Approfondimenti

“La volta che colpì dieci traverse su dieci”, Mario Beretta ricorda Maradona

maradona

Mario Beretta, dirigente sportivo ed ex allenatore di squadre come Chievo, Parma e Torino, commenta a Radio Popolare la scomparsa di Diego Armando Maradona, a causa di un arresto cardiaco pochi giorni dopo aver compiuto 60 anni.

L’intervista di Davide Facchini e Luca Gattuso.

Come hai reagito alla notizia della morte di Diego Armando?

Ero in una riunione ed è venuto a dirmelo mio figlio. Francamente sono un po’ sbalordito, anche perché si sapeva di quell’aneurisma che ha avuto, ma si pensava che potesse magari superare anche questa, e invece purtroppo non ce l’ha fatta. Aldilà degli aspetti “pallonari”, al di là degli eccessi che ha avuto, chiaro che dispiace. Era un grandissimo giocatore, è una perdita per tutti, indubbiamente.

Hai frequentato il calcio di alto livello. Hai incrociato persone che hanno vissuto, giocato o allenato con Maradona?

Francamente non ho mai chiesto, ma fondamentalmente perché non volevo mettere in difficoltà la persona che magari non ha voglia di parlarne. Mi ricordo solo di essere andato a vedere una sua rifinitura a Monzello, io allenavo il settore giovanile. Lui non si allenava molto, ma probabilmente non gli serviva neanche, e si mise a metà campo a palleggiare, cominciò a calciare e avrà preso dieci traverse su dieci, che era l’obiettivo, e poi se ne andò. Questo è il mio ricordo diretto: non gli serviva molto ma quando aveva la palla tra i piedi gli era sufficiente quel quarto d’ora.

Quel tipo di calcio non muore oggi, perché non c’è più. Però è crepuscolare questo momento, quello di Maradona era un altro calcio.

Sicuramente, però d’altronde il calcio adesso è cambiato, ci sono altri calciatori. Certo, rivedere certi gol di Maradona è veramente una favola. Dal punto di vista prettamente tecnico non so se adesso se ne vedano ancora così.

Maradona era il migliore perché giocava un calcio dove la tecnica era molto più importante rispetto al fisico. Adesso avrebbe sofferto molto di più.

Anche se devo dire che lui fisicamente era forte. Era piccolino ma aveva una forza nelle gambe che era devastante. C’è anche da dire che probabilmente per come si marca adesso c’è un po’ più di libertà, ma se ben ricordate, anche nei mondiali che vincemmo, qualcuno dei nostri gli aveva fatto un trattamento non molto gentile, vuol dire che aveva delle qualità fisiche non indifferenti. Se si fosse allenato con continuità avrebbe fatto probabilmente anche di più.

Nel mondo di calcio Maradona, con la sua voglia di combattere la FIFA, è stato l’ultimo rivoluzionario nel calcio?

Magari ci sono anche modi sbagliati nel farlo, ma sicuramente era un personaggio che andava anche contro a certe situazioni. Sicuramente era un personaggio in certi frangenti scomodo.

Foto | Wikimedia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 22/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 22/05/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 22/05/2022

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 22/05/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 22/05/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 22/05/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 22/05/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 22/05/2022

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 22/05/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 22/05/2022

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 22/05/2022

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle…

    Comizi d’amore - 22/05/2022

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 22/05/2022

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 22/05/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 22/05/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 22/05/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 22/05/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 22/05/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 22/05/2022

    30 anni fa, 30 anni dopo, la strage di Capaci. Cosa sappiamo realmente del perché c'è stata? Cosa sappiamo di…

    Va Pensiero - 22/05/2022

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 22/05/2022

    Scaletta: 1. Pyotr Ilyich Tchaikovsky - Souvenir de Florence, Op. 70: II. Adagio cantabile e con moto (Jascha Heifetz, Gregor…

    Apertura musicale classica - 22/05/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 21/05/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 22/05/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 21/05/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 22/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 21/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 22/05/2022

  • PlayStop

    Avenida Brasil di sabato 21/05/2022

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest;…

    Avenida Brasil - 22/05/2022

  • PlayStop

    Speciale Musica di Chris Cornell

    a cura di Niccolò Vecchia

    Gli speciali - 22/05/2022

  • PlayStop

    Speciale Musica di Chris Cornell

    a cura di Niccolò Vecchia

    Gli speciali - 22/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 21/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 22/05/2022

  • PlayStop

    Pop Up Live di sabato 21/05/2022

    PopUp Live! Alberto Nigro e Andrea Frateff-Gianni – storici conduttori di PopUp – daranno vita a una trasmissione itinerante con…

    Pop Up Live - 22/05/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 21/05/2022

    - GALLERIE D'ITALIA si espande. Oggi si apre un nuovo museo a Napoli e una ha aperto a Torino con…

    I girasoli - 22/05/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 21/05/2022

    Daniele Sanzone degli A67 ci racconta come è nato #Jastemmma, il loro nuovo lavoro (una decina di canzoni che hanno…

    Stay human - 22/05/2022

Adesso in diretta