Approfondimenti

“Spero non si arrivi alla crisi”. Faraone di Italia Viva spiega la posizione sul Recovery Fund

Matteo Renzi Italia Viva Recovery Fund

Davide Faraone, capogruppo di Italia Viva al Senato, commenta a Radio Popolare la presa di posizione del partito fondato da Matteo Renzi contro la task force tecnica proposta dal premier Conte per gestire i soldi europei del Recovery Fund.

L’intervista di Lorenza Ghidini e Roberto Maggioni a Prisma.

Cosa contesta Italia Viva a Conte, in particolare sulla governance del Recovery Fund e dei fondi che arriveranno dall’Europa?

È una cosa molto semplice: si vuole di fatto sostituire le istituzioni democratiche, cioè il Parlamento, ma siamo arrivati perfino alla sostituzione del Consiglio dei Ministri, con una task force composta da sei tecnici. Se dobbiamo sostituire il Parlamento e il Governo nella gestione della più imponente operazione economica in questo Paese dal dopoguerra (stiamo parlando di 209 miliardi di euro una tantum che ci serviranno per rilanciare l’economia del nostro Paese) con dei tecnici che governino e gestiscano così tanti soldi tanto vale che arrivi un governo tecnico. Perché ci deve essere un governo politico? Noi reputiamo che questo sia un fatto sbagliato. Siamo convinti che ci debba essere la politica con le sue scelte strategiche a gestire queste risorse economiche. Non abbiamo bisogno di ulteriori carrozzoni: oltre alla task force ci sarebbe una nuova struttura che sarebbe una sorta di nuovo ministero dove si dovrebbero assumere consulenti, tecnici di altro tipo rispetto a quelli che già ci sono a Roma. Quella struttura si occuperebbe del Recovery Fund.

Secondo voi Conte sta facendo un governo ombra, un governo nel governo?

Secondo noi Conte si è un po’ abituato a una gestione del governo commissariale che è giustamente andata bene nella prima fase della pandemia, quando c’era da prendere delle decisioni che avevano a che fare con una gestione sanitaria abbastanza delicata, ma non può diventare quella la prassi. Ci sono commissioni parlamentari, con dentro parlamentari eletti dal popolo, che possono stabilire come indirizzare quelle risorse. Ci sono ministri nominati da lui, tra l’altro con affermazioni da parte sua un po’ eccessive sul fatto che sono i migliori del Mondo. Poi dice a tutti questi di stare in panchina che arrivano sei tecnici, sei burocrati, e decidono come gestire 209 miliardi per il Paese. Togliamo tutto l’aspetto politico: anche le forze sociali si lamentano di non essere state mai sentite rispetto all’utilizzo di questi miliardi. Vogliamo gestire le risorse in questo modo, senza ascoltare sindacati, Confindustria, gli agricoltori? Io credo sia surreale. Stiamo ricevendo, da parte della stragrande maggioranza dei cittadini, tante sollecitazioni ad andare avanti. Noi faremo la nostra battaglia proprio in nome delle istituzioni democratiche, che il Parlamento e il Consiglio dei Ministri siano coinvolti insieme a tutte le Regioni e i sindaci. Sono 209 miliardi, non bruscolini, e su questi soldi ci giochiamo il futuro del Paese.

L’Italia storicamente non ha fatto una bella figura nella gestione dei fondi europei. Forse l’idea dietro al mettere in campo questi tecnici è che servirebbe un controllo terzo rispetto alla politica?

Non credo sia questo il tema, anche perché la politica ha il compito di indirizzare le risorse economiche, non di gestire e nemmeno di stare lì burocraticamente a firmare “le carte”. Ci sono gli uffici, attualmente sono operativi nei Ministeri e a Palazzo Chigi, che svolgono la loro funzione. Se non vanno bene quelli è un problema. Il Presidente Conte ritiene che la nostra burocrazia è così impantanata da dover fare un nuova struttura (che già soltanto per metterla in piedi ci vorranno settimane). Perché non facciamo funzionare bene le strutture che abbiamo già? Bisogna dare a quelle strutture poteri straordinari (sulle grandi opere noi l’abbiamo sempre fatto). Utilizziamo quello che abbiamo, non costruiamo altri carrozzoni, e diamogli poteri speciali per agire in fretta. La politica faccia delle scelte, non sei tecnici. Abbiamo deciso di mandare Conte alla presidenza e non un tecnico perché pensavamo che questa fase andasse gestita dalla politica. Ancora di più lo pensiamo dopo la pandemia e dopo che l’Europa ci ha destinato queste risorse per risollevare il Paese.

Una regia politica c’è sopra questi sei tecnici, ed è al momento gestita da Conte e i Ministri Gualtieri e Patuanelli. Se coinvolgesse anche una delle vostre Ministre all’interno del Governo sarebbe già meglio per voi?

Tutto il ragionamento che ho fatto non cambierebbe: non è che se mettono un Ministro di Italia Viva cambia il ragionamento, il problema rimane identico.

Quale sarà allora il compromesso che Italia Viva è disposta ad accettare?

Intanto che non si utilizzi un emendamento alla legge di bilancio per una questione così importante, ma un provvedimento ad hoc che arrivi in Parlamento e venga discusso su come costruire questa governance delle risorse economiche. Poi, il coinvolgimento pieno del Parlamento sulla realizzazione del Recovery Plan, incluse anche le opposizioni. Mi spiegate perché metà Parlamento debba stare in panchina? Stanno in panchina sia la maggioranza che l’opposizione. Facciamo appello a tutte le forze politiche di questo Paese.

Senza queste due condizioni questa volta farete sul serio? Aprirete una crisi ritirando i Ministri?

Assolutamente sì, e devo dire che dentro la maggioranza sta crescendo sempre più la consapevolezza che la nostra è una posizione giusta. Io spero che non si arrivi a questo punto, perché credo che siamo in una situazione tale nel Paese dove una crisi di Governo non ce la possiamo permettere. È chiaro però che se si dovesse andare avanti senza ascoltare le nostre proposte, a quel punto è chiaro che bisognerà trarre le proprie conclusioni.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 16/04 18:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 16-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 16/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 16-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 16/04/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 16-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Playground di martedì 16/04/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 16-04-2024

  • PlayStop

    Express di martedì 16/04/2024

    Da Milano a Bruxelles, da Liverpool a Detroit, da Rio de Janeiro a Barcellona. Nuove uscite, concerti, vecchi classici e dischi da salvare. Ogni settimana, un giro del mondo della musica a bordo di Express.

    Express - 16-04-2024

  • PlayStop

    Jack di martedì 16/04/2024

    Ospiti della puntata Salvatore De Siena del Parto delle Nuvole Pesanti e Erlend Øye e la comitiva per un'intervista con brani live per lanciare il loro tour e disco

    Jack - 16-04-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 16/04/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi nella rubrica mensile Sull'onda dell'ornitogia ha ospitato il professor Aleko Miho, Capo Gruppo di Botanica, Dipartimento di Biologia, Facoltà di Scieze Naturali, università di Tirana e @Rosario Balestrieri, ornitologo della @Stazione Zoologica Anton Dohrn per parlarci della settimana di ricerca nel Delta del Vjosa e scopriamo che Aleko voleva essere gatto

    Considera l’armadillo - 16-04-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di martedì 16/04/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 16-04-2024

  • PlayStop

    Cult di martedì 16/04/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 16-04-2024

  • PlayStop

    Un 25 aprile Popolare - E9

    Milano capitale della Resistenza ospiterà un museo nazionale della Resistenza per capire cosa sarà e soprattutto come vuole raccontare il movimento di Liberazione, la lotta, la storia c'è un sito già al lavoro, ricco di proposte: www.museodellaresistenza.it. Tiziana Pesce ci racconta gli aspetti “privati” dei suoi genitori, Giovanni Pesce, nome di battaglia Visone, e Onorina “Nori” Brambilla, nome di battaglia Sandra.

    Clip - 16-04-2024

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Nando Benigno e Nando dalla Chiesa

    Settima e ultima lezione dell’ottavo ciclo di incontri ideati dalla Scuola di formazione “Antonino Caponnetto” e realizzati insieme a Radio Popolare. Il 5 aprile 2024, nella Sala del Grechetto alla biblioteca Sormani di Milano hanno discusso di educazione alla legalità Nando Benigno, è stato insegnante e fondatore del «Coordinamento insegnanti e presidi contro la mafia», all’inizio degli anni ‘80 a Milano; e Nando dalla Chiesa, presidente della Scuola di formazione “Antonino Caponnetto”, presidente onorario di Libera e docente di sociologia della criminalità organizzata all’università Statale di Milano, autore di «La legalità è un sentimento. Manuale controcorrente di educazione civica» (Bompiani, 2023). La lezione è stata introdotta da Giuseppe Teri, vicepresidente della Scuola Caponnetto.

    Pubblica - 16-04-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 16/04/2024

    Il governo delle ideologie. Da Valditara contro le scuole chiuse alle associazioni pro-life nei consultori: posizioni di retroguardia o pericoli reali? Conduce da Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 16-04-2024

  • PlayStop

    EUROPAMENTE - Al voto con l'Europa in testa - E2

    La povertà e le disuguaglianze: può l'Europa essere più giusta? Perché la povertà e l'esclusione sociale sembrano non essere mai le vere priorità? Eppure qualcosa è stato fatto. E, soprattutto, può essere fatto adesso. Alessandro Principe ne ha parlato con Elena Granaglia del Forum Disuguaglianze e Diversità, docente di Scienza delle finanze all'Università di Roma 3.

    Clip - 16-04-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 16/04/2024

    Oggi abbiamo parlato della situazione in Medioriente e della probabile risposta di Israele all’attacco di sabato notte da parte dell’Iran col nostro Emanuele Valenti e con Francesco Mazzucotelli, professore di storia e cultura mediorientale all’università di Pavia; per la rubrica “Un 25 aprile popolare”, Tiziana Pesce ci ha raccontato la storia dei suoi genitori, Giovanni Pesce e Onorina Brambilla. Con Lina Broch, dirigente scolastica trentina e Gianna Fracassi, segretaria Flc Cgil, della battagli ideologica del ministro Valditara alla scuola dell’inclusione. Alessandro Pirncipe ci ha presentato la seconda punta della rubrica Europamente. Infine, abbiamo raccontato la pedalata longa per i diritti umani che porterà Vittorio Barbanotti ad attraversare l’Italia in bicicletta

    Giorni Migliori – Intro - 16-04-2024

  • PlayStop

    PAOLO VALOPPI - MIO PADRE AVRA' LA VITA ETERNA

    PAOLO VALOPPI - MIO PADRE AVRA' LA VITA ETERNA - presentato da Ira Rubini

    Note dell’autore - 16-04-2024

Adesso in diretta