Approfondimenti

La Francia reagisce alle violenze di polizia

Macron Violenze Francia Polizia

Il pestaggio di un produttore musicale indifeso da parte di tre poliziotti, che hanno poi falsificato il verbale per giustificare le violenze, ha profondamente sconvolto l’opinione pubblica francese. Persino Emmanuel Macron ha fatto sapere di essere rimasto particolarmente scioccato dalle immagini della telecamera di videosorveglianza che hanno ripreso l’intervento della polizia, sabato scorso a Parigi.

Anche se non ha parlato pubblicamente, il presidente della Repubblica ha formalmente chiesto al ministro dell’Interno, Gerald Darmanin, di emanare delle sanzioni contro gli autori delle violenze e il ministro ha promesso in diretta tv che chiederà la revoca degli agenti, se le indagini confermeranno i fatti. Per un funzionario, la revoca implica che non possa più ricoprire alcun ruolo nella pubblica
amministrazione.

Da quando è stato diffuso il video del pestaggio, le reazioni si sono moltiplicate. Non solo quelle dei politici, sia della maggioranza che delle opposizioni, ma anche quelle dei colleghi dei quattro agenti indagati – i tre che hanno fermato il produttore e quello che ha lanciato un fumogeno nello studio musicale in cui si era rifugiato.

Per una volta le istituzioni non difendono automaticamente i poliziotti e diversi responsabili delle forze dell’ordine hanno abbandonato le giustificazioni retoriche per dare voce a un certo smarrimento. “è inammissibile, sono degli squilibrati”, si mormora nei corridoi. “Queste immagini avranno delle ripercussioni su tutti noi”, criticano i gendarmi. Per capire quanto questa vicenda stia facendo presa nell’opinione pubblica basta guardare i conti social dei più famosi sportivi francesi.

Le star del calcio e del basket si esprimono molto raramente sui fatti di cronaca o di società. Ma da ieri personaggi come Antoine Griezmann, Kylian Mbappé o Rudy Gobert rilanciano sui loro account il video del pestaggio e invitano i loro follower a interrogarsi sulla questione delle violenze della polizia.

L’impatto mediatico della vicenda ha anche dato un colpo d’acceleratore alle indagini. I quattro indagati sono trattenuti in custodia cautelare e oggi sono stati convocati dall’IGPN, gli affari interni della polizia, per essere interrogati in presenza dei loro avvocati. I quattro sono accusati, tra l’altro, di violenze a sfondo razzista.

Una procedura di questo tipo non è solo molto rara, ma di solito ci vogliono settimane prima che gli autori dei fatti vengano ascoltati. Segno che questo è forse davvero lo scandalo di troppo, in un periodo già segnato da altri casi simili e proprio mentre il parlamento esamina una legge, quella sulla sicurezza globale, che prevede non solo una serie di misure securitarie, ma soprattutto un articolo che porterebbe a un controllo rigidissimo della diffusione delle immagini degli agenti in azione.

Se quel testo fosse già in vigore, ricorda Le Monde, la vittima sarebbe stata perseguita per resistenza all’arresto e gli agenti avrebbero continuato a lavorare indisturbati. Dopo tutto, prosegue il quotidiano, il comportamento dei poliziotti dipende in gran parte dagli ordini che ricevono e dall’impunità che gli viene o meno garantita.

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 27/01/21 delle 19:47

    Metroregione di mer 27/01/21 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 28/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Funk shui di gio 28/01/21

    Funk shui di gio 28/01/21

    Funk shui - 28/01/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 27/01/21

    Jazz Ahead di mer 27/01/21

    Jazz Ahead - 28/01/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 27/01/21

    A casa con voi di mer 27/01/21

    A casa con voi - 28/01/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 27/01/21

    Ora di punta di mer 27/01/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 28/01/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 27/01/21

    ..1-Il cambiamento climatico diventerà una priorità di sicurezza nazionale. Joe Biden firmerà una serie di decreti per la riduzione delle…

    Esteri - 28/01/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 27/01/21

    Sunday Blues di mer 27/01/21

    Sunday Blues - 28/01/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 27/01/21

    Uno di Due di mer 27/01/21

    1D2 - 28/01/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 27/01/21

    Considera l'armadillo mer 27/01/21

    Considera l’armadillo - 28/01/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 27/01/21

    Jack di mer 27/01/21

    Jack - 28/01/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 27/01/21

    Stay Human di mer 27/01/21

    Stay human - 28/01/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 27/01/21

    Giorno della Memoria, 27 gennaio 1945 la liberazione del campo di sterminio nazista di Auschwitz. Si ricordano le vittime della…

    Memos - 28/01/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 27/01/21

    ira rubini, cult, giorno della memoria 2021, nannerel fiano, università statale di milano, nedo fiano, memoriale shoah milano, tiziana ricci,…

    Cult - 28/01/2021

  • PlayStop

    Matteo Corradini, Luci nella Shoah

    MATTEO CORRADINI - LUCI NELLA SHOAH - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28/01/2021

  • PlayStop

    psicoradio di mar 26/01/21

    Ritrovare l'affetto in RSA - C’era una signora molto apprensiva che spesso videochiamava la madre con skype. Alla madre appariva…

    Psicoradio - 28/01/2021

Adesso in diretta