Approfondimenti

La Terza Repubblica non è finita per i partiti, ma solo per loro.

Draghi Quirinale "terza repubblica"

L’ultima prova di forza di Mario Draghi nei confronti dei partiti è contenuta nel messaggio che ha fatto arrivare alla fine delle consultazioni: saranno lui e Sergio Mattarella a decidere i nomi della squadra. Articolo 92 della Costituzione.

Lo schema ora sembrerebbe chiaro: i ministeri di peso verranno affidati a tecnici. I politici di primo piano non dovrebbero entrare. Le forze politiche saranno rappresentante da seconda fila o da tecnici d’area che verranno scelti da Draghi.

I partiti sono in fibrillazione. Solo nelle ultime ore, a una settimana dall’incarico affidato dal Quirinale, hanno finalmente capito che questo sarà veramente un governo del presidente. Solo ora si sono resi conto che i rapporti di forza sono cambiati. I partiti possono suggerire delle proposte per il programma, votare la fiducia in Parlamento, ma non saranno loro a guidare la macchina.

Paradigmi decennali della politica sono stati sconvolti. In alcune segreterie c’è addirittura il panico. Perché il problema non è tanto la visibilità nell’esecutivo, ma gli equilibri dentro i partiti. La questione è che gli appetiti dei singoli e delle correnti non potranno essere soddisfatte.

Vedremo Luigi Di Maio agli Esteri? Probabilmente no. E tutti gli altri ministri dei 5 Stelle? Tornano a casa. Il PD si aspettava almeno tre poltrone pesanti nel nuovo esecutivo. Rischia di non averne alcuna. Per Zingaretti sarà un problema placare le proteste dei governisti a tutti i costi. E Italia Viva? Aveva due ministri nel Conte 2. Con Draghi è probabile che non tocchi palla. Per Renzi, non è certo un grande risultato. Per Forza Italia e Lega il problema è minore. Silvio Berlusconi avrebbe tentato di piazzare Bertolaso, ma Draghi avrebbe glissato. Al Cavaliere interessano poco le poltrone. L’importante è esserci. Per tutelare le sue aziende. Salvini invece sfrutta l’occasione per rifarsi una verginità politica. Non è obbligatorio avere un ministero per raggiungere l’obiettivo.

La chiamavano Terza Repubblica. Non è ancora finita. Almeno per loro.

  • Autore articolo
    Michele Migone
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 01/07/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 01/07/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

Adesso in diretta