Approfondimenti

Il referendum non funziona più?

referendum

Referendum sulla giustizia, un fallimento annunciato. Anche di più visto che hanno fatto peggio del referendum sulle trivelle. Ad urne ancora aperte Lega e Berlusconi già denunciavano il complotto. Stamani Il Giornale scriveva di una vittoria del sistema che ha ripagato i magistrati della connivenza di questi anni. Ecco una delle buone spiegazioni per cui non hanno convinto questi referendum, branditi come arma e vendetta da gente al potere da decenni. Anche se trattavano problemi reali. Anche i Radicali si lamentano con ragionevolezza del silenzio mediatico, ma ancora di più delle interpretazioni ristrette della Corte Costituzionale che ha bocciato i quesiti su “eutanasia e cannabis”. Contro di loro si è alzata più volte l’accusa di aver abusato e spinto lo strumento dove non può costituzionalmente arrivare.

Lasciamo agli esperti il dibattito, a noi rimane lo svuotamento di uno strumento di democrazia diretta di cui abbiamo celebrato proprio ieri l’undicesimo anno quando i referendum su acqua, servizi pubblici, nucleare e legittimo impedimento vinsero con il si del 55% degli aventi diritto al voto. Quindi non solo quorum superato ma anche maggioranza secca degli elettori. Senza tv, quasi senza media, dal basso con associazioni, comitati, territori, i nascenti meet-up, sindacati, partiti politici di sinistra e verdi. Non il PD. Mentre la destra scegliendo la citazione sbagliata diceva “andate al mare”.

Eppure vinse la mobilitazione, il passaparola e internet nonostante gli italiani dichiarassero di informarsi prevalentemente ancora attraverso la tv. Poi successe che la volontà popolare non venne rispettata dal Parlamento e proprio in questi mesi il governo Draghi vorrebbe tornare all’anno zero con l’affidamento dei servizi essenziali in gara ai privati come regola e il pubblico come deroga. D’altronde avete mai sentito di leggi di iniziativa popolare prese sul serio? Ecco. La politica tradizionale non ha capito che la comparsa dei meet-up prima e dei 5stelle poi chiedeva più strumenti di trasparenza, democrazia diretta e partecipazione. Oggi è inutile chiedersi perché la gente non partecipi ai referendum, al netto della loro difficile comprensibilità. Sarebbe, invece, l’occasione buona per rispettare i referendum che hanno convinto e vinto e dare vita a strumenti di democrazia diretta certi e non boicottabili dai partiti.

  • Autore articolo
    Claudio Jampaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 01/07/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 01/07/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

Adesso in diretta