondi varati negli anni scorsi per questi fini sono stati azzerati. Il fondo in questione contava su 94 milioni di euro ancora non assegnati, che saranno dunque dirottati altrove. Proprio in previsione della manovra un gruppo di  associazioni che si occupano di ciclabilità, anche sull’onda dei molti incidenti e gravi delle scorse settimane che hanno coinvolto ciclisti, avevano chiesto uno stanziamento straordinario di 500 milioni. Non sono stati ascoltati e, anzi, il governo ha fatto mancare anche quel poco che c’era. Raffaele di Marcello è il responsabile del centro studi di FIAB-Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta:

Il dibattito interno in Iran sull’abolizione della polizia morale

(di Farian Sabahi)

Fin dalla morte violenta della ventiduenne curda Mahsa Amini i deputati iraniani avevano ipotizzato un ridimensionamento della polizia morale e persino una sua abolizione. 

Il deputato Jalal Rashidi Koochi aveva dichiarato che la polizia morale «non ottiene alcun risultato, se non quello di causare danni all’Iran». 

Il presidente del Parlamento Mohammad Bagher Ghalibaf, già sindaco di Teheran, aveva chiesto che la condotta della polizia morale fosse oggetto di un’inchiesta: per evitare che si ripeta quanto accaduto a Mahsa Amini «i metodi utilizzati da queste pattuglie dovrebbero essere rivisti». 

Ancora più radicale un altro parlamentare, Moeenoddin Saeedi, che intendeva proporre l’abolizione totale della polizia morale e infatti aveva dichiarato: «A causa dell’inefficacia del Gasht-e Ershad nel trasmettere la cultura dell’hijab, questa unità dovrebbe essere abolita, in modo che i bambini di questo Paese non abbiano paura quando vi si imbatteranno».
Ad abolire la buoncostume erano stati anche i sauditi, nel 2016, per dare un’immagine meno austera, ma il regno saudita non era attraversato dalle rivolte in atto oggi nella Repubblica islamica dell’Iran.

La risposta degli antifascisti milanesi alla manifestazione “pacifista” dell’estrema destra

Una manifestazione per la pace e per chiedere il ritiro delle sanzioni alla Russia, ufficialmente. In realtà, una manifestazione neofascista, con Lealtà e Azione tra i promotori. È quella che c’è stata oggi pomeriggio a Milano. C’è stata anche una contromanifestazione antifascista, lanciata dalla rete Milano antirazzista, antifascista meticcia e solidale. Un corteo che da piazza Fontana è arrivato a largo Cairoli. Roberto Giudici fa parte di  Milano antirazzista, antifascista meticcia e solidale:

Addio allo scrittore francese Dominique Lapierre

E’ morto all’età di 91 anni lo scrittore francese Dominique Lapierre, autore di bestseller internazionali come “La città della gioia”, “Parigi brucia?” e “Mezzanotte e cinque a Bhopal”.

Lapierre era nato a Châtelaillon-Plage, un piccolo paese nell’ovest della Francia, nel 1931. Lavorò a lungo anche come giornalista, facendo per 14 anni il corrispondente di Paris Match: durante questo periodo visse anche in India, dove è ambientato il suo romanzo più famoso, La città della gioia.

Nel 1982 Lapierre aveva fondato a Calcutta, in India,   un’ associazione a favore dei bambini affetti di lebbra, alla quale ha devoluto la metà dei suoi diritti d’autore, in favore di scuole e centri per la lotta alla lebbra e alla tubercolosi.

Questa è un brano del suo intervento a Milano durante la presentazione del libro “Gli ultimi saranno i primi”:

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 26/05 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 26-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 26-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 26/05/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 26-05-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 26/05/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 26-05-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/05/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 26-05-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/05/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 26-05-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 26/05/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 26-05-2024

  • PlayStop

    Delorean di sabato 25/05/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 25-05-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 25/05/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 25-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25-05-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 25/05/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 25/05/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 25-05-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/05/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 25-05-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/05/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 25-05-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 25/05/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 25-05-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 25/05/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 25-05-2024

Adesso in diretta