Approfondimenti

L’ultima regia di Casalino, Berlusconi prova a riprendersi la scena e le altre notizie della giornata

Draghi Consultazioni

Il racconto della giornata di giovedì 4 febbraio 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il discorso di Giuseppe Conte davanti a Palazzo Chigi e la Lega ancora divisa sull’appoggio a Draghi in attesa del faccia a faccia previsto per sabato mattina. L’associazione italiana di oncologia medica certifica l’impatto catastrofico che la pandemia e il lockdown hanno avuto sul trattamento del cancro. Il Comitato Tecnico Scientifico dà il via libera al protocollo COVID per Sanremo 2021. Sono state ufficializzate le nomination per i Golden Globe 2021. Infine, i dati di oggi sull’andamento dell’epidemia da COVID in Italia.

L’ultima regia di Casalino: il discorso del “tavolino” di Conte

(di Anna Bredice)

È il discorso del “tavolino”, per ricordare quello del predellino, un’altra discesa in campo, questa volta di Conte che rompe gli indugi e annuncia che vuole che nasca il governo di Draghi, “i sabotatori sono altri”, dice, il riferimento è a Renzi, vuole un governo di alto contenuto politico, con la presenza dei partiti, ma lui c’è e lo dice due volte, sia ai Cinque stelle, candidandosi ad essere la guida del Movimento, che alla coalizione, una federazione dei tre partiti che lo hanno sostenuto fino a pochi giorni fa per essere il leader alle prossime elezioni. Un’attenta regia, dietro alla quale c’era il solito Casalino, ha organizzato l’ultimo annuncio a metà tra presidente uscente e prossimo leader politico. Si è fatto portare un tavolino nella piazza, lui con la mascherina e a distanza decine di giornalisti e cameramen assembrati, alle spalle non voleva nessuna immagine di Palazzo Chigi, del resto lo sta per lasciare per continuare però a stare poco lontano. Conte porta con sé quindi una buona parte dei Cinque stelle, che aspettavano la decisione di Conte, contemporaneamente alle sue parole è arrivata anche l’apertura di Di Maio al confronto con Draghi, è chiaro che questa scelta è destinata a lasciare strascichi nel Movimento, ma per ora è prevalente la linea della disponibilità. Il prossimo passo sarà andare alle consultazioni e sentire cosa ha in mente il presidente incaricato sui temi che interessano ai Cinque stelle, a cominciare dal reddito di cittadinanza. Ma la scelta di Conte è chiara, si vedrà se porterà anche ad un suo ingresso nel governo, oppure ad un ruolo di coordinatore da fuori come è stato con Zingaretti, e a proposito del Pd, tirano un sospiro di sollievo, non saranno soli a sostenere l’ex Presidente della Bce, si potrà ricomporre l’ex maggioranza, anche con Leu e sarà anche più facile organizzare insieme la campagna elettorale a cominciare dalle amministrative.

La Lega resta divisa su Draghi, ma gli investimenti pubblici fanno gola a tutti

(di Luigi Ambrosio)

Oggi pomeriggio, dopo una riunione dei dirigenti della Lega, è uscito Giancarlo Giorgetti: “Draghi è un fuoriclasse?“, gli hanno chiesto e lui ha risposto così: “Esatto è come come Ronaldo, non può stare in panchina”.
Da un politico che dice di Draghi “è come Ronaldo non può stare in panchina” ci si aspetta che poi come minimo voti la fiducia al nuovo governo. Essendo il politico in questione il più potente dei leghisti, queste parole dicono di come un pezzo non piccolo dei deputati e dei senatori della Lega siano tormentati, perché vorrebbero votare la fiducia. [CONTINUA A LEGGERE]

Il catastrofico impatto della pandemia sul trattamento del cancro

L’impatto di pandemia e lockdown sul trattamento del cancro è “catastrofico”: lo denuncia la branca europea dell’Organizzazione mondiale della sanità, in occasione della giornata mondiale contro il cancro che si celebra oggi. 
Nel 2020 un terzo degli stati europei ha interrotto parzialmente o completamente i propri servizi oncologici; ci sono state carenze di farmaci antitumorali e anche nei paesi più ricchi le diagnosi sono drasticamente calate. Anche in Italia l’Aiom, l’associazione italiana di oncologia medica, lancia l’allarme per il crollo degli screening .

In Italia nel 2020 sono state stimate 377.000 nuove diagnosi di tumore, circa 6.000 casi in più del 2019. Dall’altro lato, però, almeno 1 paziente su 4, quindi quasi un milione di persone, è tornato ad avere la stessa aspettativa di vita della popolazione generale e può considerarsi guarito.
Risultati importanti, raggiunti grazie alle campagne di prevenzione, che rischiano ora di essere compromessi dalla pandemia.
Nei primi 9 mesi del 2020 sono infatti stati effettuati 2 milioni di screening in meno rispetto all’anno precedente. I ritardi nelle diagnosi precoci, avverte l’Aiom, l’associazione italiana di oncologia, possono causare un maggior numero di diagnosi di cancro in fase avanzata, con conseguente aumento della mortalità.
Se la situazione non cambia, afferma l’Aiom, “diventa concreto il rischio di un maggior numero di diagnosi di cancro in fase avanzata, con conseguente peggioramento della prognosi, aumento della mortalità e delle spese per le cure“. 
Per questo, conclude l’associazione, è necessario riprendere al più presto i programmi di prevenzione.

75 pagine di protocollo COVID per Sanremo 2021

(di Niccolò Vecchia)

Alla Rai hanno avuto bisogno di 75 pagine per mettere nero su bianco il protocollo che permetterà di svolgere il festival di Sanremo, che ha già ricevuto il via libera del Cts. 75 pagine per disciplinare tanto le prove quanto le dirette, fissando regole come l’obbligo di eseguire tamponi ogni 72 ore, le distanze tra gli orchestrali, la blindatura di camerini, sale trucco e parrucco. C’è anche un intero capitolo dedicato al solo Achille Lauro, visto che a quanto pare la sua esibizione sarà la più articolata e affollata. Nella sostanza l’Ariston diventerà un centro di produzione Rai e funzionerà come una delle molte bolle progettate in questi mesi per realizzare prodotti televisivi e cinematografici. Sanremo è dunque salvo, e se la Rai non ha dimostrato doti di sintesi nel redarre questo protocollo, ne dimostra ancor meno nel sancire, nelle stesse 75 pagine, la durata delle cinque puntate: 300 minuti ogni sera, a partire dalle 20.40, inglobando anche lo spazio che viene tradizionalmente occupato dal dopo-festival. 5 ore di festival per 5 giorni: sembra quasi la vendetta di Amadeus per non avergli concesso quel pubblico per cui ha puntato i piedi per diversi giorni…

Chi vincerà i Golden Globes 2021? Tutte le nomination

(di Barbara Sorrentini)

Prima le donne. La pandemia sembra aver portato una novità sulle nuove candidature ai Golden Globe, i premi di cinema e serie tv noti anche come anticamera degli Oscar. 
Tre donne e due uomini in una cinquina non si era mai visto e in questa 78esima edizione corrono per la miglior regia. Lo si diceva già qualche mese fa alla Mostra del Cinema di Venezia che il 2020 appena passato avesse favorito la presenza di donne dietro la macchina da presa. Confermato del Leone d’Oro a Chloe Zhao, con il suo “Nomadland” girato tra i nomadi che vivono nei camper tra le lande desolate degli USA, con l’attrice Frances McDormand. La regista cinese, candidata con lo steso film al Golden Globe è affiancata da Regina King, regista afroamericana di “Un notte a Miami”, ricostruzione della serata in cui Cassius Clay annunciò la sua conversione all’Islam, festeggiando con Malcolm X, Sam Cook e Jim Brown. La terza regista si chiama Emerald Fennell, è nata a Londra e si presenta con “Una donna promettente”, film che dovrebbe uscire a marzo in Italia e che ha come protagonista Carey Mulligan nei panni di una donna, appunto, promettente ma che a un certo punto della sua vita deraglia.
Tre film importanti che se la giocano con altri due successi molto visti su Netflix: uno è “Il processo ai Chicago 7” di Aaron Sorkin, sui sette manifestanti contro la guerra in Vietnam e l’atroce processo mosso contro di loro; l’altro è “Mank” di David Fincher, un pezzo di vita di Herman Mankiewicz, lo sceneggiatore di “Quarto potere”, interpretato da Gary Oldman.
Chi vincerà? Lo sapremo il 28 febbraio 2021.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Sono 13659 i nuovi casi di coronavirus registrati oggi in Italia; il tasso di positività è in leggero aumento, al 5,05%. 422 le morti, che portano il nostro paese a superare la soglia delle 90mila vittime ufficiali per covid da inizio pandemia.
Oggi è stato anche presentato il consueto monitoraggio settimanale della fondazione sanitaria Gimbe: in base ai dati raccolti nella settimana dal 27 gennaio al 2 febbraio i contagi hanno ripreso a salire in 9 Regioni, mentre in 5 cresce il numero dei positivi per 100.000 abitanti. Secondo il Gimbe questi sarebbero i primi segnali di una inversione di tendenza e del fatto che si sono ormai esauriti gli effetti del decreto di Natale.

Le sospette reazioni avverse segnalate per i vaccini Pfizer e Moderna “sono in linea con le informazioni già presenti sul prodotto dei vaccini”. 
Lo rileva il primo rapporto dell’AIFA sulla sorveglianza dei vaccini contro il covid presentato oggi. I dati raccolti e analizzati riguardano le segnalazioni di sospetta reazione avversa registrate tra il 27 dicembre 2020 e il 26 gennaio 2021, per i vaccini in uso nella campagna vaccinale in corso.
Su oltre un milione e mezzo di dosi somministrate, le segnalazioni sono state 7.337, di cui il 92,4% riferite a eventi non gravi, come dolore in sede di iniezione, febbre, stanchezza, dolori muscolari. Il restante 7,6%, classificato come “gravi”, in 3 casi su 4 non è stato richiesto intervento ospedaliero. 
Le analisi condotte sui dati fin qui acquisiti, conclude Aifa, “confermano quindi un buon profilo di sicurezza di questi due vaccini”

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 06/05/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 05/06/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 06/05/21 delle 19:49

    Metroregione di gio 06/05/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 05/06/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 06/05/21

    Ora di punta di gio 06/05/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 05/06/2021

  • PlayStop

    Esteri di gio 06/05/21

    1. Effetto Brexit: navi da guerra nel canale della Manica, non si vedeva dalla seconda guerra mondiale. Il contenzioso sulla…

    Esteri - 05/06/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di gio 06/05/21

    Sunday Blues di gio 06/05/21

    Sunday Blues - 05/06/2021

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia: Daniela Marcone, Lorenzo Sanua e Rosy Tallarita

    Nono incontro del quinto ciclo di “Lezioni di antimafia” ideato dalla Scuola di Formazione “Antonino Caponnetto” e coordinato da Raffaele…

    Lezioni di antimafia - 05/06/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 06/05/21

    Uno di Due di gio 06/05/21

    1D2 - 05/06/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 06/05/21

    Considera l'armadillo gio 06/05/21

    Considera l’armadillo - 05/06/2021

  • PlayStop

    Jack di gio 06/05/21

    Jack di gio 06/05/21

    Jack - 05/06/2021

  • PlayStop

    Stay Human di gio 06/05/21

    Stay Human di gio 06/05/21

    Stay human - 05/06/2021

  • PlayStop

    Memos di gio 06/05/21

    Governare la società del dopo Covid. E’ il titolo di un documento politico scritto da un gruppo di studiosi (economisti,…

    Memos - 05/06/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 06/05/21

    ira rubini, cult, biumor, biennale umorismo 21, tolentino, invidia, hermas ercoli, roberto porroni, san maurizio in musica 21, sorelle, pascal…

    Cult - 05/06/2021

  • PlayStop

    Jennifer Guerra, Il capitale amoroso

    JENNIFER GUERRA - IL CAPITALE AMOROSO - presentato da FLORENCIA DI STEFANO ABICHAIN

    Note dell’autore - 05/06/2021

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 06/05/21

    Sono uscite le linee guida del ministero della salute sulle cure a domicilio, ma non pochi medici hanno pareri differenti:…

    37 e 2 - 05/06/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 06/05/21

    Parliamo della piaga degli incidenti sul lavoro con l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati. Il DDL Zan e la contrarietà di…

    Prisma - 05/06/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 06/05/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 06/05/21

    Rassegna stampa internazionale - 05/06/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 06/05/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 06/05/21

    Il demone del tardi - 05/06/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 06/05/21

    Il risveglio di Popolare Network, l'edicola. La rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: 6 maggio 1940, John Steinbeck…

    Fino alle otto - 05/06/2021

Adesso in diretta