Approfondimenti

Francia, il governo riscrive l’articolo 24 della legge sulla sicurezza globale

governo francia

Davanti alle proteste e al rischio sempre più concreto di creare una frattura insanabile nei ranghi della maggioranza, il governo francese ha deciso che l’articolo 24 della controversa legge sulla sicurezza globale, quello che prevede di punire chi dovesse diffondere delle immagini lesive della salute psicofisica di un agente, dovrà essere completamente riscritto dai deputati. Non stralciato, come chiedono le opposizioni, ma nemmeno rielaborato da una commissione indipendente, come aveva proposto il primo ministro scatenando la rabbia del presidente dell’assemblea nazionale che, pur appartenendo anche lui alla maggioranza presidenziale, ricordava che il potere legislativo spetta al parlamento.

Un dibattito interno che è scoppiato proprio mentre mezzo milione di persone scendeva in strada per manifestare contro la proposta di legge, sabato erano più di cento mila nella sola Parigi, e l’opinione pubblica era ancora sotto shock per le immagini del pestaggio di un produttore musicale nero da parte di tre poliziotti. La situazione era così tesa che il presidente è corso ai ripari, organizzando una serie di vertici all’Eliseo tra domenica e lunedì che ha portato a questa mezza marcia indietro: un tentativo di salvare la faccia senza discreditare ufficialmente il lavoro del ministro dell’Interno, Gerald Darmanin, autore dell’articolo più controverso.

Anche se la vicenda di Michel Zecler non è l’unica che ha per protagonisti dei poliziotti violenti ad essere arrivata alla ribalta delle cronache nelle ultime settimane, è quella che è riuscita a scuotere profondamente i piani alti. I suoi aggressori sono stati sospesi, poi trattenuti in custodia cautelare e incriminati nel giro di poche ore. Due di loro rimarranno in detenzione provvisoria per evitare che facciano pressione sui testimoni o inquinino le prove, una misura rarissima in casi che coinvolgono degli agenti, con il capo della polizia che ha ammesso di essere scandalizzato e ha parlato di comportamenti da delinquenti.

La diffusione del video ha costretto persino il presidente Macron, che fin qui sosteneva le posizioni securitarie del suo ministro dell’Interno, a scrivere che “sono immagini inaccettabili” che “fanno vergognare” la Francia. Il timore di Macron, oltre a quello che si apra una crisi politica, è che le manifestazioni contro la legge sulla sicurezza globale diventino degli appuntamenti fissi, come era successo con i gilets gialli, riuscendo a federare ampi settori della società civile a un anno e mezzo dalle elezioni presidenziali.

L’annuncio della riscrittura dell’articolo 24, però, potrebbe non bastare a calmare le acque. Intanto perché non è chiaro come i deputati della maggioranza pensano di procedere, visto che l’articolo è stato approvato in prima lettura dalla camera ed è già stato trasmesso al senato. Ma soprattutto perché non è l’unico aspetto discutibile del progetto di legge, che prevede ad esempio l’uso di droni senza autorizzazioni precise o che permette agli agenti fuori servizio di tenere la loro arma, e perché le voci che chiedono delle misure concrete contro la violenza delle forze dell’ordine sono tornate a farsi sentire con una nuova intensità.

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sab 15/05/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 15/05/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 14/05/21 delle 19:49

    Metroregione di ven 14/05/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 15/05/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News Della Notte di sab 15/05/21

    News Della Notte di sab 15/05/21

    News della notte - 15/05/2021

  • PlayStop

    Conduzione Musicale di sab 15/05/21

    Conduzione Musicale di sab 15/05/21

    Conduzione musicale - 15/05/2021

  • PlayStop

    On Stage di sab 15/05/21

    ira rubini, on stage, chi ha ucciso mio padre, edouard louis, daria deflorian, antonio tagliarini, teatro astra torino, federico tiezzi,…

    On Stage - 15/05/2021

  • PlayStop

    Passatel di sab 15/05/21

    Passatel di sab 15/05/21

    Passatel - 15/05/2021

  • PlayStop

    Pop Up di sab 15/05/21

    Pop Up di sab 15/05/21

    Pop Up Live - 15/05/2021

  • PlayStop

    Sidecar di sab 15/05/21

    Sidecar di sab 15/05/21

    Sidecar - 15/05/2021

  • PlayStop

    I Girasoli di sab 15/05/21

    I Girasoli di sab 15/05/21

    I girasoli - 15/05/2021

  • PlayStop

    Sabato Libri di sab 15/05/21

    Sabato Libri di sab 15/05/21

    Sabato libri - 15/05/2021

  • PlayStop

    Itaca di sab 15/05/21

    Itaca di sab 15/05/21

    Itaca - 15/05/2021

  • PlayStop

    Itaca Rassegna di sab 15/05/21

    Itaca Rassegna di sab 15/05/21

    Itaca – Rassegna Stampa - 15/05/2021

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 15/05/21

    Mash-Up di sab 15/05/21

    Mash-Up - 15/05/2021

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 14/05/21

    Doppia Acca di ven 14/05/21

    Doppia Acca - 15/05/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di ven 14/05/21

    News Della Notte di ven 14/05/21

    News della notte - 15/05/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di ven 14/05/21

    A casa con voi di ven 14/05/21

    A casa con voi - 15/05/2021

  • PlayStop

    Esteri di ven 14/05/21

    Esteri di ven 14/05/21

    Esteri - 15/05/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 14/05/21

    Ora di punta di ven 14/05/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 15/05/2021

  • PlayStop

    Follow Friday di ven 14/05/21

    Follow Friday di ven 14/05/21

    Follow Friday - 15/05/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di ven 14/05/21

    Uno di Due di ven 14/05/21

    1D2 - 15/05/2021

Adesso in diretta