Approfondimenti

Il mezzo milione di vaccinazioni al giorno non siano solo propaganda

vaccini covid

Erano molto attesi i dati sui vaccini effettuati ieri, perché il 29 aprile era il giorno – già più volte posticipato – in cui Draghi ed il commissario Figliuolo avevano promesso di raggiungere le 500mila vaccinazioni al giorno. 

Obbiettivo praticamente centrato, con circa 498mila dosi somministrate: 497993, per l’esattezza. Ora tocca al governo mantenere questi numeri e dimostrare che non sia stata solo propaganda.

In un Paese che oggi ancora non raggiunge il 10% della popolazione coperta dal vaccino, per gli esperti le 500mila dosi al giorno sono il minimo indispensabile per una rapida immunizzazione. L’Italia ormai ci è arrivata, in una campagna che ha oggettivamente accelerato e che ci vede tra i primi in Europa per dosi somministrate ogni giorno per milione di abitanti. 

Ma per avere credibilità  non può restare un caso isolato.

Pochi dubbi che quella di ieri sia stata in parte un’operazione mediatica ben costruita: la scelta del giovedì, il giorno della settimana dove le statistiche indicano che si tocca il picco, le regioni che danno fondo alle scorte, e le scene come quella vista a Milano, fuori dall’HUB Bicocca, con centinaia di persone in attesa, ammassate tutte insieme in poche ore per alzare i numeri delle punture. 

Già da domani vedremo un probabile calo, perché per mantenere e aumentare i 500mila occorre ancora risolvere i tanti piccoli problemi che restano nella frammentata gestione sanitaria regionale, e due questioni più grandi. 

La prima sono le dosi. Abbiamo una media nazionale dell’87% di dosi somministrate rispetto alle disponibili e oltre 3 milioni ancora nei frigo. Almeno 8 regioni hanno reali problemi di approvvigionamento, arrivando ad esaurire le dosi disponibili, considerate le scorte necessarie alla seconda dose di AstraZeneca e Pfizer. L’incertezza delle forniture dovrebbe risolversi a maggio con l’arrivo previsto di quasi 20 milioni di dosi, e non potrà più essere una scusa. 

L’altro macro problema riguarda l’alto numero di contagi, col RT che ha già ripreso a risalire, e di conseguenza il personale: i sindacati medici segnalano che, in alcune regioni, il peso dell’epidemia sugli ospedali impedisce di togliere medici dalle cure e destinarli alle vaccinazioni. A questo, sottolinea il professor Marzio Sisti, a lungo dirigente dell’Asl di Piacenza, si somma il personale impegnato sul tracciamento, e i problemi medico-amministrativi per allargare le vaccinazioni ad esempio alle farmacie, visto che è necessario un controllo e la sorveglianza medica. La fondazione Gimbe sottolinea anche l’incostanza, col drastico calo delle inoculazioni nei giorni festivi, e poi le difficoltà organizzative. 

Le regioni che vanno paggio sono concentrate al sud: Calabria, Sicilia, Basilicata e Sardegna. Poi arrivano Toscana e Lazio. Ivan Cavicchioli, esperto di sistemi sanitari dell’università di Tor Vergata, conferma che accanto ai problemi strutturali di alcuni sistemi regionali, pesano una miriade di micro cause sul territorio. All’interno dello stesso Lazio, ad esempio c’è una situazione a macchia di leopardo: vanno bene le città, più organizzate, meno bene le aree periferiche. Pesa anche l’età media della popolazione concentrata in determinati comuni, che magari non usa sistemi informatici per prenotare rallentando le procedure, una questione destinata ad esaurirsi con l’abbassamento dell’età e l’allargamento dei soggetti da vaccinare. Come influisce in parte la presenza di medici no vax: in Veneto alcuni distretti nei giorni scorsi sono rimasti bloccati, con buchi di centinaia di medici, non vaccinati e non idonei a vaccinare, spiega ancora Cavicchioli.

Se questi problemi saranno risolti si può pensare che la campagna vada a regime nel giro di un mese. Ma servono almeno 3 elementi:

1) che le multinazionali farmaceutiche mantengano gli impegni e consegnino le dosi

2) che il governo e il commissario Figliuolo insistano sul punto fin qui più critico, rendere un sistema l’Italia, dove la frammentazione pesa, soprattutto sulla sanità

3) il terzo ostacolo sarà il contesto, con i casi che potrebbero crescere dopo le riaperture, su cui servirebbe almeno un ripensamento.

  • Autore articolo
    Massimo Alberti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 27/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 27/06/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 27/06/2022

    Il contenitore del lunedì mattina che vi racconta cosa raccontano i giornali, come comunica la politica, le aziende e i…

    Guarda che Lune - 27/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 27/06/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 27/06/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 27/06/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 27/06/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di lunedì 27/06/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 27/06/2022

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di lunedì 27/06/2022

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 27/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di domenica 26/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 26/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/06/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 26/06/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 27/06/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 26/06/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 27/06/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 26/06/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 27/06/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 26/06/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 27/06/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 26/06/2022

    Incantagioni, il nuovo libro di Mariano Tomatis, racconta sei storie di donne ribelli nel mondo del mentalismo; è uscito Prostitute…

    Sui Generis - 27/06/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 26/06/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 27/06/2022

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 26/06/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 27/06/2022

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 26/06/2022

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 27/06/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 26/06/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 27/06/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/06/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 27/06/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/06/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 27/06/2022

Adesso in diretta