Approfondimenti

I raid russi non colpiscono l’Isis

Sul nord-ovest della Siria, una delle roccaforti dell’opposizione al regime di Damasco, ormai bombarda solo l’aviazione russa. E sempre più spesso i suoi raid fanno vittime civili. L’ultimo caso, domenica scorsa, nella città di Ariha, nella provincia di Idlib, dove le bombe russe hanno ucciso più di cinquanta persone che stavano comprando da mangiare nel principale mercato della città.

“I jet russi – ci racconta una fonte di Radio Popolare proprio ad Ariha – hanno sparato tre razzi sul mercato della frutta e della verdura, da dove ogni mattina passano centinaia di persone. Due razzi hanno colpito gli edifici, un altro è caduto in strada. I morti accertati sono 43, ma ci sono anche cinque dispersi e sei corpi non identificati”. A questo si aggiungono decine di feriti: secondo l’ospedale di Ariha almeno tredici sono molto gravi.

La zona di Ariha non è controllata dallo Stato Islamico. Nella provincia di Idlib, l’unica provincia siriana totalmente controllata dai ribelli, non ci sono miliziani dell’ISIS. Eppure l’aviazione di Mosca continua a concentrarsi su questa regione, anche Radio Popolare aveva già raccolto altre testimonianze simili. Ennesima conferma del fatto che la priorità di Putin non sia sconfiggere il Califfato ma eliminare i gruppi ribelli che stanno mettendo a rischio le posizioni del regime. Idlib è vicina al Latakia e alla costa mediterranea, la regione di riferimento per la comunità alawita siriana, la stessa alla quale appartiene la famiglia Assad. Anche il jet russo abbattuto dai turchi la scorsa settimana voleva non lontano da Idlib.

Ma come è possibile identificare i jet russi? Sulla base di quali elementi l’opposizione siriana dice che i jet che bombardano il nord-ovest della Siria, come quelli che hanno colpito Ariha, sono jet russi? “Abbiamo degli osservatori molto efficaci – ci spiega la nostra fonte da Ariha-. Alcuni militari siriani che hanno disertato e sono passati con i gruppi dell’opposizione sono in grado di captare, grazie a strumentazioni specifiche, le conversazioni degli piloti che volano sopra questa zona. Sono stazioni radio in grado di sentire i piloti che parlano con la loro base. E domenica scorsa erano russi”.

In questa regione gli aerei russi avrebbero praticamente sostituito i caccia e gli elicotteri siriani. “Sono ormai due mesi – ci conferma la fonte di Radio Popolare -che non vediamo e non sentiamo quasi più l’aviazione di Damasco”. Domenica scorsa i raid russi su tutta la provincia di Idlib sarebbero stati in tutto 75, con 77 vittime, praticamente tutte civili.

Ariha è vicina a un’importante base militare, quella di Maarat al-Numan, a lungo contesa tra esercito e ribelli. Ma oggi Ariha è molto lontana dalla linea del fronte. “I combattimenti – aggiunge ancora la nostra fonte – sono a circa 55 chilometri. In città non ci sono più miliziani. Anche per questo il bombardamento di domenica ci ha colto di sorpresa”.

La regione di Ariha, come quasi tutta la provincia di Idlib, è controllata militarmente da Jaish al-Fatah, l’Esercito della Conquista, una coalizione di gruppi armati, soprattutto islamici ma non solo. Della coalizione, nonostante alcune divergenze con le altre milizie, fa parte anche al-Nusra, il principale gruppo islamista dell’opposizione siriana, sulla carta il braccio siriano di al-Qaida.

Ma la Russia non colpisce questa regione perché ci sono gruppi islamici. Al-Nusra è cosa ben diversa dall’Isis. La sua è una battaglia contro il regime siriano, sulla base di una rigida interpretazione della religione islamica, ma sempre una campagna esclusivamente contro il regime di Assad. Nessun progetto di colpire fuori dalla Siria. Mosca sa però che questa è la minaccia principale per Damasco. I gruppi che combattono a Idlib sono quelli che in questi anni hanno dimostrato la maggior capacità militare.

Per la popolazione civile, invece, cambia bene poco. All’ennesima domanda sui jet russi la nostra fonte ad Ariha ci ricorda che alla fine la storia è sempre la stessa. “Prima erano gli aerei di Assad adesso sono quelli russi, ma in fondo noi siamo sempre sotto le bombe”.

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 17/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 18/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 18/05/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 18/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 17/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 18/05/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 17/05/2022

    Dal 14 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantunesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 18/05/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 17/05/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 18/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 17/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 18/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 17/05/2022

    1-Ucraina. Verso una nuova evacuazione dal sito Azovstal. Ieri 264 combattenti si erano arresi alle truppe russe. Il Punto di…

    Esteri - 17/05/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 17/05/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 18/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 17/05/2022

    Dove si parla del bando dell'ARPAC della Campania per cercare "esaminatori di odori". Richiesto buon naso e un'estrema pulizia del…

    Muoviti muoviti - 18/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 17/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 18/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 17/05/2022

    Si parla con Gianluca Felicetti presidente di Lav su ministro Cingolani, Europa, caccia, cinghiali, Roma, ma anche del censimento del…

    Considera l’armadillo - 18/05/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 17/05/2022

    Novità e approfondimenti con Jack Box a cura di Ilaria Bonelli

    Jack - 18/05/2022

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 15/05/2022

    http://vitowar.blogspot.it/ A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae…

    Reggae Radio Station - 18/05/2022

  • PlayStop

    La famiglia di 2,3 membri

    quando vi chiediamo quanto spendete al mese, poi andiamo a lezioni di cinese e infine torniamo a Singapore a vedere…

    Poveri ma belli - 18/05/2022

  • PlayStop

    Milano ricorda il commissario Luigi Calabresi, ucciso 50 anni fa

    Per quell'omicidio sono stati condannati Ovidio Bompressi, Adriano Sofri e Giorgio Pietrostefani, per la cui estradizione proprio domani si terrà…

    Clip - 17/05/2022

  • PlayStop

    Valeria Parrella, La fortuna

    VALERIA PARRELLA - LA FORTUNA – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 18/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 17/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 18/05/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 17/05/2022

    la direttrice della fotografia ucraina Nastya Roshuk, l’UpToYou Festival a Bergamo, Antonio Rezza torna all’Elfo Puccini con Flavia Mastrella, Raffaele…

    Cult - 18/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 17/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 18/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di martedì 17/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA, ULTIMI SVILUPPI, ANALISI E COMMENTI con Emanuele Valenti e Mariella Cao, portavoce del comitato “Gettiamo le basi”,…

    Prisma - 18/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 17/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 18/05/2022

Adesso in diretta