Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mer 26/02 delle ore 22:30

    GR di mer 26/02 delle ore 22:30

    Giornale Radio - 27/02/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 26/02

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 27/02/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 26/02 delle 19:46

    Metroregione di mer 26/02 delle 19:46

    Rassegna Stampa - 27/02/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Funk shui di mer 26/02

    Funk shui di mer 26/02

    Funk shui - 27/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 26/02 (terza parte)

    Ora di punta di mer 26/02 (terza parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 27/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 26/02 (seconda parte)

    Ora di punta di mer 26/02 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 27/02/2020

  • PlayStop

    Esteri di mer 26/02

    1- Il Brasile sull’orlo di un grave crisi istituzionale. Il presidente Bolsonaro ha annunciato il suo appoggio ad una marcia…

    Esteri - 27/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 26/02 (prima parte)

    Ora di punta di mer 26/02 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 27/02/2020

  • PlayStop

    Malos di mer 26/02 (seconda parte)

    Malos di mer 26/02 (seconda parte)

    MALOS - 27/02/2020

  • PlayStop

    Malos di mer 26/02 (prima parte)

    Malos di mer 26/02 (prima parte)

    MALOS - 27/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di mer 26/02 (seconda parte)

    Con Riccardo Berenato del pub Triple parliamo di coronavirus e delle ordinanze regionale dedicate a bar e locali. (seconda parte)

    Due di Due - 27/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di mer 26/02 (prima parte)

    Con Leo Arlati della storica Trattoria milanese Arlati parliamo di ristorazione e delle ripercussioni dell'ordinanza sul coronavirus. (prima parte)

    Due di Due - 27/02/2020

  • PlayStop

    Sacca del Diavolo di dom 23/02

    Sacca del Diavolo di dom 23/02

    La sacca del diavolo - 27/02/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 26/02 (seconda parte)

    Erykah Badu, Niia, Francesca Michielin, Re:earth, Queen, Live, The Specials, Brunori Sas, Angelo Branduardi, Amy Winehouse (seconda parte)

    Jack - 27/02/2020

  • PlayStop

    Notte Vulnerabile di mar 25/02

    Notte Vulnerabile di mar 25/02

    Notte vulnerabile - 27/02/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 26/02 (prima parte)

    Erykah Badu, Niia, Francesca Michielin, Re:earth, Queen, Live, The Specials, Brunori Sas, Angelo Branduardi, Amy Winehouse (prima parte)

    Jack - 27/02/2020

  • PlayStop

    Radio Session 26-02-20

    a cura di Matteo Villaci

    Radio Session - 27/02/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 26/02

    Considera l'armadillo mer 26/02

    Considera l’armadillo - 27/02/2020

  • PlayStop

    L'altro martedì 25/02/2020

    40 anni in diretta! 1980 - 2020�..Conducono Eleonora Dall’Ovo e Ira Rubini..Speciale Libri dalle 21.30 alle 22.00..Dopo anni di collaborazione…

    L’Altro Martedì - 27/02/2020

  • PlayStop

    Memos di mer 26/02

    Razionalità e panico, paura e sicurezza; e poi regola, eccezione, contagio, immunità. E’ il lessico della crisi da coronavirus. Una…

    Memos - 27/02/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore 26/02/20

    GIULIANA CHIARETTI - ESSERE MILANO - presentato da AGNESE MIRALTA

    Note dell’autore - 26/02/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 26/02 (seconda parte)

    Cult di mer 26/02 (seconda parte)

    Cult - 27/02/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 26/02 (prima parte)

    Cult di mer 26/02 (prima parte)

    Cult - 27/02/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

I gelsomini non profumano più

Cinque anni fa Mohamed Bouazizi, un 26enne venditore di strada, si dava fuoco in segno di protesta contro la polizia di Sidi Bouzid. Nel giro di pochi giorni, tutta la Tunisia era teatro di manifestazioni che chiedevano libertà, lavoro, la fine del corrotto regime di Zine El Abidine Ben Ali.

La rivoluzione dei gelsomini, come fu chiamata, si allargò ad altri Paesi del mondo arabo. La forza della delle “primavere arabe” sorprese, e in certi casi preoccupò, il mondo. In Cina si vietò la ricerca della parola “Egitto” nei motori di ricerca e la vendita del gelsomino.

Cinque anni dopo, la situazione è molto cambiata. I Paesi delle “primavere arabe”sono stati travolti, come nel caso dell’Egitto, da una dura repressione. In Siria gli iniziali movimenti di protesta sono degenerati in una guerra lunga, sanguinosa, tragica.

La Tunisia ha conosciuto un destino meno drammatico; ma anche qui, come altrove, le speranze iniziali non sono state mantenute. “La rivoluzione è scomparsa dalle strade”, dice ai microfoni di Chawki Senouci Debora Del Pistoia, cooperante dell’ong Cospe.

Debora Del Pistoia: “Cinque anni dopo”

La Tunisia ha conosciuto negli ultimi anni un lento ritorno a forme di repressione del dissenso e delle libertà civili. Gli oppositori, soprattutto nel caso di quelli che criticano l’esercito, subiscono forme di intimidazione. La libertà di parola, soprattutto in Rete, è sempre più limitata. Gli omosessuali vengono arrestati e condannati a pene dure. “Dopo l’attentato del 24 novembre, lo stato di emergenza e la repressione è esplosa, con arresti, perquisizioni, violazioni”, spiega ancora Debora Del Pistoia.

Debora Del Pistoia “E’ tornata la paura e la repressione”

Lo stato di polizia è quindi stato ripristinato. Ma non è solo la libertà a mancare nella vita quotidiana dei tunisini. La rivoluzione del 2010 chiedeva “pane e lavoro”, oltre che libertà. Oggi la disoccupazione dilaga e la corruzione ha ripreso piede. Ancora Debora Del Pistoia ai microfoni di Chawki Senouci.

Debora Del Pistoia:”La situazione economica è drammatica”

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni