Approfondimenti

In Cile la sfida tra Kast e Boric è una lotta tra passato e futuro

In Cile mancano pochi giorni al ballottaggio per le presidenziali. Domenica il paese sarà chiamato a scegliere il nuovo presidente, e dovrà scegliere tra due candidati agli antipodi. Sia per quanto riguarda la linea politica che per la visione che hanno del Cile del futuro. In effetti, in queste elezioni, non c’è in ballo solo il futuro più prossimo, ma molto di più. Il risultato di queste elezioni sarà un verdetto su circa 40 anni di politiche economiche neoliberiste e una sentenza sulla forma che il Cile sceglierà di dare alla sua storia da ora in poi.Gustavo Gatica è un ragazzo di 23 anni e quando ne aveva 21, manifestando durante l’estallido social del 2019, ha perso un occhio. In quei mesi, sono stati tanti i ragazzi e le ragazze che hanno perso qualcosa. Qualcuno anche la vita.
“Quando è cominciato l’estallido social speravamo in un paese migliore”, dice Gatica nel video pubblicato sulla pagina twitter del candidato di sinistra Gabriel Boric. “Siamo ancora in tempo per costruire un futuro che si basi sui diritti umani”.
I giovani della rivolta del 2019 hanno lottato per un futuro diverso, per un Cile diverso che offrisse loro una cosa semplice: diritti e prospettive. Ed è a questa generazione che si rivolge Boric. La vittoria dello sfidante Antonio Kast, non rappresenterebbe solo un passo verso il passato, verso il Cile di Pinochet, ma anche una minaccia al processo che le proteste dell’estallido social hanno avviato: la scrittura della nuova costituzione, che più di tutto è stata vista come l’occasione per superare le politiche economiche neoliberiste e le conseguenti profonde disuguaglianze. I punti del programma di Boric vanno in questo senso: dalle tasse più alte, all’abolizione del sistema pensionistico privato, oltre ad una lunga lista di riforme per dare più potere alle donne, ai gruppi indigeni e alle minoranze. Kast, dall’altro lato, punta tutto sui valori della famiglia tradizionale, sul respingimento dei migranti (anche con la costruzione di un fossato lungo il confine) e sul law and order, l’ordine pubblico.
La battaglia in Cile, domenica, sarà tra futuro e passato, tra giovani e status quo, tra chi non rischia niente e chi riesce a malapena a guardare al giorno successivo.

FOTO | La chiusura della campagna elettorale di Gabriel Boric

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 27/01/22

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 28/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 27/01/22 delle 19:50

    Metroregione di gio 27/01/22 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 28/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News Della Notte di gio 27/01/22

    News Della Notte di gio 27/01/22

    News della notte - 28/01/2022

  • PlayStop

    Gli Speciali di gio 27/01/22 delle 20:59

    Gli Speciali di gio 27/01/22 delle 20:59

    Gli speciali - 28/01/2022

  • PlayStop

    Presi per il colle di gio 27/01/22 delle 20:31

    Presi per il colle di gio 27/01/22 delle 20:31

    Presi per il Colle - 28/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di gio 27/01/22

    1- Ucraina. North Stream 2 di nuovo al centro della nuova crisi...Joe Biden minaccia di bloccare il gasdotto tra Russia…

    Esteri - 28/01/2022

  • PlayStop

    The Game di gio 27/01/22

    //Contro il dumping contrattuale e dei contratti pirata. Una ricerca della fondazione “Di Vittorio” (Cgil) presentata ieri a Roma. La…

    The Game - 28/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di gio 27/01/22

    Dove si parla di quanto gli odori di cibo condizionino la nostra vita condominiale e poi collegamento con Roma con…

    Muoviti muoviti - 28/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di gio 27/01/22

    Di tutto un boh di gio 27/01/22

    Di tutto un boh - 28/01/2022

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 27/01/22

    Si parla con Ciro Troiano, criminologo e responsabile Osservatorio Nazionale Zoomafia LAV, della sua nuova ricerca Preso dal nervoso gli…

    Considera l’armadillo - 28/01/2022

  • PlayStop

    Presi per il colle di gio 27/01/22 delle 15:38

    Presi per il colle di gio 27/01/22 delle 15:38

    Presi per il Colle - 28/01/2022

  • PlayStop

    Jack di gio 27/01/22

    Jack di gio 27/01/22

    Jack - 28/01/2022

  • PlayStop

    Raccolte a punti

    quando rimembriamo antichi concorsi ad accumulo tipici dei decenni passati e li confrontiamo con i loro epigoni digitali moderni, poi…

    Poveri ma belli - 28/01/2022

  • PlayStop

    Presi per il colle di gio 27/01/22 delle 12:50

    Presi per il colle di gio 27/01/22 delle 12:50

    Presi per il Colle - 28/01/2022

  • PlayStop

    The weekly report #11 - 26 gennaio 2022

    Fontaines D.C. e Yard Act ci ricordano come la grammatica del post-punk sia perfetta per raccontare il tempo in cui…

    The Weekly Report - 28/01/2022

  • PlayStop

    Cult di gio 27/01/22

    ira rubini, cult, andrea barzini, il fratello minore, barbara sorrentini, palazzo marino in musica, rachel o brien, titti marrone, se…

    Cult - 28/01/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di gio 27/01/22

    Tutto scorre di gio 27/01/22

    Tutto scorre - 28/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di gio 27/01/22

    Quirinale, ore decisive. Con Daniela Preziosi e Luigi Ambrosio. Cosa si sono detti Putin e i dirigenti delle più grandi…

    Prisma - 28/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 27/01/22

    Il demone del tardi - copertina di gio 27/01/22

    Il demone del tardi - 28/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 27/01/22 delle 07:47

    Seconda pagina di gio 27/01/22 delle 07:47

    Seconda pagina - 28/01/2022

Adesso in diretta