Approfondimenti

Fase 2: com’è la situazione a Osnago? L’intervista al sindaco Paolo Brivio

Comune di Osnago

La fase 2 in Italia è gradualmente lo scorso 4 maggio e tra una settimana entrerà ufficialmente nel. vivo con la gran parte delle riaperture. Com’è la situazione ad Osnago ad ormai una settimana dalle prime riaperture? Il sindaco Paolo Brivio racconta a Radio Popolare come ci si sta preparando al ritorno verso una quasi normalità, anche se si è deciso di imporre ulteriori limitazioni oltre quelle previste dall’ultimo DPCM.

L’intervista di Serena Tarabini a Fino Alle Otto.

Come sta andando la fase 2 ad Osnago? Avete osservato anche voi la questione della “troppa gente in giro”?

Siamo reduci da una fase uno pesante e drammatica, anche se per fortuna forse nel nostro comune un po’ meno rispetto ai territori immediatamente circostanti. Abbiamo avuto 25 contaminati su una popolazione di 4.800 persone, due decessi di persone anziane correlati ad altri problemi di salute. Una situazione, anche guardando ai tassi di mortalità di marzo e aprile, non così discostata da quella degli anni precedenti; sul fronte sanitario abbiamo affrontato tutti i problemi che i territori lombardi hanno registrato, ma in qualche modo non è stata toccata da eventi oltremodo drammatici.
Riguardo alla fase 2 c’erano e ci sono molte paure ed apprensione, noi sindaci della provincia di Lecco abbiamo adottato la settimana scorsa delle ordinanze per ulteriori limitazioni oltre quelle previste dal DPCM. In particolare tutti insieme abbiamo deciso di vietare l’attività motoria che prevedesse l’accesso con mezzi di trasporto privati, per evitare forme di turismo da fuori. I sindaci di alcuni comuni temevano l’assalto da parte di persone provenienti dalla Città metropolitana e devo dire che forse per la funzione deterrente di queste ordinanza, forse perché la gente è veramente responsabile, l’assalto non c’è stato. Osnago è una delle porte d’accesso al parco del Curone, abbiamo avuto un po’ movimento ma non più di tanto, abbiamo osservato persone che non hanno rispettato le norme ma in numero limitato.

Per quanto tempo verrà mantenuta questa ulteriore limitazione?

L’abbiamo tutti prevista fino al 18 maggio e devo dire che questo ci ha procurato un richiamo dal Prefetto di Lecco, che ci ha ricordato che i poteri di ordinanza del sindaco non devono contrastare le indicazioni nazionali, ma io credo che le ordinanze hanno fondamento nel DCM del 26 aprile, non non vogliamo impedire l’attività motoria ma limitarne alcuni aspetti, e comunque ha funzionato e non si sono verificate le situazioni che, per esempio, avevamo all’inizio di marzo quando l’epidemia stava dilagando e le persone andavano al mare, in montagna al lago come se niente fosse.

Quale umore prevale in relazione all’estate in arrivo?

Tra gli amministratori prevalgono la paura e la prudenza, come è comprensibile che sia. Tra gli operatori del settore prevale l’esigenza di riaprire. Osnago non ha caratteristiche di attrattività turistica elevata, però parlando con gli operatori dei settori, bar o altri tipi di servizi, l’apprensione per il futuro della propria attività è alta. Sono abbastanza tranquillo sul fronte delle aziende, hanno ricominciato a lavorare con attenzione e investimenti sul fronte della sicurezza. Il fronte commerciale mi preoccupato un po’ di più. Ci troviamo di fronte misto di sentimenti, è una fase di transizione.

Cosa ha rappresentato questa emergenza per Osnago? Quali sono state le problematiche principali?

Da punto di vista sanitario non abbiamo avuto i picchi di drammatici che hanno toccato territori a noi vicini, noi siamo a 10 km dalla bergamasca. Di sicuro ha svelato la fragilità di un sistema sanitario dal punto di vista della sua capacità di lavorare sul territorio, di fare prevenzione, di fare accertamenti epidemiologici, lo abbiamo toccato con mano;
Nelle ultime due settimane vedo dei segni di risveglio relativi al fatto che il sistema sanitario nel suo complesso ha intrapreso la strada giusta: per esempio abbiamo ricevuto indicazioni da ATS sul fatto che verranno avviati i test sierologici. Finalmente a livello di sistema si è imboccata una strada di maggiore attenzione. Chiaro, siamo reduci da due mesi di gestione fallimentare, dal mio piccolo osservatorio posso confermarlo. A livello sociale abbiamo riscontrato subito delle condizioni drammatiche. Le do un dato: il bisogno alimentare ad Osnago si è triplicato; noi abbiamo un programma di aiuto alle famiglie in povertà che dura da 10 anni, eravamo attestati sulla ventina di borse alimentari e in poco tempo abbiamo dovuto fare fronte a un bisogno che ha riguardato 74 famiglie e 215 persone singole finora, con altre domande pendenti. Il 5% delle persone ha bisogno di un aiuto per mangiare in quello che è un un territorio ricco. Poi noi abbiamo messo in campo in generale le risorse del volontariato locale che è molto attivo e con cui abbiamo sperimentato forme inedite di collaborazione; oltre alla generosità delle persone abbiamo sperimentato anche la capacità e la disponibilità a collaborare in forme nuove che spero rappresenteranno una risorsa anche per il futuro.

Foto dalla pagina Facebook del Comune di Osnago

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 29/10/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 29/10/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 29/10/20 delle 07:14

    Metroregione di gio 29/10/20 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 29/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 29/10/20

    Fino alle otto di gio 29/10/20

    Fino alle otto - 29/10/2020

  • PlayStop

    Funk shui di gio 29/10/20

    Funk shui di gio 29/10/20

    Funk shui - 29/10/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 28/10/20

    A casa con voi di mer 28/10/20

    A casa con voi - 29/10/2020

  • PlayStop

    Esteri di mer 28/10/20

    1- Votare negli Stati Uniti non è un diritto garantito per ..tutti. L’odissea degli elettori da New York al Wisconsin.…

    Esteri - 29/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 28/10/20

    Ora di punta di mer 28/10/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 29/10/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 28/10/20

    Uno di Due di mer 28/10/20

    1D2 - 29/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 28/10/20

    Considera l'armadillo mer 28/10/20

    Considera l’armadillo - 29/10/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 28/10/20

    Jack di mer 28/10/20

    Jack - 29/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di mer 28/10/20

    Stay Human di mer 28/10/20

    Stay human - 29/10/2020

  • PlayStop

    psicoradio di mar 27/10/20

    La puntata della settimana è dedicata a questa seconda ondata di Covid-19. Ci siamo domandati se e come i Dipartimenti…

    Psicoradio - 29/10/2020

  • PlayStop

    Memos di mer 28/10/20

    Lo spettro del debito pubblico italiano non si aggira più per l’Europa. Perchè l’agenzia americana di valutazione Standard&Poor’s, qualche giorno…

    Memos - 29/10/2020

  • PlayStop

    Sara Turetta, I cani della mia vita

    SARA TURETTA - I CANI DELLA MIA VITA - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 29/10/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 28/10/20

    ira rubini, cult, maurizio principato risonanze, matteo ceschi, note per salvare il pianeta, vololibero edizioni, nordic film festival, linda gaardner,…

    Cult - 29/10/2020

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 28/10/20

    Trump e il suo profilo Twitter; individuati gli hacker russi responsabili dei più clamorosi attacchi degli ultimi anni; Snowden ha…

    Doppio Click - 29/10/2020

Adesso in diretta