Approfondimenti

L’anno orribile per il diritto all’aborto

Diritto Aborto ANSA

Da alcuni anni e in ogni parte del mondo, i tentativi di controllare i corpi delle donne si stanno facendo sempre più insistenti e diffusi. La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti che ha ribaltato la “Roe v. Wade”, e quindi di fatto negato il riconoscimento a livello federale del diritto all’aborto, è solo il più recente di questi tentativi.

E se appunto gli Stati Uniti, baluardo della democrazia occidentale, hanno permesso a 6 giudici repubblicani di negare la possibilità delle donne di scegliere per se stesse e farlo in modo sicuro, non possiamo dire che nel resto del mondo le cose vadano meglio.

In diversi Paesi, come l’Honduras, il Nicaragua, l’Iran, l’aborto è del tutto proibito. In altri casi, invece, come quello del Giappone, dove a breve dovrebbe venir legalizzata la pillola abortiva ma dove per procedere all’interruzione di gravidanza viene fatta esplicita richiesta del consenso del partner, l’aborto è consentito ma solo per ragioni economiche o sanitarie. Anche in Cina e in India è possibile accedere all’aborto per gravidanze non oltre le 20 settimane e, in casi come lo stupro o l’incesto, le donne possono abortire entro le 24 settimane.

Ma per trovare situazioni analoghe possiamo tranquillamente anche rimanere in Europa, non serve andare lontano. A Malta, per esempio, l’interruzione di gravidanza è vietata senza eccezioni. La storia della turista statunitense Andrea Prudente, a cui è stato proibito in ogni modo di abortire, pur avendo avuto un’emorragia e il distacco della placenta mentre era in vacanza a La Valletta, ha fatto il giro del mondo.

In Polonia, invece, a partire dal 27 gennaio 2021 il tribunale costituzionale ha reso impossibile l’accesso all’aborto in quasi tutte le circostanze, comprese le gravi malformazioni del feto. Per questo anche molte donne ucraine violentate dai soldati russi e fuggite in Polonia, si sono viste negare la possibilità di abortire.

In Italia, nonostante l’aborto sia legalizzato dalla legge 194, l’obiezione di struttura e quella di coscienza non permettono alle donne che vivono in alcune regioni di accedere con facilità all’interruzione di gravidanza. Nel nostro Paese solo il 60% degli ospedali con reparto di ostetricia ha un servizio IVG, mentre sono 31 le strutture sanitarie con il 100% del personale medico che si dichiara obiettore.

La scelta della Corte Suprema degli Stati Uniti avrà un impatto devastante nel Paese, soprattutto sulla vita delle donne che appartengono alle minoranze: per ragioni economiche non potranno intraprendere lunghi viaggi negli Stati, americani e non, dove l’aborto sicuro rimarrà garantito e ricorreranno a metodi alternativi pericolosi, in molti casi mortali. Perché, come sottolineano le attiviste pro-choice e pro-aborto, non si può vietare l’interruzione di gravidanza perché chi ne avrà bisogno proverà sempre ad abortire con qualunque mezzo. Quello che invece viene limitato o vietato è l’accesso all’aborto sicuro.

E quindi la sentenza del 24 giugno potrebbe anche essere determinante per le future decisioni in altri Paesi del mondo che potrebbero fare marcia indietro sul diritto delle donne di scegliere il proprio destino. La lezione che ci insegna quanto sta accadendo è che i diritti conquistati in passato non devono mai essere dati per scontati.

Ci sarà sempre chi vorrà negare alle donne il diritto di abortire, piuttosto che promuovere l’educazione sessuale e affettiva, la contraccezione gratuita, garantire alle donne lavoro e salari dignitosi, proteggere la vita di quante subiscono violenza e che nel mondo muoiono ogni anno. Oggi pretendere che tutte abbiano la forza, i mezzi e il desiderio di portare a termine una gravidanza o crescere un figlio è negare la realtà e se la maternità può essere considerato un dato biologico, essere madre resta e resterà sempre una scelta, che i governi lo vogliano o meno.

di Eleonora Panseri

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 15/08/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 15/08/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    American Life di lunedì 15/08/2022

    Le poesie di Raymond Carver e le canzoni di Bruce Springsteen ci faranno da guida in un emozionante viaggio verso…

    American Life - 15/08/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 15/08/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 15/08/2022

  • PlayStop

    Not an ordinary Joe di lunedì 15/08/2022

    Il 21 agosto di quest’anno Joe Strummer avrebbe compiuto 70 anni. Ma se n’è andato di colpo il dicembre di…

    Not an ordinary Joe - 15/08/2022

  • PlayStop

    La Scatola Magica di lunedì 15/08/2022

    La scatola magica? una radio? una testa? un cuore? un baule? questo e altro, un'ora di raccolta di pensieri, parole,…

    La Scatola Magica - 15/08/2022

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 14/08/2022

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 15/08/2022

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 14/08/2022

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 15/08/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 14/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 15/08/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 14/08/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 15/08/2022

  • PlayStop

    Cosmic di domenica 14/08/2022

    Un titolo che richiama i primi lanci spaziali, vecchi film di fantascienza in bianco e nero, e ingenui giocattoli di…

    Cosmic - 15/08/2022

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 14/08/2022

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 15/08/2022

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 14/08/2022

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro…

    Soulshine - 15/08/2022

  • PlayStop

    Sister di domenica 14/08/2022

    SISTER - in cerca di alleatǝ - è una trasmissione musicale che tratta temi legati al femminismo attraverso la voce…

    Sister - 15/08/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 14/08/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 15/08/2022

  • PlayStop

    Percorsi perVersi di domenica 14 agosto

    Ospite: Andrea De Alberti

    Percorsi PerVersi - 15/08/2022

  • PlayStop

    Walkman di domenica 14/08/2022

    Il decennio della Milano da bere raccontato in dieci puntate, attraverso le classifiche di vendita dei singoli e le storie…

    Walkman – Gli anni 80 su una C-60 - 15/08/2022

  • PlayStop

    Colazione a Pechino

    Siegmund Ginzberg corrispondente dalla Cina dal 1980 al 1987. Dopo averla ripensata e rimuginata a lungo, ha deciso di raccontarla…

    All you need is pop 2022 - 15/08/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 14/08/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 15/08/2022

  • PlayStop

    In carrozza - episodio 6

    Trans Europe express: un treno musicale europeo voci e musiche di: kraftwerk, beatles, becaud, adamo, theodorakis, hadjidakis, anders, anthony, lloyd…

    In carrozza! - 14/08/2022

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 13/08/2022

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 15/08/2022

Adesso in diretta