Approfondimenti

Iran e Stati Uniti, chi farà il primo passo sul nucleare?

Hassan Rouhani

La guida suprema dell’Iran, l’Ayatollah Ali Khamenei, ha detto oggi che per quanto riguarda l’accordo sul nucleare si aspetta dall’Occidente fatti e non più promesse. Da tempo i funzionari dell’amministrazione Biden ribadiscono che prima di rientrare nell’intesa del 2015 Teheran dovrà tornare al pieno rispetto di quell’accordo. Lo ha ricordato anche lo stesso presidente una decina di giorni fa. In sostanza iraniani e americani dicono la stessa cosa: chiedono all’altra parte di fare la prima mossa.

Il punto è proprio questo. Chi farà il primo passo? Chi tenderà per primo la mano per evitare che l’opportunità offerta dal cambio di governo negli Stati Uniti svanisca nelgiro di poco tempo? Anche se nessuno lo ammetterà ufficialmente la risposta potrebbe essere quella suggerita a inizio febbraio dal ministro degli esteri iraniano, Zarif: un’operazione congiunta e sincronizzata resa possibile da una mediazione di una terza parte. Zarif ha anche specificato che la mediazione potrebbe essere europea. I paesi europei firmatari dell’accordo di 6 anni fa – Germania, Francia e Gran Bretagna – hanno cercato di mantenere in vita l’intesa anche sotto l’amministrazione Trump. In quel caso senza alcun risultato, ma adesso le cose potrebbero andare diversamente. Certo, il contesto rimane complesso e difficile, però questa volta l’operazione potrebbe riuscire. Anche da qui l’incontro tra europei e americani di questo giovedì a Parigi.

La pandemia ha dato un ulteriore colpo all’economia iraniana, già messa a dura prova dalle sanzioni reintrodotte da Trump tra il 2018 e il 2020 e da un sistema di governo, corruzione compresa, che non funziona. Prima del coronavirus c’erano state anche molte proteste di piazza. Non usuali in un paese dove le libertà sono piuttosto limitate. La crisi economica porterà quindi il regime degli Ayatollah a una certa flessibilità, nonostante le dichiarazioni di facciata, spesso anche a uso interno, come quella che abbiamo citato di Ali Khamenei. In fondo sono anni che le autorità cercano di evitare che la stretta sulla società porti a una sua implosione. Dall’altra parte l’amministrazione Biden ha già fatto capire come non voglia solamente il ritorno all’accordo raggiunto ai tempi di Obama, ma come punti a un’intesa che tenga dentro anche il programma missilistico iraniano e l’influenza di Teheran nella regione. Ma Joe Biden sa bene che prima di tutto sia necessario fermare l’escalation cominciata con l’uscita degli Stati Uniti dall’accordo sul nucleare nel 2018. E sa altrettanto bene come il raggiungimento di questo obiettivo richieda anche a lui flessibilità. Anche perché a giugno in Iran ci saranno le elezioni presidenziali che potrebbero dare più spazio e voce ai conservatori oltranzisti contrari a un nuovo accordo.

Se da entrambe le parti queste valutazioni dovessero prevalere sulle posizioni più rigide il passo successivo sarebbe l’apertura di un dialogo, prima indiretto e poi diretto. E qui si potrebbe inserire l’iniziativa europea, ma non solo. Questa settimana ha visitato Teheran una delegazione del Qatar. Doha ha più o meno risolto, solo da poche settimane, la lunga disputa con gli altri paesi arabi del golfo, compresa l’Arabia Saudita, nemico storico dell’Iran. Bene, tutti questi fatti sono in qualche modo collegati tra loro. Il Qatar potrebbe quindi essere utile al momento di far digerire alle monarchie del Golfo un nuovo riavvicinamento tra Washington e Teheran. Tutto questo richiede che iraniani e americani facciano insieme quel famoso primo passo e che nessuno venga lasciato da solo su strade senza ritorno, come il possibile blocco agli ispettore dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica da parte di
Teheran nei prossimi giorni.

Foto | Hassan Rouhani

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 29/09/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/09/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 29/09/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 29/09/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 29/09/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 29/09/2022

  • PlayStop

    Alessandro Baricco ospite di Ira Rubini

    Lo scrittore Alessandro Baricco, fondatore della Scuola Holden, è stato ospite di Cult e ha parlato del suo ultimo libro…

    Clip - 29/09/2022

  • PlayStop

    Alessandro Baricco ospite di Ira Rubini

    Lo scrittore Alessandro Baricco, fondatore della Scuola Holden, è stato ospite di Cult e ha parlato del suo ultimo libro…

    Clip - 29/09/2022

  • PlayStop

    Cult di giovedì 29/09/2022

    Oggi a Cult: le iniziative commemorative per Martinho Lutero, il premio Cinema Femminile presentato da Gaia Guarducci, Luciano Linzi presenta…

    Cult - 29/09/2022

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 29/09/2022

    Dov’è la vittoria per la sinistra alla sinistra del Pd? I numeri delle elezioni di domenica scorsa indicano che non…

    Pubblica - 29/09/2022

  • PlayStop

    Microfono aperto di giovedì 29/09/2022

    Vita, politica, storie, dibattito, confronto, scontro. La formula: un tema, un conduttore, degli ospiti e voi. Dalla notizia del momento…

    Microfono aperto - 29/09/2022

  • PlayStop

    Germano Maifreda, Immagini contese. Storia politica delle figure dal Rinascimento alla cancel culture

    GERMANO MAIFREDA – IMMAGINI CONTESE. STORIA POLITICA DELLE FIGURE DAL RINASCIMENTO ALLA CANCEL CULTURE – presentato da TIZIANA RICCI

    Note dell’autore - 29/09/2022

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 29/09/2022

    IL VOTO DEL SUD CHE ARGINA MELONI Con Marco Valbruzzi docente di Scienze Politiche all'università Federico II di Napoli e…

    Prisma - 29/09/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di giovedì 29/09/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 29/09/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di giovedì 29/09/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 29/09/2022

  • PlayStop

    Mono di giovedì 29/09/2022

    Elezioni Rap

    Mono - 29/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 28/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/09/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 28/09/2022

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare…

    Il giusto clima - 29/09/2022

  • PlayStop

    Camere Oscure di mercoledì 28/09/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 29/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 28/09/2022

    1-Guerra in Ucraina. Lunedì plenaria della Duma sull’ annessione del Donbass ma l’ultima parola spetta a Putin. La Cina prende…

    Esteri - 29/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 28/09/2022

    1-Guerra in Ucraina. Lunedì plenaria della Duma sull’ annessione del Donbass ma l’ultima parola spetta a Putin. La Cina prende…

    Esteri - 29/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 28/09/2022

    1-Guerra in Ucraina. Lunedì plenaria della Duma sull’ annessione del Donbass ma l’ultima parola spetta a Putin. La Cina prende…

    Esteri - 29/09/2022

Adesso in diretta