Approfondimenti

#IoLoChiedo, la campagna di Amnesty Italia per chiarire il concetto del consenso

  • Play
  • Tratto dal podcast
    Fino alle otto |
Io Lo Chiedo Consenso

La legge italiana considera lo stupro un reato solamente nel caso in cui sussistano elementi di violenza, di minaccia, di inganno o di abuso di autorità. Non viene contemplata la possibilità di un rapporto sessuale senza consenso ed è per questo motivo che Amnesty International Italia ha lanciato la campagna #IoLoChiedo.

Ne abbiamo parlato a Fino Alle Otto con Tina Marinari, coordinatrice campagne per Amnesty International Italia. L’intervista di Sara Milanese.

Cosa chiedete al Ministero della Giustizia con la vostra campagna?

Chiediamo la modifica della legge. Chiediamo che il diritto nazionale si adegui al diritto internazionale e che l’articolo 609 bis del Codice Penale si adegui all’articolo 36 della Convenzione di Istanbul cambiando completamente il punto di vista: ogni volta che bisogna giudicare uno stupro bisogna parlare di consenso della vittima, di chi quella violenza la subisce e chiarire quindi se ha fornito o meno il proprio consenso al rapporto sessuale. Questa mentalità va cambiata sia dentro le aule che fuori.

La Convenzione di Istanbul è stata sottoscritta dall’Italia ormai da diversi anni. Perché la normativa italiana non è stata ancora adeguata?

La Convenzione è stata sottoscritta dall’Italia nel 2011 e ratificata nel 2012. Alcuni passaggi e articoli sono stati messi in vita anche in Italia, ma quando si parla di stupro è sempre tutta un’altra storia. Sfortunatamente quando in Italia parliamo di stupro abbiamo una serie di stereotipi e falsi miti legati alla violenza sessuale contro le donne che dobbiamo riuscire a smontare. Il problema non è solo legislativo, ma proprio culturale. Ogni volta che una donna prova a denunciare uno stupro deve affrontare tutta una serie di difficoltà, a cominciare dalla serie di domande che vengono poste nel momento in cui parte la denuncia. Come era vestita? Che atteggiamenti aveva avuto precedentemente a quella violenza? Una serie di falsi miti che vanno scardinati passo passo. Quando riusciremo a far capire dentro e fuori le aule di giustizia e dentro a fuori il Parlamento che parlare di stupro vuol dire parlare di consenso e vuol dire che quel consenso non viene fornito, solo allora riusciremo finalmente a cambiare le cose.

Come cercherete il dialogo col governo e col Ministero della Giustizia?

Vogliamo fare un lavoro di squadra, come abbiamo fatto nei mesi prima del lancio della campagna incontrando tantissime associazioni che si occupano di violenza contro le donne. L’unico modo è lavorare sulla mentalità delle persone e far sentire che non è una richiesta esclusiva di Amnesty, ma di tutti gli italiani che chiedono che finalmente le donne e gli uomini vengano trattati alla pari e che il corpo delle donne non venga più visto come un qualcosa a disposizione della volontà maschile. Faremo incontri di pressione con le associazioni, lavoreremo nelle scuole e faremo incontri pubblici in giro per l’Italia.

(Potete ascoltare l’intervista a partire dal minuto 45)

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 22/04/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 22/04/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 22/04/21 delle 19:50

    Metroregione di gio 22/04/21 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 22/04/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 22/04/21

    Ora di punta di gio 22/04/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 22/04/2021

  • PlayStop

    Esteri di gio 22/04/21

    1- Giornata della Terra. Per far dimenticare gli anni Trump, gli Stati Uniti hanno promesso di ridurre le emissioni di…

    Esteri - 22/04/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di gio 22/04/21

    Sunday Blues di gio 22/04/21

    Sunday Blues - 22/04/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 22/04/21

    Uno di Due di gio 22/04/21

    1D2 - 22/04/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 22/04/21

    Considera l'armadillo gio 22/04/21

    Considera l’armadillo - 22/04/2021

  • PlayStop

    Jack di gio 22/04/21

    Jack di gio 22/04/21

    Jack - 22/04/2021

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia: Gianrico Carofiglio

    Settimo incontro del nuovo ciclo di “Lezioni di antimafia” ideato dalla Scuola di Formazione “Antonino Caponnetto” e coordinato da Raffaele…

    Lezioni di antimafia - 22/04/2021

  • PlayStop

    Stay Human di gio 22/04/21

    Stay Human di gio 22/04/21

    Stay human - 22/04/2021

  • PlayStop

    Memos di gio 22/04/21

    Quali segnali arrivano dalla Germania della grande transizione politica, del passaggio da Angel Merkel ai suoi eredi? Memos è tornato…

    Memos - 22/04/2021

  • PlayStop

    Tiziano Tussi, Storia senza memoria

    TIZIANO TUSSI- STORIA SENZA MEMORIA - presentato da CLAUDIO AGOSTONI

    Note dell’autore - 22/04/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 22/04/21

    ira rubini, cult, marco cacciola, massimo menunni, legge delega spettacolo, fotografia sociale, casa delle donne, tiziana ricci, bergamo film meeting,…

    Cult - 22/04/2021

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 22/04/21

    37 e 2 di gio 22/04/21

    37 e 2 - 22/04/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 22/04/21

    La giornata mondiale della terra con Stefano Caserini ed Emanuele Bompan. Novità del decreto Covid, microfono aperto . Che fine…

    Prisma - 22/04/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 22/04/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 22/04/21

    Rassegna stampa internazionale - 22/04/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 22/04/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 22/04/21

    Il demone del tardi - 22/04/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 22/04/21

    Il risveglio di Popolare Network, l'edicola. La rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: 22 aprile 1915, durante la…

    Fino alle otto - 22/04/2021

Adesso in diretta