Approfondimenti

L’aborto in Polonia: intervista all’attivista Marta Lempart

aborto

Marta Lempart è la leader di Ogólnopolski Strajk Kobiet, il movimento che negli ultimi anni ha fatto scendere in piazza centinaia di migliaia di donne polacche in tutto il Paese per protestare contro le decisioni del governo in materia di aborto. Lempart è anche stata una delle prime attiviste ad aver contestato l’ordinanza firmata il 3 giugno dal ministro della salute polacco Adam Niedzielski che autorizza l’inserimento nel database nazionale del ministero di informazioni relative alle gravidanze delle pazienti.

La decisione del ministero creerà una situazione dove l’aborto, che sia spontaneo o procurato, verrà criminalizzato. Questa è la strada che il Governo ha deciso di intraprendere, fingendo di rispettare la direttiva europea sulla digitalizzazione: cambiare la situazione pratica senza cambiare la legge. Stiamo parlando di donne che, dopo aver avuto un aborto spontaneo o dopo aver deciso di abortire saranno, forse non indagate, ma sicuramente interrogate dalla polizia o dalla procura dello Stato. Anche se procurarsi un aborto o andare all’estero per abortire è legale in Polonia. La situazione è davvero molto, molto difficile soprattutto perché il data base nazionale del ministero della salute in Polonia non è sicuro e perché, anche il ministero continua a negarlo, verrà dato sicuramente alla polizia e alla procura.

Per darci un’idea di come funzioni la protezione dei dati sanitari in Polonia, Lempart ha raccontato di essere risultata positiva al Covid nel 2020. La notizia era stata data anche dalla televisione di Stato, prima ancora che Lempart conoscesse l’esito del suo tampone.

Non è legale ma noi non viviamo in uno stato democratico. Ogni database è usato politicamente contro donne, attiviste e attivisti, minoranze. È successo prima e continua a succedere ogni giorno. I dati delle donne che decidono di abortire legalmente nelle cliniche vengono costantemente fatti trapelare alle organizzazioni pro-life e ai media nazionali. E sono gli ospedali che diffondono questi dati ai gruppi di fondamentalisti.

Nel Paese l’aborto è legale nel caso in cui la gravidanza sia un rischio per la salute o la vita della partoriente, così come in caso di stupro o incesto. Fino al 2020, quando la Corte Suprema polacca ha deciso di vietarlo, era consentito anche nel caso in cui il feto mostrasse gravi malformazioni congenite. Questo è quello che stabilisce la legge ma, come ci racconta Lempart, la realtà è ben diversa.

I pubblici ministeri non hanno una scadenza per approvare la documentazione richiesta per avere un aborto in caso di stupro o incesto e spesso lo fanno quando è scaduto il limite di tempo consentito dalla legge. Nel caso in cui vi siano gravi rischi per la salute e la vita della gestante, abbiamo avuto diversi casi in cui queste sono morte perché negli ospedali polacchi il feto è sempre considerato più importante della donna. Interrompere una gravidanza, anche facendolo all’estero, è legale. Aiutare qualcuno ad abortire invece è illegale, ma rischiamo di assistere a un’ondata di persecuzioni contro le donne che hanno aborti spontanei o decidono di abortire, anche se tutto ciò è legale.

Vittime delle restrizioni del governo polacco in materia di aborto sono state anche le donne ucraine che hanno denunciato violenze appena arrivate nel Paese. Anche a loro è stato richiesto di produrre i documenti utili per avere l’autorizzazione a procedere con l’interruzione di gravidanza. Documentazione che, ovviamente, arriva oltre il limite consentito dalla legge per avere accesso all’aborto. Lempart e le altre attiviste però non hanno intenzione di fermarsi. Il fulmine rosso, simbolo delle femministe polacche, continuerà a brillare.

Nonostante tutto, il 22 giugno presenterò una proposta di legge di iniziativa popolare per legalizzare l’aborto in Polonia. Abbiamo raccolto 200.000 firme. Spero che saremo in grado di gestire quello che ci aspetta.

Eleonora Panseri
  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 06/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 05/07/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Radiosveglia di mercoledì 06/07/2022

    La rassegna stampa dei quotidiani in edicola oggi inizia con la politica e le analisi su quel che potrà succedere…

    Radiosveglia - 07/06/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 06/07/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 07/06/2022

  • PlayStop

    Music revolution di martedì 05/07/2022

    La musica è rivoluzione.  A volte perché è stata usata per manifestare un’idea, altre volte perché ha letteralmente scardinato lo…

    Music Revolution - 07/05/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di martedì 05/07/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 07/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 05/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/05/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di martedì 05/07/2022

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 07/05/2022

  • PlayStop

    La Portiera di martedì 05/07/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 07/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 05/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/05/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di martedì 05/07/2022

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 07/05/2022

  • PlayStop

    MIDNIGHT RAMBLERS - Episodio 2

    Tre numeri uno. Proseguendo nel racconto dei primi anni dei Rolling Stones, ci imbattiamo in tre canzoni che arriveranno, una…

    Midnight Ramblers - 07/05/2022

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di martedì 05/07/2022

    quando celebriamo il ritorno del grande Disma, vi facciamo scoprire il mondo portandovi in Kenya e nel frattempo, vi insegniamo…

    Poveri ma belli - 07/05/2022

  • PlayStop

    Cult Estate di martedì 05/07/2022

    Oggi a Cult Estate, il quotidiano culturale estivo di Radio Popolare in onda alle 10.00, il Terzo Segreto di Satira…

    Cult - 07/05/2022

  • PlayStop

    Odara-Caetano Veloso #80 - 2

    Santo Amaro, samba, Maria Bethania

    Odara – Caetano Veloso #80 - 07/05/2022

Adesso in diretta